L’errore e l’onore

L’errore è quella cosa che al Mugello Rossi non si può permettere. L’errore è quella cosa che ti porta a girare con le gomme dure in condizioni di aria e pista fredda quando tutti usano le morbide. L’errore in questo caso è clamoroso. L’esito pure, per Valentino. Ed è una festa per Stoner e Lorenzo.

Ha a che fare con avversari duri, dinamitardi, dai giovani Stoner, Lorenzo e Dovizioso, al vecchio Capirossi. Che quello di Stoner sia stato un Mugello capolavoro è scontato, lì da vedere, molto più della scelta drastica e penalizzante di fidarsi di un consiglio violento. Perché  va bene lavorare in maniera più aggressiva rispetto ai colleghi/avversari dell’altra metà della Yamaha, ma va meno bene affidare in esclusiva alle intuizioni di Peter tecnico della Bridgestone la scelta che vale la gara.

Si fidano, sono abituati a fare così in quel box Yamaha, l’uno dell’altro. Tutti. Fa onore a loro da un punto di vista umano. Fa onore anche apprendere da Rossi in persona che Peter, che ha sbagliato, è un tecnico prezioso che dà consigli preziosi. Perché non è mai bello disgregare con un cazziatone pubblico un gruppo che di norma funziona quando è un singolo a sbagliare. Rossi è il pilota che di solito non sbaglia le sue decisioni, ma le prende. Le perfeziona. Perché non è successo? Dove si sono incastrati?

E’ come se in questo Mugello 2009 fosse mancata la componente tradizionale della collaudatissima collaborazione Rossi-Burgess-Brivio che pone al centro Valentino e il suo talento fenomenale anche nel “sentire” le situazioni. Abbiamo invece d’un tratto conosciuto Peter. E se la scelta delle gomme fosse il tallone d’Achille di Burgess?

Ora  immaginiamo però che la botta all’onore che ha su Valentino la sua ricaduta, lo induca a riprendere nel team il ruolo pesante che determina vittorie e risultati utili, nel Mugello e nel mondo. Quello del leader. Forse aveva mollato un attimo, mentre qui mollare non si può. Mai.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

136 risposte a “L’errore e l’onore

  1. scusate ma sembra che sul regolamento ci sia scritto che Vale DEVE vincere sempre…basta con le polemiche..è arrivato terzo, quindi sul podio…non mi sembra che gli sia andata male…magari gli “girano” di più a Capirex, che su quel gradino più basso del podio avrebbe esultato come una vittoria…e poi basta attaccare sempre Stoner…quello a 23 anni guida un mezzo italiano non proprio al livello delle yamaha ed e sempre davanti a tutti o perlomeno ci prova..grazie di esserci casey e grazie per metterci il cuore ogni volta che cavalchi il capolavoro ITALIANO…
    ps per i “tifosi” di rossi…c’era anche Lorenzo davanti a Vale, quindi non prendetevela solo con Stoner…

  2. Sono passate 5 gare e il motomondiale si infiamma, Stoner e Lorenzo biassano la loro vittoria, Melandri torna super, Dovizioso impenna e purtroppo pedrosa si rompe. Fra tutti loro, c’è un pilota, il campione dei campioni, il Re dei Re, che non’ostante un’inizio difficile e qualche decision e sballata è sempre lì con la sua ombra sovrasta il mondiale….ROSSI ….VALENTINO ROSSI RULLA ANCORA!!!!!!!

    Facci divertire come sempre Vale e noi come sempre saremo lì con te curva dopo curva piega dopo piega rettilineo dopo rettilineo…a dire Forza Vale !!!!!!!

  3. Il lunedì dopo la gara di Barcellona Pedrosa e Dovizioso proveranno la nuova ciclistica. Potrebbe essere il crocevia della loro stagione. Se andranno forte ruberanno punti pesanti per il mondiale,a danno di chi non si sà. Barcellona è anche una delle 4 piste dove vedremo le gomme con mescola differente per le 2 spalle,altre variabili per i setup.Sullo step di motore della Suzuki(fin da venerdì) non fiderei troppo,ma sempre meglio di niente.Melandri gli step non ce l’ha,il gap sull’asciutto è destinato ad allargarsi.Per lui danza della pioggia perenne per mettersi in mostra in vista di un futuro professionale sempre più difficile(come quello di Hayden).2 anni fà qui ci fù un corpo a corpo memorabile fra Rossi e Stoner.Speriamo bene…

  4. E io continuo a ringraziare Valentino tutte le gare dal 2004 ad ora perchè se fosse rimasto in Honda(che è ancora la fabbrica che sforna la migliore moto al mondo,solo che poi và sviluppata)avremmo visto dei campionati scontati almeno fino al 2006 compreso.Non l’avrebbe fatto Rainey,non lo fece Doohan,non lo ha fatto Senna,lo ha fatto lui.Grazie Rossi. @simona.Ci sono 2 fenomeni(Rossi e Stoner),1 aspirante tale (Dovizioso),e 2 campioni(Lorenzo e Pedrosa).Consentirai che adesso ce li godiamo un pò.

  5. io continuo a pensare che se si fosse corso in una gara unica…senza pit..Rossi avrebbe messo l’ ottavo sigillo al Mugello enon l’ avrebbero spuntata ne Stoner ne Lorenzo…sopratutto se ci fosse stato il sole come nei precedenti giorni! Ma è solo la mia opinione..infatti ha vinto Stoner..e Lorenzo è giunto secondo!

  6. Leggo Motosprint e Casey dice che il calo finale è dovuto alla frizione e se l’è vista brutta un paio di volte,ma il risultato quì valeva tanto e a differenza di Le Mans ha rischiato di più, sia il primo giro con la morbida(3,5 sec a Lorenzo)che alla fine quando li aveva sotto.”Io voglio vincere le gare che si corrono costantemente nella stessa condizione,in particolare sull’asciutto:è quella la vittoria che chiude ogni discussione,che non può essere contestata”. Non vede l’ora che arrivi Barcellona.Anche noi.

  7. uff… premuto il tasto invia commento per errore… manca il tempo di Rossi. 1.54.447
    Amen… fatto sta che i tempi di Rossi e Lorenzo, con gomme differenti restano molto simili eccetto i tre secondi di discrepanza nella ripartenza ed il mezzo secondo nel giro seguente.
    A parità di gomma, Stoner è stato più veloce di Lorenzo dal cambio moto fino al 15esimo giro dopo di che, a parte il 16esimo giro dove Stoner ha inspiegabilmente perso quasi due secondi. Da quel punto è stata un’alternanza di prestazioni dove a turno erano più veloci ora Stoner, ora Rossi, ora Lorenzo. Visti i tempi… non penso che Rossi abbia avuto evidenti svantaggi dalla gomma dura e non penso che con la morbida avrebbe fatto meglio di quanto abbia fatto Lorenzo. Stessa moto, soluzioni diverse di gomme, cosa che NON è stata fatta notare dal buon Meda, e stesso risultato, battuti da Stoner… Oppure vorrete raccontare che è per le gomme dure che Rossi è riuscito a superare una Suzuki solo al penultimo giro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *