Il gioco al massacro di Mosley

L’atmosfera di calma piatta sul fronte politico alla vigilia della gara di Istanbul non è che il prologo per una mossa clamorosa che Max Mosley ha preparato con una cura maniacale. Partiamo dai numeri. Alla scadenza del 29 maggio sono 22 le squadre che hanno depositato la domanda d’iscrizione. Nove rappresentano i dissidenti della federazione dei team, 12 sono i nomi nuovi, poi c’è la Williams, che della FOTA ha rotto il fronte accettando la regola del budget cap. Bene, i posti a disposizione per il 2010 sono 13, quindi saranno respinte le richieste di 9 team. Sarà un caso, ma è lo stesso numero di chi a Mosley ha dichiarato guerra.

 

L’elenco in questione sarà comunicato il 12 giugno. Una data che per Mosley rappresenta la resa dei conti con il gruppo dei dissidenti. Il sospetto è che il presidente della Federazione abbia convinto o costretto piccole squadre che normalmente corrono in campionati minori a presentare domanda d’iscrizione. Una quota da contrapporre ai 9 costruttori che la domanda l’hanno fatta si, ma con riserva. Williams a parte, praticamente nessuno degli altri team dispone di strutture in grado di progettare e costruire monoposto di Formula 1, visto che corrono in categorie dove è semplicemente necessario acquistare macchine chiavi in mano prodotte da altri.

Addirittura compare un nome, la March, fondata guardacaso da Mosley negli anni ’70, che ha cessato da anni la propria attività. La pazza idea del presidente della Federazione potrebbe essere proprio quella di minacciare l’esclusione dei 9 della FOTA forte dei numeri a disposizione, 13 squadre appunto. Sarebbe l’atto definitivo di questo perverso gioco al massacro della Formula 1.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

36 risposte a “Il gioco al massacro di Mosley

  1. Mosley non è folle: è pericoloso. TUTTO ciò che sta facendo è volto ad un solo obiettivo: farsi RIELEGGERE ad ottobre. Non c’entra niente il futuro della Formula Uno, i costi, il numero dei partecipanti. E’ tutto fumo negli occhi. Se ci fosse un problema oggettivo di costi, di crisi, i costruttori avrebbero volentieri accettato il tetto. Non è così, loro i soldi ce li hanno e vogliono spenderli, ma vogliono farlo in un campionato prestigioso, che abbia un ritorno pubblicitario. E non è neppure una questione di numeri: se anche uno o due costruttori si ritirassero (Toyota? Renault?), credete che non ci sarebbero un paio di nuove squadre pronte ad entrare, tetto o non tetto? E’ che Mosley ha previsto che nella F1 attuale lui NON sarebbe stato rieletto (lo scandalo sadomaso, Todt probabile candidato alla presidenza …), quindi sta cercando di rivoluzionare la F1 facendo entrare gli “AMICI”. E’ tutto qui. Non c’entra nulla il futuro della F1, c’entra solo il futuro PERSONALE di Mosley. Questo è l’assurdo della situazione: una sola persona, per motivi PERSONALI, sta buttando all’aria la credibilità del massimo campionato motoristico. Stante così le cose, Mosley terrà duro e andrà allo scontro, lui sente di avere tutto da perdere se cede adesso, perchè arriverebbe ad ottobre con le braghe calate. Perciò mira a far entrare solo gli “amici” (che si sono già iscritti) ed a tenere fuori le squadre “ribelli” che ad ottobre spingerebbero contro di lui, oppure a far entrare squadre FOTA “sottomesse” ai suoi voleri. La Ferrari ha già detto più volte che in una simile F1 non entrerà, resta da vedere quante delle squadre FOTA aderiranno ad una F1 mosleyana (o disneyana?) per correre, allo stato attuale, contro la Williams e nove “nanetti” inesperti (e in certi casi un pò grotteschi).

  2. Prima ho esagerato le”acomunare la vecchia Brabham di Ecclestone alla vecchia March di Mosley: chiedo scusa al glorioso passato della Brabham: campionati mndiali piloti vinti con Brabham, Hulme, Piquet, machine progettate da quel genio di Murray, motori 4 cilindri turbo da oltre 1000 cv della BMW e via dicendo. E la March? una pippa solenne.
    Oggi la Brabham però e di tale Hilmet che ha fatto la F3 Euroseries: appunto!
    Piuttosto parliamo di questo tetto al budget. A parte che non si capisce più cosa ci sia dentro e cosa no, ma se consideriamo che ai sottosrittori dell’accordo con Mosley sarà permesso avere libertà assoluta nella definizione dell’aerodinamica, tutte le ore di prove e di galleria del vento che vorranno, cambiare motori e cambi ad ogni gara e così via, mi chiedo come faranno a rispettare il limite del budget.
    da qualunque parte la si veda è una buffonata. Come volevasi dimostrare.

  3. Guardate che ilgioco del vecchio Max è terribilmente serio. Lui vuole veramente eliminare i 9 team Fota.
    Mosley è la M della vecchia March che correva in F1 all’epoca dei “garagisti”: definizione sprezzante di Enzo Ferrari versi certi assemblatori inglesi che con un telaio fatto da altri, motore Cosworth, cambio Hewland, un po’ di gomme scartate dai team maggiori (vero mister Williams? io ricordo beni i tempi della ISO quando lei riciclava pezzi di ricambio scartati)raccoglievano soldi da qualche sponsor e giocavano a fare la F1.
    Oggi Max vuole tornare a quei tempi: ha in mente la IRL (telaio Dallara, motore Honda o Toyota), tutti uguali in nome di un risparmio e di una finta eguaglianza. Scommettiamo che nascerà un campionato telaio Dallara, motore Cosworth, cambio Hewland, centralina unica gestita e “sorteggiata” (oggi la meglio a te, domani chissà)? Tanti team con nessuna esperienza e con leader la Williams, la March, la Brabham (sì la vecchia Brabham di Ecclestone pare che si sia iscritta).Chissà cosa farà Brawn: già oggi giganteggia grazie agli imbrogli iniziali, se va con quei pellegrini diventa il nuovo Ferrari (che bestemmia!) per i prossimi 10 anni.
    Una roba inguardabile di cui Mosley sarà padrone assoluto. Dice ma già c’è la GP2, ci sarà la F2, tutte categorie con telaio, motore, centralina unica. Sì ma la GP2 è in mano a Briatore (motori Renault-Mecachrome)e la F2 è poco più di una odierna F3. Mosley lo ha detto: tutte le categorie dalla F1 in giù, rally e endurance compresi (anche il mio go-kart?) dovranno avere un solo motore (Cosworth): non è che lui e Bernie zitti zitti si sono comprati anche la Cosworth?

  4. e basta… ma non si annoia pure lui?? noi vorremo solo la F1. Ma mosley fa tutto questo per aumentare lo spettacolo? azz e menomale!!!

  5. Ma dove potrà mai arrivare una F1 senza: Ferrari, McLaren, Renault, e tutte le altre squadre (ho nominato le più blasonate)??? uno sport che già ha perso tanto spettacolo in questo ultimo periodo, senza i reali attori di questo spettacolo diventa una BUFFONATA, e mosley si guardera le corse da solo.
    se le cosa staranno così mosley prendera una bella sportellata in faccia e se ne andrà a casa piangendo. altrimenti deve rendersi conto che lui non fa parte degli attori di questo sport

  6. mi dispiace che porprio budel scriva cose faziose su march e mosley in quanto..come riportato da autosport.com e come sanno tuti mosley non c’entra più nulla con la march:
    March Racing Organisation still exists as a non-trading registered company, despite not having any involvement in motorsport since the F1 team collapsed in the build-up to the 1993 season.

    The company is owned by British businessman and chairman of English football club Swindon Town, Andrew Fitton, who acquired March in 1993.

  7. per marco: “Si vuole abolire l’innovazione, si vuole mandare a casa i tanti tecnici che lavorano per Ferrari, Toyota, BMW, Renault, etc.”
    ma che innovazione che ormai hanno centralina unica per tutti..motori congelati..limite rotazione imposoto,bancate imposte, ingombri imposti,gomme monofornitura per regolamento…aerodinamica imposta…chi vogliono prendere in giro? pensano che siamo tifosi della domenica senza memoria storica? guarda che tutte queste regole sui motori centaline ecc le hanno approvate le scuderie!
    io se voglio l’innovazione e la tecnica guardo ai prototipi a le mans, dove ci son diesel,benza,turbo aspirati ecc…
    Sveglia! ferrari e co vi prendono in giro..in realtà hanno paura di essere battuti da altri team e dover poi giustificare agli investitori e consigli di amministrazione come mai spendono milioni di euro per essere ultimi in griglia..vedi bmw

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *