Tutti forti, tutti brocchi

Questo articoletto vuole porre qualche provocazione offerta dalla realtà, a beneficio dei lettori, alcuni dei quali (solo alcuni) sembrano saperla più lunga di tutti in materia: bravi. Dunque, procediamo.

Se Webber batte Vettel e se Barrichello va più forte di Button significa che Vettel e Button sono da ridimensionare oppure significa che anche Webber e Barrichello sono da titolo?

La domanda ne innesca un’altra: quanti piloti sarebbero in grado di vincere il mondiale guidando Red Bull o Brawn? Parecchi, viene da dire. Facciamo la conta? Massa, Raikkonen, Alonso, Kubica, Hamilton, Kovalainen, Trulli, Heidfeld…troppi? Mah, non saprei. Di certo Massa e Raikkonen non sarebbero in discussione mai e poi mai. Sarebbero ai primi due posti della classifica, no? Come un buon numero di altri colleghi. Quindi, se diamo buono l’assunto, è tutta una questione di macchine a disposizione.

Il che è vero quando una macchina salta fuori da un colpo di genio (Red Bull, firmata Newey, un progettista che peraltro ha avuto molti anni per lavorare a questo progetto, a differenza di altri) oppure emerge grazie a una furbata (Brawn…una furbata, proprio così, con tutti i meriti di mister Ross sommati al grande lavoro fatto dal reparto corse Honda). Ma quando parliamo di piloti e delle loro doti, consideriamo, dovremmo considerare, non soltanto i punti in classifica. Piuttosto, serve considerare il modo di lavorare dentro una difficoltà.

E’ questo che cambia la storia di un campione e di una squadra. Metodo e lucidità, programmazione e individuazione dei problemi, capacità di trasferire una fiducia alla squadra nei momenti critici e nel lavoro. Fu il metodo Schumacher a costruire buona parte delle fortune Ferrari e basta fare due chiacchiere con chi opera nei team per fare un’altra classifica di rendimento.

Quindi, molti sono in grado di vincere con una macchina vincente, ben pochi di cambiare un segno meno in un segno più. Ci vuole tempo, s’intende. E ci vuole l’uomo giusto. Pochissimi disponibili. La lista? Alonso. Forse. Stop.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

129 risposte a “Tutti forti, tutti brocchi

  1. The best essential information is this, that you have try to do very well approaching for that homelessness body and their helping hand. I am so inspired about that, after read your this useful written articles and your opinions also which is so attractive for do something for those

  2. Schumacher non è stato l’unico artefice di un decennio di successi.Fù importante,certo,ma con il tedesco arrivarono anche Brown,Byrne e (successivamente, ahinoi)Stepney.Proprio grazie alle idee ed al lavoro dei tecnici che Schumacher ebbe l’oportunità di diventare quello che è stato.Con una macchina come la F2009, non credo che neanche lui avvrebbe fatto di più.

  3. Ok Jack.
    Per J.D.
    Guarda bene da dove è partita la discussione.
    C’era qualcuno che scriveva boiate del tipo “è arrivato Alonso e con una macchina 2 secondi al giro più lenta della Ferrari nel 2005 e nel 2006 ha dato la paga a Schumacher ed io ho forse rinfrescato un pò la memoria dicendo come sono andate le cose in quegli anni perchè qualcuno se l’era dimenticato.

  4. sono un appassionato di F1 da tanti anni, non di Raikkonen, e ne ho viste di cotte e di crude… a dire il vero anche i mondiali 2007 e 2008 furono abbastanza particolari.
    ogni stagione ha le sue particolarità. se dovessimo metterci a spulciare in tutti i campionati di F1 non la finiremo più.

  5. CARI TERRUZZI E CO VI DOVRETE RASSEGNARE PERCHE L ANNO PROSSIMO KIMI SARA ANCORA ALLA FERRARI VISTO CHE IERI DOMENICALI LO HA CONFERMATO E IL MANAGER DI KIMI HA DETTO CHE LE VOCI SUL SUO ADDIO SONO SPAZZATURA E SE POI COME NE SONO CONVINTO LA FERRARI FARA UN MACCHINA COMPETITIVA E KIMI RITROVA FORZA E CONVINZIONE……ALLORA SAI QUANTE SCUSE DOVREBBEO PARTIRE…….

  6. Il mass dumper venne abolito a metà stagione, se non baglio dal GP di Germania. Sì, Alonso è sicuramente molto forte, forse il migliore che c’è adesso in F1 anche se quest’anno per me sta facendo meno di quello che potrebbe.

  7. dai, siamo onesti, da quando è andato via schumacher non si è più visto un fuoriclasse del genere. non ci sono dei piloti che possono realmente fare la differenza…qualcuno più bravo degli altri magari si, alonso…hamilton…basta. e lo dico da tifoso ferrari.
    con la redbull di oggi o con una brawn prestante come quella di inizio anno anche sutil avrebbe potuto vincere così tanto 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *