Questa l’ha vinta Melandri

Melandri con Rossi

Melandri con Rossi

Non si può far finta di niente. Melandri magari manterrà sulla questione un atteggiamento signorile, ma se ci dicessero che nel cuore ha un megasberleffo da confidare ad amici e parenti, non ci meraviglieremmo. Al limite sarebbe anche legittimo. Perchè, diciamocelo, la palta di cui è stato ricoperto nel momento più difficile della sua carriera, ora pare rinsecchirsi e staccarglisi di dosso.
C’è un uomo che è il simbolo di questa piccola grande rivincita consumata in una sera sola, che magari resterà anche unica, ma intanto è lì, nero su bianco: l’incolpevole Nicky Hayden.
Nel senso che Marco Melandri è davanti a Nicky Hayden!

Melandri con la Kawasaki Hayate dell’ultimo minuto, la moto che avrebbe dovuto rifiutare in nome di un futuro più certo in Superbike, precede la Ducati ufficialissima di Nicky Hayden.
Immaginiamo cosa significhi per uno che sembrava diventato un pacco tutto d’un tratto. Che tutto sommato ha avuto solo se stesso e pochi altri a fare il tifo. L’uomo che ne ha preso il posto, è andato più piano. Mica leggero il concetto per gente come questa.
E in questa sera umidiccia Melandri trova un turbo in quei quattro decimi rifilati al suo sostituto che in più becca due secondi dallo stesso capitano che umiliava Marco tutte le volte che mettevano le ruote in pista.
Melandri può pensare che il destino passa di mano. Che oggi tocca a me, ma domani tocca quasi sempre a te. Che a volte un ripiego (la Hayate) è più adatto di una prima scelta (la Ducati), a seconda di come ti cuci, o ti cuciono, addosso le situazioni.
Finirà tutto qui perchè non è pensabile che esista un altro Melandri nella storia della Ducati, che si ripetano le stesse circostanze. Ma se sulla faccia di Melandri da stasera c’è un sorriso un po’ più ampio, sarà anche per il sentimento della vendetta che da queste parti può anche essere sacrosanto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

41 risposte a “Questa l’ha vinta Melandri

  1. Bè, che dire tutti parlano e sparlano,povero Marco lo state trucidando,io credo che uno a cui fanno guidare una motoGp non è un fesso!! altrimenti chi gli dà in mano un mezzo del genere!!? e poi il non riuscire a guidare una moto non vuol dire che non si sappia guidarne altre e pare l’abbia dimostrato ampiamente quest’anno.Niky? sta dimostrando che non era solo Marco ad avere problemi sulla Ducati, ai miei tempi guidavo una suzuki gsxr 1100 dell’87 come se fosse una 250 e tutti si facevano meraviglie! non ci credereste ma non riuscivo a guidare le varie 600 come facevo con la suzuki!

  2. Rimango dell’idea che quando Melandri ha avuto a disposizione una moto VERA si son visti i risultati… senza parlare della ridicola affermazione di ieri circa il sorpasso a Stoner… a fine gara si è visto chi era davanti e con quanto distacco… senza dimenticare che nei (fin’ora) 55 GP disputati insieme Melandri è arrivato dietro 39 volte…

  3. Marco, non mollare. ci sono i valentino, che vanno bene qualsiasi cosa facciano. E ci sono i Melandri, che si fanno in quattro per portare a casa un risultato qualsiasi, e nessuno ci metterebbe sopra un euro. Vai avanti cosi’. Capisco in pieno la tua soddisfazione.. BRAVOOOOOO.

  4. Escludete melandri dalla moto gp….meglio di lui anke vermuler,non è capace di guidare nenche un triciclo è negatoooo!!!!
    FORZA VALE TU SI KE SEI FORTE!!!!

  5. Melandri fa vergogna al motomondiale… toglietelo non fa per lui… quando va forte cade, quando va bene esce di pista… 🙁

    la Ducati è una gran moto ??? il pilota non sa accontentarsi ??? il pilota vuole la moto su misura ??? chi sa guidare lo fa con qualunque cosa (Rossi in primis)

  6. concordo con guido e con michele!!!!marco è un bravo pilota ma con la ducati nn si trovava.(punto)
    e hayden è un cane con un enorme fondo schiena…!

  7. una rondine non fa primavera.
    Una stagione in ultima posizione ad almeno 2 secondi di media dal tuo compagno si.
    aspettiamo la fine dell’anno per dare giudizi.
    parlare di rinascita per un posto a metà classifica non da nemmeno il giusto valore al talento di melandri.

  8. Tutti bla bla bla.Resta il fatto che Melandri la sua occasione con il “caccia”Ducati l’ha avuta e c’è mancato poco che non lo mandano a casa a metà stagione.Forse ora, solo SuperStoner riesce a far andare forte la Rossa di Borgo Panigale,ma a me basta.Guido Meda, rischi di fare la stessa fine di Terruzzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *