Un sorriso dopo il diluvio

Vettel e Webber sul podio del GP di Cina

Vettel e Webber sul podio del GP di Cina

Dopo le polemiche, dopo un altro diluvio, finalmente arriva una buona notizia.

Trattasi di Sebastian Vettel che a Shanghai sfoggia sul podio alto sorrisi e entusiasmo propri di un ragazzo ancora semplice, un’anomalia in questa Formula 1.

Così come anomala è la macchina che guida, una Red Bull che vince per la prima volta senza i contestati diffusori e senza il diabolico KERS.

Insomma il trionfo della normalità in questo mondo che dalla normalità si sta allontanando sempre di più. Fuori media è il talento di Vettel che dopo il trionfo di Monza con la Toro Rosso offre la replica con l’asfalto ancora allagato.

Errori zero per Sebastian in tutto il fine settimana cinese, con una pole conquistata senza pioggia ma con facilità imbarazzante. Che la Red Bull fosse un progetto azzeccato lo si era intuito alla prima stagionale, con Vettel appiccicato alla Brawn di Button per buona parte del Gran Premio d’Australia, fino al maledetto contatto con Kubica in prossimità della bandiera a scacchi.

A Shanghai Vettel ha invitato alla festa anche Mark Webber, uno che tiene duro nonostante il dolore alla gamba destra fratturata quest’inverno in Australia. Webber era stato travolto da una macchina durante una gara di mountain bike, un incidente che aveva rischiato mettere fine alla sua carriera.

Insomma siamo alle prese con una bella storia destinata ad addolcire questo campionato dopo un avvio di stagione che speriamo di dimenticare in fretta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

21 risposte a “Un sorriso dopo il diluvio

  1. Io tutto questo talento di Hamilton continuo a non vederlo, oggi da quello che dicevano i telecronisti sembrava che stesse facendo una gara pazzesca e invece alla fine è arrivato dietro a Kovalainen…non mi sembra tutto questo fenomeno…anche Raikkonen gli sarebbe stato davanti se la f60 non fosse un trattore!

  2. non solo quindi le “grandi” case hanno toppato e sbagliato progettazione…ma questo campionato è sempre più bello è interessante 🙂

    ad oggi ogni gara esprime sempre un’incertezza, c’è sempre spettacolo e il risultato finale non è mai scontato!!!
    penso che ora la F.1 sia lo spettacolo sportivo più emozionante da seguire in assoluto, mentre nel mondo delle moto sembra di vedere il solito copione già scritto e pubblicato…

  3. Spero che con la vittoria di Vettel si finisca di parlare di diffusori o robe simili.La RedBull non ha ne kers ne diffusori,non ha diavolerie per le quali si grida allo scandalo,eppure oggi ha vinto e si è dimostrata competitiva anche nelle prime 2 gare.Morale?In ferrari hanno toppato di brutto così come hanno fatto scuderie come mclaren e renault,ma ammettere la superiorità degli altri è troppo difficile,vero Briatore?Il paracarro è ancora sul podio,i tuoi fenomeni no (ma sulla pioggia non si esprimeva a pieno il talento del pilota?).Più sportività non farebbe male

  4. mamma mia che scandalo che sono nakajima e piquet: hanno fatto più testacoda loro due in questa gara ke gli altri 18 in malesia e cina

  5. se qualcuno va a leggersi il mio commento post-gara dopo la prima…potrà leggersi la verità…la consiglio anche al mister lucalucaluca cordero….qn mancano gli uomini con le ….P…..nn si va da nessuna parte !!! arrivederci al 2012 !!!..quest’anno se la giocano fernando, vettel e button…

  6. Secondo me tutti sono dei paracarri tranne Vettel, Hamilton, Kubica, Rosberg e Buemi, che con la Toro Rosso oggi stava per arrivare quarto… Massa e Raikkonen sono bravini, ma non come Vettel, mentre Kubica ha la sfortuna di avere una macchina per niente competitiva, come Rosberg…

  7. Cosa aspettano in Ferrari a prendere questo Tedeschino…dopotutto con l’ultimo che abbiamo avuto… non ce andata poi così tanto male…Il posto di Jean Todt bisognava darlo a Ross Brawn…Se continua così e’ meglio pensare alla macchina del prossimo anno…A noi tifosi non ci rimane che stare vicino alla nostra squadra in questo momento difficile…e non abbandonarla a se stessa…Forza Ferrari…Sempre…

  8. La vittoria della RB oggi è la dimostrazione che si può essere competitivi anche senza i famosi diffusori,a patto che la macchina sia stata disegnata come Dio comanda e che chi la guida sia forse il miglior talento (insieme a Gino) in F1;la Ferrari dovrebbe cominciare a tener conto di questi 2 (Vettel e Newey)perchè se effettivamente la F60 è un progetto sbagliato,sarebbe un altro anno perso ed affidare la creazione della prossima macchina di nuovo a questo staff, sarebbe un bel rischio.Ai tempi della crisi Ferrari (prima di Shumi)si ingaggiarono il miglior pilota e il miglior direttore sportivo per vincere…perchè non rifarlo ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *