Rossi: il solito, grazie

Ma sì, perchè in fin dei conti son due settimane che vi parliamo di questa classifica compressa, di Lorenzo che è sbocciato e maturo, di Stoner che ha amministrato, di Pedrosa che è stato sorprendente. Va bene, tutto vero. Ma è un po’ come se avvessimo perso tutti di vista la realtà delle cose. Se dal 2002 ad oggi qui al Mugello si è visto sempre e solo Rossi, un motivo ci sarà. Come se Valentino avesse un patto col Mugello che lo rende imbattibile qualsiasi attrezzo guidi. Una glorificazione? Sì, vera e propria. Ma meritata, per esperienza, statistica e storia.

Continua a leggere