Alonso e il natale in anticipo

Alonso e il diffusore Renault

Alonso e il diffusore Renault

Il retroscena non è male. Il nuovo diffusore Renault? Era atteso da Fernando tipo regalo di Natale.

È arrivato a Shanghai nella serata di venerdì e da lì è partita la vigilia, senza neve, albero e renne, ma con l’euforia di un 24 dicembre alle 23.59. Attenti ad aprire, si sarà mica rotto qualche pezzo nel viaggio. Ecco, ecco, fai piano. Mettilo lì.

Con Fernando che si è fermato fino a tardi nel box a vedere il montaggio della nuova creatura. Lui che poi, davanti ai microfoni, ha fatto un po’ quello stufo di parlare del diffusore miracoloso, se l’è seguito passo passo, con l’occhio sgranato del bambino che riceve esattamente ciò che vuole.

La nottata tra venerdì e sabato, come già detto, è stata un incubo per i meccanici, che hanno finito di montare alle 7 di mattina e alle 8 era già di rientro in autodromo.

La mattina di sabato, un altro buon aneddoto. Perché nelle libere è arrivato il primo panico: dopo tutto il lavoro, l’accrocchio surriscaldava la coda, quindi solo 3 giri per Alonso e corsa ai ripari per isolare la scatola del cambio e allungare un po’ il terminale di scarico.

Tre giri che però sono bastati a Fernando per rientrare ai box con un sorrisone sotto la visiera. Quel che succede a un pilota quando sente la macchina ben più veloce e realizza di poter cambiare i parametri su cui si basava fino al giorno prima.

Il resto è noto: il ragazzo si mette in griglia con un bicchiere di benzina (era il più leggero del gruppo: peso complessivo 637 kg, contro i 644 di Vettel, i 659 di Button o i 690 di Massa) poi lo sapete.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

6 risposte a “Alonso e il natale in anticipo

  1. x marco.Si è creato un malinteso.Massa a caricato 690litri proprio perchè non è arrivato al Q3,penso per una questione di strategia,mentre gli altri piloti citati nell’articolo,si.Adesso chi è che non capisce?Bye Bye

  2. Non capisco il senso di questo articolo! Capisco che tra voi giornalisti l’Alonso-mania impazza e tutti lo amate ma trovo che il suo week-end cinese sia da dimenticare quanto quello di altri. Ha fatto un secondo posto in griglia con appena sei-sette giri di benzina, anzi senza pioggia forse sarebbero stati anche meno e nel corso della gara ha inanellato una serie di errori che uno col talento che tutti gli riconoscete non avrebbe dovuto fare. E poi non era stato lui a dire che era inutile continuare a parlare di diffusori? Invece poi viene fuori che li aspettava come se potessero essere la soluzione di tutti i suoi problemi! Credo che Alonso non abbia bisogno di altri sponsor per arrivare in Ferrari, gli basta la Santander!

  3. x Jack Daniel

    Se non capisci … taci !

    Solo in Q3 la macchina deve avere la stessa benzina che puoi usera’ in griglia.

    In Q1 e Q2 tutti viaggiano leggeri, quelli che non passano il turno devono fare il pieno di benzina per la gara del giorno dopo, dopo di che pesano la macchina e comunicano i dati.

    Massa non e’ arrivato in Q3, perche’ di suo ci ha messo un errore, e la Ferrari al momento non e’ una gran macchina.

  4. Peccato che con la pioggia fernando anon h apotuto esprimere il nuovo potenziale che sicuramente c’è….e poi la strategia sicuramente prevedeva di superare vettel all’inizio e fare il vuoto (anche xkè vettel non ha nè kers nè diffusore) e incvece si è partiti sotto la safety-car e la gare è stata rovinata!!!!!

  5. In gara non se ne accorto nessuno che aveva il diffusore.Poi,per la cronaca,Massa non è riuscito afare il Q3 e per questo aveva 690 litri.Raikkonen invece il Q3 l’ha fatto ed aveva 40 litri in più di Alonso.Per la serie “i miracoli non li fà nessuno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *