La regola del dispetto

Michael Schumacher non può provare la F60 prima del 21 agosto, prove libere del Gran Premio d’Europa. A dire no è Frank Williams e la spiegazione è che non si vuole creare un precedente. Questa è la legge, è uguale per tutti. Pensate al povero Alguersuari che, poverino, si è ritrovato in mezzo al gruppone per la prima volta a Budapest. Non ha provato nemmeno lui. E allora perchè fare differenze? Motivazione nobile, non fosse che per spiegare questa presa di posizione c’è una spiegazione tutt’altro che nobile.

Il no a Schumacher ha a che fare con le vicende politiche di quest’anno. E’ una piccola ripicca verso uno dei team Fota, colpevoli di aver espulso la scuderia di Sir Frank dall’Associazione dei team, dopo che la stessa si era iscritta al mondiale col budget cap, voluto da Mosley.

Pensavamo di esserci liberati di una vicenda che ha nobilitato ben poco la Formula 1. Sbagliavamo, in parte. Siamo entrati nella fase due. Quella dei dispettucci, quella in cui il potere di veto si trasforma in un’arma da utilizzare. Sarà un grosso svantaggio per Schumi non provare la F60? Molto probabilmente no perchè, a logica, se ce l’ha fatta Alguersuari (e non ce ne voglia lo spagnolo, ma lo chiamiamo in causa per attinenza con l’esempio prodotto da Williams) il tedesco dovrebbe cavarsela con un certo agio.

Dopo tutto è sempre mister sette titoli mondiali, uno che in 16 anni ha guidato una buona gamma di monoposto diverse. Lo sanno quelli che avevano concesso una deroga, lo sanno a Maranello, lo sanno a Grove. La domanda, allora, non è quale danno questo veto determini per la Ferrari ma: caro Signor Williams, è sicuro che fosse davvero necessario?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

137 risposte a “La regola del dispetto

  1. @Dani

    Forse l’aiutino lo voleva Williams… che a questo punto mi fa pensare che si volesse far pagare per dare l’ok… e non dimenticarti mai che uno dei mondiali vinti da un pilota Williams è stato vinto per le disgrazie che hanno colpito la Ferrari. E visto che la metti su questo piano ricordati, La Ferrari è la Storia… la Williams è solo un figurante… se sparisse non cambierebbe nulla… proprio come non è cambiato nulla con la sparizione di Brabham e Lotus…

  2. ronny stai tranquillo tanto a valencia il tuo idoletto kimi arriverà dietro a schumi. se nn l’hai capito a budapest è arrivato sul podio sl xkè massa aveva fatto l’incidente. da 2 anni si sente 1 pilota arrivato dopo aver vinto il titolo del 2007

  3. Mamma mia che lamentini quando non vi danno tutto quello che volete, gne gne gne, che ammasso di bambini dell’asilo che fanno solo casino, ci vuol qualcosa per tenerli impegnati, ci vuole un aiutino, qualche mondialino XD

    ne toro rosso e nemmeno renault hanno sollevato polemica, fate un nome a caso di una squadra a caso che vive per il gusto di fare polemica. aiutino per i bambini, inizia per F e finisce per i.

  4. X Stefano.Se mi dici che la carriera di Kimi sia in fase calante,ti dò ragione,ma quello che fece Kimi (purtroppo negli anni MC Laren)negli anni dei duelli con Alonso e Schumacher,Massa non lo ha (ancora)fatto.Per quello che riguarda il campionato scorso,chi osserva i Gp e non si limita a sedersi davanti alla tv,sa benissimo cosa è successo.A caso….15 record sul giro consecutivi,Q3 carico come un’autobotte da non dar noia al piccoletto,etc Bye Bye

  5. @Roberto*

    Vero anche questo… ma leggere che la Williams è campione della sportività… certa gente si dimentica la farsa dei serbatoi dell’acqua per raffreddare i freni… inventati proprio dalla Williams. Così partivano con 100 kg in meno e ti voglio che vincevano… e a fine gara si rabboccava e la macchina era di nuovo dentro il peso regolamentare… Nel 1982 fu copiato da tutti i team inglesi e quando la FIA dichiaro illegale il sistema si arrivò al famoso GP di San Marino… corso solo dalle 14 macchine regolari del campionato, perciò niente Williams, McLaren, Brabham e Lotus… ed ai signori che proteggono Williams va ricordato che il giorno dopo il Times, non il Corriere della Sera, titolò: “Bastano due macchine per fare un GP.” Le due macchine erano Ferrari… per inciso!

  6. X MACS,

    TI QUOTO, ieri ho risposto al tuo commento sottolineando quello che hai detto e aggiungendo e cosa hanno fatto? censurato….Questo sito è vergognoso

  7. vabbo … su sto sito contro la ferrari nn si puo’ scrivere che te lo censurano anche se nn c sono le offese … patetici!

  8. x jack

    in una squadra non ci possono essere 2 vincenti..ci deve essere un primo pilota e un secondo pilota…Massa è un OTTIMO secondo pilota..che negli ULTIMI 2 ANNI ha fatto meglio di Kimi…il fantomatico “sostituto” di schumy…ma x favore !

  9. giustissimo.. ma perchè dovrebbe godere di favori, particolari?? a che titolo??
    Alonso, Schumacher e Massa…. Dream Team????
    mamma mia.. forse per gli interessi della Fiat / Ferrari …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *