Un Mondiale per 6

MOTORSPORT/F1 BARCELONA TESTS 2009
Barrichello? Button? Ma dai, con tutto il rispetto, non sono candidati credibili. Anche se in Australia, con il caos regolamenti che ancora domina, potranno fare l’iradiddio.

Piuttosto, dovendo buttare lì dei nomi per il titolo 2009, alla vigilia di gara uno, viene in mente tiutt’altro.

In ordine alfabetico Fernando Alonso, Lewis Hamilton, Robert Kubica, Felipe Massa, Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Sono 6 piloti, sono i piloti più dotati di talento e mezzi teoricamente adatti al raggiungimento del traguardo. Potete decidere voi in quale ordine sistemarli pensando ai vostri gusti, alle vostre valutazioni. Per completare il panorama vi offriamo qui qualche elemento utile, secondo il nostro giudizio, s’intende, quindi tutta roba relativa.

Fernando Alonso: è il più dotato di talento, carattere, personalità. Ha poco da perdere e molto da guadagnare, sa sfruttare ogni occasione. Lo scorso anno ha commesso qualche errore causa frustrazione post McLaren e foga. Ora è più sereno anche perchè, come abbiamo scritto a suo tempo, il suo futuro è assicurato: andrà alla Ferrari (secondo noi,il prossimo anno). In compenso la Renault ha licenziato molti tecnici e non è detto che abbia messo in pista una macchina all’altezza. Ma di certo Nando dirà la sua.

Lewis Hamilton: ha vinto il titolo 2008 per un pelo, ha trascorso un inverno da star e adesso deve confermarsi. Non facile, anche perchè la sua Mclaren parte lenta. Guida come un dio, non ha ancora una personalità all’altezza del suo talento ma ha una gran squadra che lavora per lui, che per lui farà anche quest’anno progressi eccellenti. C’è da sperare che si sblocchi un po’, in tutti i sensi.

Robert Kubica: nel 2008 è stato il pilota più costante nell’alto rendimento, abbinato alla macchina meno sviluppata in assoluto. Quindi, serve un atteggiamento diverso della Bmw, anche nel trattamento dei propri piloti. Brontola spesso ma ha mostrato i numeri utili ad un potenziale campione del mondo. In aggiunta è un ragazzo per bene, simpatico e collabora con Grand Prix e Sportmediaset. Insomma, abbastanza per seguirlo con simpatia.

Felipe Massa: è il pilota che più ha sorpreso lo scorso anno, una maturazione notevole e qualche sfortuna decisiva. Per questo, pure lui, come Hamilton, è atteso ad una riconferma, magari migliorando, eliminando dalla sua stagione quelle pause di rendimento devastanti. Era destinato a fare il secondo pilota, si è conquistato la fiducia di tecnici e spettatori, sa che questa potrebbe essere la sua ultima grande occasione.

Kimi Raikkonen: ha un nuovo ingegnere di pista (Stella) innamorato di lui, pare sia reduce da un inverno di riflessione e penitenza. Benissimo. Vedremo. Ha deluso tutti lo scorso anno e se non vince il titolo dovrà lasciare il posto ad Alonso. In aggiunta è il caso che segnali maturazione a 360 gradi, vistoc he troppo spesso pare un bambino sperduto. Insomma, solo compiti da svolgere, con un talento capace di tutto.

Sebastian Vettel: l’abbiamo aggiunto per meriti acquisiti sul campo, perchè trattasi di talento da seguire chilometro dopo chilometro. Non ha una macchina teoricamente strepitosa ma lui strepitoso lo è di certo. Può contionuare a crescere ed è già su standard eccellenti, quindi, un candidato outsider che alla Formula 1 ha fatto, fa e farà benissimo. Se volete puntare su un campione del mondo del futuro, beh, segnatevi il suo nome.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

33 risposte a “Un Mondiale per 6

  1. ferrari,renault e rdr hanno presentato reclamo ufficiale contro i diffusori incirminati.le verifiche tecniche del giovedi sono già finite ovviamente in australia ed ora i commissari stanno valutando le proteste (alla quale si è aggiunta anche la bmw ma la sua protesta è stata respinta perchè presentata troppo tardi)

  2. caro giorgio mi dispiace ma questo modo di stuzzicare kimi non mi piace per niente! non mi piace questo modo di sbandierare alonso quando la ferrari ha due piloti fenomenali. perchè mettere in dubbio le capacità di kimi? perchè metterlo in croce per ogni minima disavventura? lasciatelo in pace! forza Kimi tvb!

  3. Una formula uno con l’elettronica l’eccessiva sicurezza viene privata del suo essere. Una formula uno dai tempi è sinonimo di velocità di pericolo di rischi. Oggi un pilota rischia dieci volte meno di un agente di commercio, il pilota perde il fascino del super uomo. Tornare indietro per andare avanti.

  4. ora si vedra finalmente cosa sarà in grado di fare hamilton con una macchina poco competitiva visto che il ragazzino ha debuttato su un missile e nn come qualcun’altro…..
    Si vedra anche se Massa è stata solo una meteora
    Mi aspetto un Raikkonen molto combattivo in fondo un anno storto ci può stare per chiunque ( Massa nn si sa quanti ne abbia avuti )
    Ecclestone e Mosley A CASA !!! rovinano e basta la f1

  5. Tutti quelli che vogliono fare ricorso per il diffusore posteriore, sn solo degli ipocriti, e lo fanno per giustificare le prestazioni nn ottimali che si aspettavano ai test. Volevo vedere se una ferrari,renault o McLaren avesse avuto questa idea che definisco a dir poco geniale ci sarebbe stato tutto questo macello…..Ed allora basta con le polemiche, accettate il fatto che ci possano essere scuderie che a volte siano migliori di voi

  6. secondo alcune dichiarazioni di addetti ai lavori ferrari,toyota e bmw sono piu o meno sullo stesso livello.la bgp è davanti a tutti con un vantaggio che va dal secondo ai 6 decimi,ovviamente neanche loro sanno come ha girato la nuova scuderia di ross brawn ma hanno solo analizzato i tempi dei vari run fatti durante i test

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *