Per fortuna c’è Hamilton

Per fortuna siamo vicini ai titoli di coda della più brutta stagione nella storia della Formula 1. Anche a Singapore i candidati al titolo hanno giocato ad auto eliminare le rispettive candidature.

Mark Webber è matematicamente fuori dalla lotta, zero punti nelle ultime quattro gare, un disastro insomma, con le responsabilità da dividere tra lui e la squadra. Sebastian Vettel – l’unico vero talento tra i fantastici quattro – si è dimostrato ancora troppo acerbo.

Da una parte il bimbo prodigio paga per i limiti della Red Bull, ma dall’altro è stato eccessivamente discontinuo nell’arco del campionato. La matematica ci dice che Vettel è ancora in corsa, ma 25 punti a tre gare dalla fine possono spostare la fine del sogno di una gara.

Poi c’è Barrichello che non riesce ad approfittare del momento critico del compagno di squadra, che – lo ricordiamo – non vince dalla gara di Istanbul. Jenson Button appunto, bravo ad approfittare di una macchina partita in vantaggio grazie all’ambiguità del regolamento, tornato al suo standard di onesto professionista e nulla più dal Gran Premio d’Inghilterra in avanti.

I numeri sono impietosi: 61 punti nelle prime 7 gare, 23 appena nelle ultime 7, con un solo podio all’attivo, il secondo posto di Monza. Cifre che dovrebbero far riflettere la concorrenza per le occasioni perse per strada. Anche questo è un segnale del livello basso del campionato che in questo finale per fortuna premia un campione come Hamilton. Troppo tardi, purtroppo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

51 risposte a “Per fortuna c’è Hamilton

  1. SALVE A TUTTI MASSA TORNERA PIU FORTE DI PRIMA VISTO CHE NON RICORDA NIENTE DELL’INCIDENTE,PER ME E LA COPPIA PIU FORTE DEL MONDIALE DEL PROSSIMO ANNO KIMI NON ANDAVA BENE PIU IN FERRARI LO VOLETE CAPIRE……SALUTI A TUTTI

  2. Mi dispiace che la Ferrari non abbia nemmeno voluto prendere in considerazione la coppia di piloti Kimi-Alonso.Pur augurando a Massa una serena,pronta ed efficace guarigione,secondo il mio parere resta un ottimo secondo pilota.La Ferrari ha sbagliato a non dare la prima guida a Kimi.Se Kimi,come sembra,lascera’la Ferrari,spero approdi in McLaren dove e’stimato e sara’ in grado di vincere il mondiale.
    Sono deluso dall’atteggiamento della Ferrari,che si fa’imporre un pilota dallo sponsor!!!!Enzo Ferrari non sarebbe stato d’accordo……….!!!!

  3. x susumello:1)la tua maleducazione dimostra la mia teoria riguardo l’esistenza di quell’italiano medio bogotto di cui sn fiera di nn appartenere (mentre dagli altri commenti posso constatare l’esistenza dell’altra parte di italiani fatta di signori ke rispettano le opinioni altrui senza offendere e giudicare persone ke neanke conoscono)2) il fatto ke presti poca attenzione a quello ke scrivono gli altri e poi controbatti senza cognizione di causa, dimostra la tua ignoranza 3)se nutro ancora qualke speranza x questo paese è perchè nn devo ancora vergognarmi di dire quello ke penso a uno come te

  4. Scusate una domanda alla redazione: ma Hamilton è un fenomeno o un brocco? Mettetevi d’accordo per cortesia. Se va contro i muri a Monza è un brocco. E scrivete che è un brocco. Due settimane dopo vince un GP (grazie anche agli errori e conseguenti penalità altrui) e torna fenomeno. E scrivete “Per fortuna che c’è Lewis”… Boh…

  5. ma tanto come dice il terruzzi….kimi è un fallimento…
    Dargli una macchina che se la gioca con la force india invece cosa è??
    è così che alla ferrari onorano il campionato?disgustato.
    ex-ferrarista da 2 giorni.

  6. addirittura vergognarsi perkè una persona tifa mclaren mi sembra esagerato, ci sono molte altre cose di cui vergognarsi. io tiferò sempre ferrari anche se alla guida mettono j.villeneuve e montoya e come 3°pilota ralf schumacher, sta di fatto che il disappunto di silvia nn è campato in aria la ferrari del dopo todt ha fatto nn 1 ma 2 passi indietro con decisioni discutibili, ad oggi l’unico pilota che fa la differenza nella guida è hamilton infatti passa da imprese straordinarie a figuracce perchè guida sempre al limite, con alonso cambierà solo l’atteggiamento della squadra ritorneranno ai tempi di schumy dove veniva ascoltato solo lui…….peccato però ke alonso nn è schumy, schumy era hamilton e alonso insieme grandi capacità di guida e agressivo nei duelli (hamilton) grandi capacità nella messa a punto (alonso) praticamente un pilota completo!!

  7. X SUSUMELLO DA SILVIA
    tesoro mio, non sò a quale Silvia tu ti riferisca fra le 2 che scrivono, ma se ti riferisci a mè, ti posso rispondere che a 41 anni la fase di sviluppo l’ho già conclusa.
    inoltre non ci stò a sentirmi dire di maturare da uno che non sà scrivere l’italiano.
    visto che sei così orgoglioso di essere italiano impara l’ortografia e poi ne riparliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *