Sacrifici umani

Molte persone non amano, addirittura non sopportano Flavio Briatore, i suoi modi, uno stile esposto e facilmente criticabile. Il personaggio è discutibile. Ma è discutibile anche questo modo di estrometterlo dalla sua poltrona di responsabile Ranault Sport. Intanto, la Renault. Il comunicato che annuncia l’uscita dal team di Briatore ( e di Pat Symmonds, direttore tecnico) non contiene nemmeno una parola di ringraziamento per gli uomini che hanno costruito la fortuna agonistica del marchio. Continua a leggere

Formula Frutta Secca

Sospetti sui motori che girerebbero oltre i limiti consentiti. Bene. Ci volevano. Dopo i sospetti sulla Renault che caccia contro un muro un suo pilota per far vincere l’altro pilota. Dopo i sospetti su Piquet che si vendica a causa del licenziamento. Dopo aver appreso dell’approdo in Formula 1 della Lotus, e cioè di una squadra che non esiste, ai danni della Sauber che esiste eccome, visto che di fatto manda in pista le Bmw da anni, visto che dopo il ritiro della Bmw sta (stava) cercando di tenere in vita i contratti dei propri dipendenti e le poderose strutture tecniche svizzere. Continua a leggere

Rubinho pensaci tu!

La rivincita dei Nerds non lo scriviamo, non sarebbe carino, ma vedere Rubinho che si mangia il Bello della diretta fa un certo effetto. Soprattutto ai Nerds. Perchè il Pensionato (copyright, lo ricorderete, di Briatore) fa una gara impeccabile, sfrutta il fatto che stranamente dal muretto non arriva il solito aiutino a Giasone, e mi rosicchia un bel 2 punti al Giasone medesimo, concedendosi il lusso di dargli uno schiaffetto morale.

E’ lui, l’uomo con la faccia da secondo, l’ultimo e l’unico in grado di cambiare il copione dell’annata. Via Vettel, via Webber, fuori Raikkonen (e a dirlo, oggi, è l’aritmetica), caro Rubens ti becchi tutte le aspettative dei non buttoniani. Mancano quattro gare, non moltissimo in effetti, ma quei 14 punti di vantaggio inglese iniziano un po’ a traballare. Continua a leggere

Il pilota conta. Eccome

Nella rognatissima avventura del collaudatore Badoer, così come nella fatica che mostra Fisichella per produrre il proprio meglio sopra una macchina diversa dal solito, c’è una misura da rivalutare, la misura di chi guida, tira, prova a vincere in Formula 1. Gente che è fuori media, altro che, capace di viaggiare secondo uno standard da campione. Badoer e Fisichella, in maniera diversa, rivalutano la categoria a cui appartengono, bistrattata spesso anche da noi. Continua a leggere

Il destino di Kimi

Ciò che è accaduto nei giorni scorsi illustra piuttosto ampiamente il destino di Raikkonen, a tempi brevi se non altro.

Intanto, la decisione della Ferrari, favorevole all’ingaggio di Fisichella va letta come una scelta che tutela i piloti attualmente sotto contratto. Fisichella non disturba Massa e non disturba Raikkonen in questo finale di stagione.

Felipe può procedere con il proprio recupero certo di avere a che fare con un collega destinato a fare il terzo pilota nel 2010; Kimi può continuare a correre come se fosse il solo pilota Ferrari in pista, situazione che gradisce assai, come si è visto nelle ultime corse. Ma la scelta di Fisichella segnala anche un altro elemento e cioè che Raikkonen chiude a fine 2009 il suo rapporto con la Ferrari. Continua a leggere