Due rebus per la Ferrari

Una Ferrari che torna a vincere, una Ferrari che resta in coda. Due estremi, due temi. Entrambi delicati. Raikkonen, che sembra rinsavito dopo l’incidente di Massa, (non certo per un cambio di atteggiamento o di attenzioni della Ferrari, sia chiaro) doveva essere tagliato nel 2010. Il suo destino ora è incerto perché la Ferrari non sa quando Massa tornerà a correre e cosa accadrà nel momento in cui Felipe si ritroverà su una Formula 1.

Quindi, la posizione di Kimi resta congelata. Molto dipenderà dalla visita che farà Massa lunedì pomeriggio a Miami perché se i medici daranno il via libera ad un ritorno in pista entro la fine del Mondiale, magari in Brasile a metà ottobre o a Abu Dhabi il primo novembre, sarà possibile verificare e decidere entro fine anno chi affiancare ad Alonso nel 2010. Con la possibilità di poter schierare una terza macchina, il che semplificherebbe molte cose. Anche, eventualmente in funzione di un ritorno di Schumacher, sempre ammesso che Massa stia bene e che Raikkonen vada altrove. Alla Renault, secondo noi, oppure alla McLaren.

La visita a Massa risulta decisiva anche per decidere chi prenderà il posto di Badoer da qui in avanti. Se Massa rientra, trattasi di trovare un sostituto del sostituto per sole 3 gare, Monza, Singapore e Giappone. Altrimenti servirà un pilota per arrivare sino a fine 2009. I candidati: tre. Kubica, il più veloce ma anche il più complicato, Fisichella e Trulli. Kubica vuole una Ferrari per davvero e il suo nome potrebbe generare qualche imbarazzo, sia nei confronti di Massa, sia pensando alla controproposta che il polacco farà di certo, vale a dire un impegno Ferrari per il 2011. Fisichella è più raggiungibile, visti i problemi economici in cui naviga la Force India, per non parlare del gasamento post gara di Spa. Trulli guida per la Toyota con contratto sino a fine stagione. Una rosa ristretta sulla quale fanno pressione Heidfeld, secondo pilota Bmw e Nicolas Todt, manager di Massa ma anche di altri giovanotti in gamba.

Di sucuro Badoer ha finito qui l’avventura. Di certo un conto è fare programmi sul lungo, un altro conto è farli sul breve. La prima decisione: tra lunedì sera e martedì mattina tra Maranello e Miami.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

107 risposte a “Due rebus per la Ferrari

  1. @Kingmarzio

    1) Se tu gestisci allo stesso modo due macchine con pesi di carburante differenti allora vuol dire che non sai gestire una strategia. Oltretutto non erano soste ravvicinate. Erano soste identiche, allo stesso giro e con una differenza di durata di mezzo secondo a sosta.
    Ora… spiegami… che senso ha mantenere pesante una macchina già pesante? E se volevano gestire in maniera eguale la situazione, scelta suicida, la sosta di Massa non avrebbe dovuto essere molto più veloce, dovendo imbarcare meno carburante? Ti rendi conto che hai detto una cosa stupida? Se Massa era più pesante… non si sarebbe dovuto fermare molto dopo? Ma dico io… un po’ di logica… no?
    2) Todt Jr. è “guarda caso” molto amico di Domenicali… informati…

  2. per la ferrari f61 nel 2010 i piloti saranno felipe massa e michael schumacher un’altra volta compagni di squadra va bene mentre kimi raikkonen e giancarlo fisichella a fare i collaudatori d’accordo un ultima domanda io voglio che jenson button deve vincere il mondiale di formula 1 2009 io su derapate ho votato
    nessuno,button è imbattibile questo ho votato ciaò.

  3. Boh, possiamo andare avanti all’infinito, la pensiamo proprio in maniera diversa…
    1) le soste ravvicinate saranno state dettate dalla particolare evoluzione della gara, tatticamente si può anche decidere di rientrare prima
    2) Se è Todt ad aver voluto Raikkonen, e poi Todt è andato in contrasto con la Ferrari come dici, in questa situazione vedrei più a rischio Massa gestito dal figlio di Todt, non credi?
    3) Chiaro l’imbarazzo di Domenicali: avranno promesso il posto ad Alonso, uno dei 2 attuali lo devono segare. Le prestazioni dei 2 sono state simili. Massa è difficile per via dell’incidente, Raikkonen è difficile perchè ha vinto il mondiale… Quest’ultimo però costa di più, credo quindi che la vittima sacrificale designata sia appunto Kimi.

  4. @Kingmarzio
    1) se ci fosse stata la notevole differenza di peso che chiami in causa, spiegami come mai tutte e due le soste dei piloti Ferrari coincidono come giro, 21 e 30, e come mai nel computo finale dei tempi delle due soste Raikkonen è rimasto fermo soltanto un secondo in più di Massa… Vista da questo punto, anche il primo che passa noterebbe che è la tua tesi che non sta in piedi. In quanto al resto… beh… la tua argomentazione fa acqua… visto che era noto a tutti che la macchina più pesante era sempre quella di Kimi. Solo tu non te ne sei mai accorto, a questo punto.
    2) Si sa benissimo che Raikkonen è stato portato in Ferrari da Todt padre, come si sa benissimo che sempre Todt padre è entrato in attrito con la dirigenza Ferrari per via della questione Schumacher.
    Lui voleva una squadra Schumacher-Raikkonen mentre altri spingevano in altre direzioni…
    3) Bastava vedere la faccia di Domenicali, domenica, alla fine del GP, per capire quanto fosse “contento” della vittoria di Kimi.

  5. X Eugenio
    Il caso Domenicali è quello che preferisco, lo trovo veramente assurdo… ti riepilogo la situazione:
    2007 Raikkonen vince il mondiale, in squadra Massa con manager il figlio di Todt, al muretto Jean Todt.
    2008 Raikkonen viene boicottato, in squadra Massa con manager il figlio di Todt, al muretto Domenicali.
    Raikkonen boicottato da Domenicali in nome della sacra famiglia Todt, quando l’anno prima ha vinto il mondiale con Todt in persona al muretto? con Massa protetto dall’alto anche l’anno prima?
    Ripeto assurdo…

  6. X Eugenio
    è sempre lo stesso discorso:
    Tu valuti 10 testacoda di Massa per sua incapacità di guida. Io ipotizzo qualche problema legata a quella gara.
    Tu valuti 1,6 secondi di differenza dal compagno incapacità di guida di Massa. Io ipotizzo maggiore carico di benzina.
    Per me è più probabile che Massa abbia anticipato a causa della pioggia che aumentava o diminuiva, oppure che abbia cambiato tattica il muretto visto che la gara era compromessa dai suoi testacoda, oppure che ci fosse qualche safety-car… non ricordo, non ho la gara registrata, forse tu sì…
    Quello che è certo è che non penso che Massa sia così scarso da beccare 1,6 secondi da Kimi. Visto che invece tu la penserai così, come giustifchi che lo scarso già la gara dopo ha legnato il tuo Kimi? Come giustifichi che il mondiale se lo sia giocato Massa e non Kimi? O non è così scarso o forse anche il tuo cocco è scarso quanto lui…

  7. @Kingmarzio
    Grande differenza per il carico di benzina? In quel GP si son fermati tutti e due al 21esimo giro per la prima sosta… tre decimi di distacco in Q1, un decimo in Q2 e un secondo e sei decimi in Q3 con lo stesso identico carico di benzina… Come vedi, anche sotto il sole, il ridicolo è iniziato di sabato. L’abisso che divide i due è che uno è un campione mentre l’altro potrà sempre solo essere un eterno secondo… anche se la Ferrari manovra bene per far sembrare il contrario. Dovendo difendere la terza posizione ora si trova giocoforza nella condizione di trattare Kimi per quello che è… una prima guida. Il problema è che Domenicali è innamorato di Massa… E sinceramente… la cosa non depone a favore di Massa, vista la costante e palese incapacità gestionale riscontrata nella figura del DS Ferrari.

  8. X Eugenio
    1 Sulla partenza di Monaco abbiamo opinioni diverse ma ti ripeto che se anche Massa avesse tagliato non ci troverei nulla di drammatico…
    2 L’anno prima non ricordo la partenza delle McLaren, me l’andrò a rivedere, ma vale lo stesso discorso. Aggiungo anche che la vedo dura che Alonso ed Hamilton fossero d’accordo come 2 vecchi amiconi…
    3 La gara di Silverstone di Massa ho detto io che è stata ridicola, come faccio a giustificarla? Ha fatto schifo punto e basta. La differenza in qualifica tra i 2 era di un decimo (non un abisso come sostieni tu). Nel Q3 c’era un distacco molto più ampio che come sai sarà stato dovuto al carico benzina. L’assetto quindi era da asciutto per entrambi (e so che poi non lo puoi più cambiare). Dico solo che, probabilmente, quello di Raikkonen si adattava meglio al bagnato… o forse ritieni più probabile che quel giorno Massa si fosse preso una ciocca?
    Se in una gara Massa ha fatto 10 testacoda, per quanto scarso possa essere, è evidente che c’era qualcosa che non andava sulla macchina! Prima che tu dica che la ragione è che Massa sulla pioggia non sa guidare guarda i risultati di altre sul bagnato… sì, forse Raikkonen è leggermente superiore anche sul bagnato, ma tra i 2 non c’è un altro presunto abisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *