Stoner-Rossi, lontani eppure vicini

Stoner e Rossi

Stoner e Rossi

Un inverno lungo e acido, turni di prove secchi e brevi, due piloti che fanno giri rapidi e ostili . Il Motomondiale sta tornando, come se non fosse successo niente, con Stoner e Rossi seduti sulla bilancia.
Che pende dalla parte del ducatista al momento. Ed è un pendere che vale mezzo secondo su Valentino in un turno di qualifica che doveva far dimenticare le gomme supermorbide da tempo eppure non è successo. Le valutazioni con la gomma dura, da gara, per entrambi parlano di un passo che non li tiene poi così distanti. E sarà la gara, come concetto, a darci una risposta. E’ così certo che Stoner andrà via in solitaria nel buio della sera? Quei tre decimi che ballano tra lui e Valentino rimarranno lì?

Bisogna guardare la storia per provare a dare una risposta, trovando che Rossi, se il passo non lo dà perdente in maniera devastante, ci mette del suo, nel warmup e poi in gara, per mantenere un contatto con Stoner che in gara rischia di essere meno esplosivo che in prova. La gara insomma li ha spesso livellati, come concetto. Tutto in teoria però. Tutto sperando che il gran premio di stasera rimanga aperto quanto basta.
Stoner scatterà davanti a Rossi e a Lorenzo che prende un po’ dell’uno e un po’ dell’altro cercando di diventare bravo come loro. Ma anche tre piloti italiani nelle prime cinque posizioni non sono uno scherzo.
E siamo ancora lì, un po’ per Rossi, un po’ per la rossa che benedice il dio dei calendari di aver messo il Qatar come prima gara. Con quel pubblico che è poco o quasi niente, quei curvoni lunghi che preludono ad un rettilineo lunghissimo sul quale cercare di diventare imprendibili. Mentre Rossi son tre giorni che ha l’occhio da gara, che sgobba per mettere giù una Yamaha da corsa svelto svelto come fa Stoner di tradizione. C’è meno tempo per provare, sacrificato alla crisi, e un nuovo adattamento era richiesto: un nuovo adattamento è arrivato. Come se uno fosse, con la Ducati, comprensibile nella sua bravura, come se l’altro, con la Yamaha, aspettasse la corsa per buttar fuori la sua libidine nascosta ma nota di sportivo puro. E noi non stiamo più nella pelle.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

23 risposte a “Stoner-Rossi, lontani eppure vicini

  1. ciao ragazzi ci son molti ke credono ke quest’anno sarà di stoner il campionato io ho i miei dubbi…… nn metto in dubbio stoner e forte ma rossi e il dottore inassoluto….SE NN ERA X JORGE LORENZO KE HA FATTO DA TAPPO ERA UN BEL DUELLO…….

  2. Volevo solo ringraziare mediaset a nome di tutti gli italiani che vivono all’estero perché finalmente anche noi possiamo vedere il motomondiale con commento in italiano. Che vinca il migliore!!!

  3. Vale x orgoglio e soldi, nn accetta la richiesta della Ducati, al posto di Stoner poteva esserci lui, ma chissà xchè… allora deve lavorare di più, sacrificarsi e poi nn lamentarsi!!!!!!! Io sono tifosissimo di Vale, ma nn m’è andata giù il rifiuto alla Ducati. Allora calmiamo gli animi e in sella a chi se la vince senza rammarico!!!!!!!!!!!!!

  4. rossi riuscirà a fare la differenza in gara recuperando i decimi che mancano basta riesca a non farlo andare via i primi giri

  5. la f1-farsa almeno 31 giri li ha fatti
    lo sport serio manco quelli a quanto vedo HAHAHAHAH!
    che sia da lezione alla redazione sport di mediaset,sarebbe ora che trattasse la f1 con piu rispetto.

  6. Sono arrivato ad una mia conclusione forse un po troppo FORTE se vogliamo:CREDO CHE LA DUCATI DOVREBE RITIRARSI DALLA MOTO GP..non e’ possibile avere 5 o 6 moto uguli ed avere un solo pilota 3 secondi avanti a tutti gli altri…e non m venite a dire che Gibe e’ un fermo oppure che hayden non e’ capace!!Vorrei delle spiegazioni in merito…in SBk le ducati piu o meno camminano tutte..MA BECCARSI 3 SECONDI E’ UNA COSA TROPPO ASSURDA..COSI LA DUCATI PUO SOLO ROVINARE LA CARRIERA DEI PILOTI1!sbaglio???MELANDRI INSEGNA….ed aveva ragione che LA DESMO E’ FATTA SOLO PER STONER!!Non va bene cosi…

  7. purtroppo sappiamo bene tutti che Rossi è un animale da gara e lì darà il meglio,Casey deve riuscire a tenerlo dietro punto e basta….i discorsi sul passo non contano più,come anche quelli delle velocità in rettilineo:il sito della motogp riporta anche le velocità di punta per chi non lo sapesse e,indovinate un pò????
    entrambi hanno fatto segnare 330,679 km/h….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *