La vergogna e lo strappo

Montezemolo

Montezemolo

Come volevasi dimostrare c’è il caos a Melbourne. Reclami, temporeggiamenti, tatticismi, sgambetti. Il risultato è il seguente: avremo due gare, in Australia e in Malesia, cariche di sospetti, le cui classifiche dovranno passare per il tribunale. In aggiunta abbiamo una faida aperta tra i costruttori e Mosley. Una faida aperta tra la Fota ed Ecclestone. Una faida indecifrabile all’interno dei costruttori perché Brawn fa parte della Fota ed ha schierato una macchina che buona parte della Fota giudica irregolare. Perché la Toyota fa parte della Fota ed ha schierato una macchina che buona parte della Fota giudica irregolare. Perché in queste condizioni non si capisce, si capirà pochissimo di quanto conti il nuovo regolamento tecnico.

In compenso, sappiamo che questo regolamento è un fallimento conclamato visto che ha già prodotto un tale caos interpretativo. E’ vergognoso che tutto ciò accada in questi tempi e con questi metodi alla fine di un inverno in cui tutti hanno predicato molto e combinato zero proprio sul fronte della politica sportiva. Quindi, siccome la faccia è perduta, crediamo che il presidente Montezemolo, presidente della Ferrari (e cioè della forza più potente in campo se misuriamo popolarità, ascolti tv, attenzione degli appassionati nel mondo intero) possa davvero portare avanti una minaccia vista sino a ieri come una semplice provocazione. Mollare il colpo, uscire da questa situazione di perenne ambiguità e correre lasciando da parte la Federazione e chi per la Federazione gioca. Se la Fota è forte e compatta come viene ripetutamente dichiarato, la Fota può fare per conto proprio. E’ stato ventilato più volte un possibile boicottaggio. Bene, è il momento di fare qualcosa di davvero rilevante, tanto la reputazione di questa Formula 1 è già andata in malora. Meglio fermare e ripartire con un ordine comprensibile che andare avanti in questo teatrino.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

18 risposte a “La vergogna e lo strappo

  1. Montezemolo deve imporre il proprio potere che è la FERRARI e minacciare di lasciare la formula 1 se non vengono fatti regolamenti chiari da interpretare e non lasciare sempre che i soliti furbi appoggiati da Ecclestone giochino sporco.

  2. Ormai siamo al ridicolo e al grottesco. Già il finale dell’anno scorso con Glock aveva sollevato parecchie perplessità, ora siamo al ridicolo. Io, per sicurezza, preferisco guardarmi la MotoGp, almeno lì si vede un po’ di spettacolo e sorpassi al limite. Fanno di tutto per cambiare le regole. Io farei di tutto per cambiare le due mummie lì al vertice.

  3. Dov’è finita l’epoca di Senna, Prost, Mansell e compagnia bella! Quelli si che erano anni! Quelle si che erano auto! Quelli si che erano piloti! Alla fine quella era la F1!!! Han tirato via alette, cambiato gomme, cambiato ala anteriore e posteriore, cambiato le regole! Ma tornate a progettare auto stile anni ’90 con la tecnologia di ora e lasciate guidare i piloti!

  4. Però i nostri amici giornalisti dovrebbero imparare a fare il loro mestiere invece di puntare solo sull’effetto terrorismo. Sarebbe meglio chiarire quello che sta succedendo invece di scrivere stupidaggini. Non ci sarà nessun risultato sub-judice perchè nessuna macchina è illegale. Se in sede di appello l’interpretazione regolamentare vincente obbligherà i teams “perdenti” a modificare la propria vettura. In nessun caso la classifica sarà modificata, così come già accaduto nel 2007 (Ferrari obbligata a modificare il proprio fondo piatto dopo l’Australia)e nel 2006 (mass damper della Renault).

  5. Onestamente cambiare i regolamenti ogni anno ha stufato,se si continua con Mosley e Ecclestone mi aspetto che tra un paio di anni il titolo lo vinca chi ottiene più terzi posti,così giusto per sprofondare ancor di + nel ridicolo.W la f1 senza FIA e senza i 2 vecchi!

  6. Scusa Giorgione ma qui non si tratta di difendere la Ferrari, dato che Montezuma sa benissimo farsi i suoi conticini e trarre le dovute somme… qui si tratta di tutelare noi spettatori: a che serve puntare la sveglia domenica mattina? Tanto, il vincitore lo sapremo a distanza di giorni… In tutto questo gode chi scommette: pensa, ha la possibilità di indicare il nome del vincitore in gara e anche di quello a tavolino!!!
    Sono le mie ultime gocce di sarcasmo, mi sta passando anche quello… poi sarà indifferenza!!!

  7. dopo i vari tira e molla,sulle nuove regole,invernali tra la FOTA la FIA e ECCLESTONE siamo arrivati alla partenza del primo gp con la certezza che per sapere la classifica finale dei primi due gp(australia e malesia)bisogna aspettare la decisione del tribunale della FIA sui reclami presentati dalla FERRARI RENAULT e RED BULL.in tutto questo caos mi trovano d’accordo chi dice che per protesta la FOTA potrebbe organizzare un campionato F1 senza la FIa e sopratutto ECCLESTONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *