Stoner e l’acqua santa

Rossi, Stoner e Lorenzo

Rossi, Stoner e Lorenzo

C’è un prologo da ricordare ora. Siamo a domenica sera e i team hanno appena deciso di rinviare il Gran Premio del Qatar a lunedì di Pasquetta. In sala stampa arriva Casey Stoner e sembra un canguro bastonato. Bisbiglia: non vuole correre. Cerca di convincere Vermuelen e di tirar dentro Capirossi. Basta, partiamo tutti per il Giappone. Chi lo ascolta, si domanda come mai un pilota che è stato davanti in ogni turno di prove, destinato a partire in pole su una pista che ama, preferisca annullare la gara. Manca la sicurezza, dice Casey e probabilmente a questo pensa e stop. Ma l’ ipotesi non frena qualche malignità così sintetizzabile: non si fida delle sue gomme, pensa di non riuscire a finire una gara su ritmi adeguati al podio alto.
Ciò che è accaduto in gara basta e avanza per buttare via le interpretazioni della domenica notte anche se probabilmente proprio ciò che è accaduto domenica notte ha rivoluzionato le condizioni della pista al punto da produrre una serie di sorprese tra i protagonisti, quelli che la sanno davvero lunga, mica come noi.
L’acqua del Qatar, così temuta da Stoner, si è di fatto trasformata in una alleata preziosa trasformando una pista sporca e umidiccia in un biliardino dal panno grigio. Abbastanza per far saltare i pronostici di rendimento di mezza MotoGp, Ducati e Yamaha comprese. Rossi si è detto spiazzato più dal proprio calo che dalla tenuta della rossa. Ma certamente anche Rossi deve aver fatto calcoli più rassicuranti rispetto al rendimento delle gomme di Stoner. Così come Stoner può aver ipotizzato dopo le qualifiche qualche rischio sulla distanza.
Morale: l’esperiemto Qatar sul fronte pneumatici in gara pare quasi nullo. La classifica rispecchia pienamente le previsioni del pre campionato ma, paradossalmente, è il frutto di una condizione così anomala da risultare quasi irripetibile. Il che non toglie che questa Ducati abbia presentato già il conto. A Rossi soprattutto. Perchè, da qualunque parti la si guardi, Stoner è stato davanti sempre. Prima e dopo questa alluvione che è parsa un candeggio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

159 risposte a “Stoner e l’acqua santa

  1. Grande Roberto! Ti voglio come inviato speciale a motegi ahahah XD

    Dove continuiamo ??? Qui o su altri thread?

    Non lo trovavo piu

    Marcello

  2. Il primo round è finito. Bastoner e L’alieno. il massimo. il dottore sapeva in cuor suo che il pacchetto dell’altro stava messo meglio ma finire a 4 invece che a 8 non avrebbe cambiato nulla. la tattica è precisa,feroce…spietata…sempre quella (ed è appena iniziata ). il cartello che indica sempre meno…sempre meno…la pressione sul ragazzo è tanta … (l’alieno è davvero forte) i fantasmi del passato ancora li… per ora ce l’hai fatta ragazzo… ma a motegi lo sai, sarà durissima… prima o poi lui arriverà da te… lo so…sei pronto,sei più pronto di quello che sembra…auguri,ragazzo…ne hai un gran bisogno…inizia il 2 round…

  3. …e intanto Rossi si lamenta delle prove da 45m e come sempre si fa quello che dice lui, secondo i suoi bisogni, giustamente poteva avvantaggiarsi la Ducati di questo?! e vabbè

  4. Complimenti a Roberto per l’intervento. Ottima ed efficace analisi (in sintesi) storico-psicologica di quel periodo. Bravo.

  5. cari”colleghi”appassionati di gp…… la storia è li’ sotto i nostri occhi(e non si cambia) e se il gioco è quanti mondiali ha rossi si dimostra che si sa contare ma non necessariamente che si abbia provato a capire come si sia arrivati a questo. Ma facciamo un passo indietro…nel 1993 dominava la yamaha con Rainey,poi l’incidente a Misano,il ritiro dell’iridato Scwhantz a fine stagione creano i presupposti del dominio honda con l’ormai trentenne DOOHAN (e un certo jeremy burgees ai box)che durerà 10 anni e che permetterà ai vari Okada,itoh,criville,ukawa di essere competitivi.poi nel ’98 arriva BIAGGI che invece di aspettare tranquillo e sereno il ritiro imminente di Doohan e prendere il suo posto in HRC,fa il capopopolo alla “romana”,del tipo ” ao’ rega’ nun manno fatto vince er mondiale per quello la’ e mo’ me ne vado !!”. MA DOVE VAI BIAGGI!!!!!!….e così Vale prende il posto(c’è ancora tempo per un mondiale di criville)di biaggi in hrc,con compagni ormai demotivati(criville)o privi di talento(ukawa)gli unici che condividono com lui il raffinato(per l’epoca) controllo di trazione il primo o il 4 tempi evoluto(il secondo)che Vale non voleva nemmeno(eh Rossi non me la sono scordata)!!!….poi nel 2003 kato(che stava a gibernau come schumy stava a irvine)muore alla prima gara(ho pianto) e il suo scudiero lotta 7-8 gare con rossi quasi alla pari…però poi c’è quel gp di germania dove vale cade a 5 giri dalla fine e recupera a un ritmo di 4-5 sec al giro e va a podio e li’ il dubbio che sia il più forte di tutti i tempi ti viene…e poi infine il 2004,il capolavoro, con la yamaha che riduce le moto a 4 concentrandosi su Valentino e spendendo fiumi di soldi(se perdeva anche con vale era la fine come immagine). LI’ Vale ha DIMOSTRATO a me e a tutti chi era. e a me va bene così con Vale al 100% e non più come nel 2001 e 2002…chi vuol capire capisca… w il motocicismo

  6. Ciao,
    ritogliamo l’elettronica, cosi vediamo come stà la moto a mo’ di capello……:)))) !
    La cosa che ricordo con piu’ piacere dei GP passati, era la guida in perdita di aderenza, il compiuter non deve sapere a che regime deve stare il motore in quel punto della curva, l’importante e che lo sappia il pilota se non vuol decollare….. o no ???

  7. Vorrei solo ricordare un dato statistico la vittoria di Stoner in Qatar è stata la 25ma vittoria della Ducati in Motogp. Nel dettaglio: 7 Capirossi, 1 Bayliss e 17 Stoner. Invito tutti i tifosi italiani ad essere fieri di questo risultato. Un saluto a tutti.

  8. Invece di fare pronostici sul possibile o eventuale vincitore sin da ora…limitatevi solo a commentare le gare…Di una cosa sono certa…coloro che si contenderanno nuovamente il titolo saranno Rossi e Stoner…ma da buona VALEROSSINIANA mi auguro che il trionfatore sia proprio il 46 THE BEST…ma nn aspettatevi che piloti quali per esempio dovizioso e lorenzo rimangano a guardare…anzi…tutt’altro…si metteranno in gioco per aggiudicarsi uno dei titoli più ambiti e prestigiosi del motociclismo come è giusto che sia…In generale…nei commenti pubblicati…si leggono troppi se…sinonimi di pronostici,teorie o altro…Vale c’è…e lo conferma il suo secondo posto…che non è male…La stagione è iniziata adesso ed è ancora lunga…Iniziare a ipotizzare sin da ora è assurdo…Il secondo piazzamento nn è un dramma…anzi conferma l’imposizione anche quest’anno di un campione quale è VALE che ovviamente non si tira di certo indietro…anzi sfrutterà queste occasioni per trarne vantaggi psicologici e farà tutto ciò che è in suo potere per difendere il titolo…E’ ancora presto…è stato il primo gp…Personalente confido molto in lui…quindi…detto ciò…FORZA VALEEEEE!!!VEDREMO A MOTEGI!!!CIAOOOO!!!KISSES!!!MARY!!! 🙂 🙂 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *