Il destino sta scherzando

La BrownGp ai box

Brawn, come previsto. Con una gabola, secondo Ferrari&C. Vedremo.

Intanto, dentro questo primo, clamoroso risultato, c’è una bizza del destino altrettanto fuori media. Jenson Button, una volta, era considerato l’eroe promesso del motorismo non solo britannico. Biondo e bello, veloce e scrocco. Perfetto. Conteso.

Sino a quando non è apparso sulla scena Lewis Hamilton, in tutto opposto a lui. Una apparizione e poi un tifone che ha cacciato Button in un angolino, complice quel disastro agonistico che fu la Honda. Bene: non solo Button si trova all’improvviso al centro della scena. Si ritrova lì dopo aver rischiato di restare senza lavoro (causa ritiro della stessa Honda) mentre proprio Hamilton piomba in un’ombra assoluta, retrocesso 18esimo addirittura, perduto laggiù.

Poi Barrichello, il vero favorito della corsa australiana. Era fuori pure lui, doppiamente. Causa Honda ko, come detto. Causa concorrenza del giovane Bruno Senna, candidatissimo a soffiargli il posto. Senna, un cognome come un incubo perchè è stato Barrichello a pagare il conto più salato connesso alla morte di Ayrton. Doveva colmare un vuoto incolmabile e, ovviamente, non ce l’ha fatta, nonostante una lunga avventura Ferrari, Una avventura con dentro la peggiore controindicazione assoluta per un pilota: Michael Schumacher.

Sì, il destino si sta divertendo a Melbourne. Anche a proposito della Brawn. Perchè adesso viene il forsissimo sospetto che, al di là di questo fondo probabilmente non regolare, questa sia un’ottima macchina, una vera rivelazione. Il destino-non solo quello- si diverte anche ai danni della Fota. Davanti ci sono due team, non due costruttori.

Brawn e Red Bull, grazie all’eccezionale exploit di Vettel. E’ lui – se togliamo di mezzo reclami e proteste – il dominatore di questo inizio. E sarà lui, con molta probabilità, un protagonista assoluto di questa stagione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

48 risposte a “Il destino sta scherzando

  1. Vero,lìitaliano medio è ferrari centrico.
    Io invece che sono medio tifo per la williams e per chi ci mette il cuore in f1,cioè tutti tranne massa e raikko…………….
    mi vien da ridere pensare a tutte le cose sentite ieri e oggi,siccome la ferrari ha fatto schifo e lo farà ancora…….via subito a rifar le regole!
    rimpiango sempre di più la f1 anni 70…………28 piloti al via e i costruttori più disparati!

  2. Certo che sentire i vostri commenti post gara conferma solo quello che aveva detto un noto uomo dello sport usa, cioè “GLI INGLESI AMANO LA F1, GLI ITALIANI AMANO LA FERRARI”. Infatti è bastata la cattivissima prestazione delle rosse per incriminare un’intera gara che tutto sommato è stata molto competitiva, ci scommetto che se davanti fosse finita una delle ferrari ora sarebbe tutti qui a parlare della competitività della gara che però nonostante tutto la ferrari ha avuto la meglio. Comunque bisogna far chiarezza subito su questo regolamento in modo che le macchine abbiano gli stessi strumenti a disposizione e non che le piccole abbiano degli strumenti in più.

  3. ho letto le parole di Nick Fry in uno degli articoli: “loro sono i grandi e noi i piccoli”.

    (sottovoce… e forse, vagamente, “irregolari”)

  4. x Caronte… “perdere sonno ed energie PER questa F1 non ne vale proprio la pena!” OPS, temo di aver lasciato per strada il “PER”. ad ogni modo, visto il risultato delle rosse, penso di non essere stato un cattivo profeta! chi dorme non piglierà di certo pesci, ma evita perlomeno di vedere gare pesantemente condizionate (vorrei scrivere “falsate”) dalla diversa interpretazione dei regolamenti! purtroppo, da una F1 espressione dell’eccellenza tecnologica, della fantasia e creatività applicata alle competizioni, si è progressivamente passati ad un “appiattimento” che solo in parte garantisce lo spettacolo, consentendo, per contro, vantaggi consistenti a chi è in grado di individuare falle o zone d’ombra nei regolamenti. e come sempre, vinca il miglior… ehm, il più “FURBO”!!!

  5. 2006-2007 / 2007-2008 / 2009-2010 3 anni e tre stessi copioni Ferrari per niente affidabile,nella rossa ingegneri,meccanici e piloti sono tutti incompetenti.
    vorrei sottolineare come la mclaren sia talmente affidabile che oggi partendo dall’ultimo posto e arrivata terza….con questi punti si vincono i mondiali…..

  6. come immaginavo,la vera formula 1 e finita,ma quante regole stupide e inutili…e poi le macchine..bruttissime si parla sempre di sicurezza,ok sono daccordo,ma non sarebbe meglio dare solo 3 regole?1.misure della monoposto 2.cilindrata 3.peso.
    e poi devo essere i team a fare il meglio possibile,e anche se le macchine diventano troppo potenti non è grave,stiamo parlando della klasse regina dei motori e i piloti devo prendersi i loro rischi anche perche se non mi sbaglio guadagniano molto bene!se la formula uno non vuole rischiare di perdere i suoi fans,deve ricomciare a fare correre macchine vere e non dei computer chip su 4 ruote!volete mettere i duelli schumi hakkinen?io sono sicuro che quest’anno di domenica faro qualcosa piu interessante e divrtente che guardare la f1!hanno rovinato lo sport piu bello del mondo…..

  7. NON CI RIMANE CHE COPIARE LE SQUADRE ILLEGALI;PER UNA VOLTA FACCIAMOLO ANCHE NOI…MENTRE A MARANELLO SPERIAMO CHE SI FACCIANO PIU FURBI E AGGIUNGONO QUALCHE CAVALLO IN PIU’ A OGNI GARA,ALTRO CHE MOTORI CONGELATI…MA ALLA MCLAREN QUEST’ANNO QUALE MACCHINA HANNO COPIATO…SENZA LE SPIE INTERNE NON SONO NESSUNO…NON GLI RESTA CHE PIANGERE…RITIRIAMO IL RICORSO E FACCIAMOGLI VEDERE CHI SIAMO,ALLA FINE CI SARA’ PIU’ GUSTO A VINCERE…

  8. oh ragazzi ricordate che ross brown ers alla mc laren e alla ferrari non sono stupito di lui perch quel uomo e un genio e ver non a creato un buana macchina ma un missile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *