Adesso tocca ai piloti

Barcellona. Mettiamo che sia finalmente una sfida ad armi pari. Mettiamo che il diffusore delle meraviglie faccia le meraviglie promesse e in un certo senso dovute (se si pensa al lavoro di chi ha dovuto stracciare il compito e rifarlo da capo, riprogettando meccanica e aerodinamica). Poniamo che la Ferrari abbia davvero la base per chiudere il gap e che la Brawn Gp non sia più una sagoma tanto lontana da non capire bene se è un miraggio o una creatura dello stesso pianeta. Cosa serve per riaprire davvero il mondiale? I piloti. Il conto passa nelle loro mani. E’ una scalata verticale, una fatica incredibile. Serve una determinazione smisurata, la capacità di fare risultato sempre. Sì perché se sei abituato a stare in alto sai anche che qualche errorino ogni tanto te lo puoi permettere. Se hai margine, una distrazione qua e là non è fatale.

Eppure non ha mai sbagliato fin qui Jenson Button e, pur venendo da una sfilza di annate da dimenticare, non ha ceduto alla sbornia della vetta improvvisa. Non devono sbagliare Massa e Raikkonen perché se meccanici e ingegneri rimangono nei box fino a notte fonda hai il dovere di fare il tuo. Insomma che stiano pronti perché il panorama intorno è talmente vario e inaspettato che c’è da giocarsi la propria chance di rimonta.

Alonso non sembra del tutto convinto di avere il materiale per farcela, Hamilton ha uno sguardo da resa e un tono mesto che ogni volta sembra l’abbiano picchiato. Barrichello ha sotto un missile e lo guida come una 126, Trulli e Kubica hanno dei team che troppo spesso appaiono confusi sul da farsi. Va bene, ammettiamolo pure, c’è Button in fase di beatificazione, c’è Vettel carico, efficace e convinto. Non sa di facile ma nemmeno basta per arrendersi. Se la macchina comincia ad andare i due ragazzi in rosso si chiudano in doverosa clausura. Nessun errore e una preghierina alla sorte. Che sia benevola.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

31 risposte a “Adesso tocca ai piloti

  1. quest’anno è stato l’anno più deludente della storia della f1 macchine con pochissima aereoinamica gomme slik kers diffusore alettoni anteriori enormi che vanno in contrasto a quello posteriore niente trachshion control queste monoposto sono veramente ridicole e bruttine

  2. io posso capire la crisi internazionale,ma che si devono ridurre i costi cosi bruscamnte non lo capisco. Mosley ha messo in tavolo per il 2010 un budget di circa 40 milioni di euro , che al cavallino servono soltanto a pagare il personale . per non parlare del nuovo regolamento gomme slik pochissima aereodinamica questa f1 sta diventando una protesta con queste macchine che sono bruttissime e lentissime

  3. La F1 sta morendo.Penso ad allora e vedo ora. Penso a Ligier,Brabham,Tyrrel,Lotus,Arrows……….. Penso a Lauda,Watson,Laffite,Pironi,allo zingaro (Piquet),al Leone(Mansell),a gilles e Arnoux in spagna,al Professore(prost), a Senna e ai quei tempi in cui IL PILOTA contava e sognare era possibile… Vedo ora ……….e il sogno è morto da un pezzo.

  4. mai come quest’anno , la f1 ha deluso parecchi appassionati,non parlo solo di ferrari ,o mclaren ,renault e soci, ma purtroppo ,lo zampino di qualcuno ha confuso le idee ai progettisti di monoposto. io credo che in una competizione sportiva ,di qualsiasi genere vi siano delle regole chiare che vanno rispettate. cosa che quest’anno non è avvenuta. vedi kers, aerodinamica, diffusori,ecc… ora riguardo alla ferrari , inutile prendersela con i piloti, ma purtroppo e secondo me un problema globale del team che non va . molti sono nuovi nel muretto, e non hanno sufficiente esperienza per gestire la situazione, considerata la pressione che hanno addosso.

  5. cmq adesso la jella per kimi dovrebbe essere finita no? cioè è 1 anno che gli gira male! e tutto iniziò l’anno scorso dopo la spagna quindi quest’anno da dopo la spagna si spera che tutto possa tornare com’era a inizio 2008 quando kimi stava polverizzando tutti!

  6. forza KIMI !!!!
    voglio vedere uno scatto d’orgoglio
    metticela tutta!!!
    non mi far sentire servizi
    sulla beatificazione di massa a salvatore della ferrari
    è un pilotino!! e se ha imparato qualcosa lo deve certamente a schumi!!!
    chi non migliorerebbe lavorando insieme a LUI !!!
    senza dimenticare che qualche tempo fa schumi ha detto che se lui non si fosse ritirato massa sarebbe stato Disoccupato!!!
    per la vittoria tifo VETTEL !!!

  7. avra sbagliatto i box ma anche kimi nn a personalitta nn serve a gnente e solo un alcolizatto qurdate i video su you tube e poi dittemi se lui puo quidare una ferrari

  8. x Mauro.La penso come te.Ma oggi Kimi ci ha (anzi non ci ha…)messo del suo.Vedrai domani Massa finirà sul podio e lo faranno passare per il salvatore della patria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *