Cambia tutto!

La motoGP si prepara a tornare ai 1000 cc di cilindrata, e presumibilmente entro il 2011,  attraverso l’approvazione già avvenuta di una nuova norma che i costruttori hanno concertato allo scorso GP di Valencia.

Il fatto che il diametro del pistone verrà limitato a 81 mm (alesaggio), comporterà un clamoroso avvicinamento delle prestazioni tra un motore prototipo puro e un motore derivato dalla serie elaborato al massimo delle sue possibilità.

Le due realtà motoristiche convivranno nello stesso campionato utilizzando telai che siano rigorosamente prototipi. Riflettiamo di certo controcorrente  e senza sapere se e quali ripercussioni la nuova scelta tecnica potrà avere nei rapporti con il mondiale Superbike, ma l’arrivo di una “simil Moto1” tra le MotoGP ci pare al momento un passo se non altro concreto verso il risparmio dei privati strangolati dai costi attuali.

Continua a leggere

Clamoroso Alonso

Fernando Alonso si presenta ogni due per tre a Maranello. Non può ancora apparire in abito rosso ma invece di fare shopping, invece di fare rally, invece di divertirsi con amici e parenti, lavora. Chiede, vede, sistema, programma, conosce, sperimenta, parla, risponde. Per chi dentro la Ferrari sta preparando la stagione 2010, la faccenda viene vista come clamorosa. In realtà il clamore arriva dalla differenza con il passato. Su questo blog si sono sprecate le polemiche circa i piloti della Ferrari. Bene, stavolta ci permettiamo di sottolineare un atteggiamento che nulla ha a che fare con i tempi sul giro ma che influenza eccome la qualità e la felicità dell’atteggiamento in pista. Alonso sta mostrando e condividendo il suo metodo di lavoro con chi al suo fianco sta e starà nel futuro. Continua a leggere

Il dubbio di Schumacher

In molti pensano che Schumi, oggi come ieri, risulterebbe brillante e vincente in Formula 1. In molti aspettano di rivederlo in pista nei Gran Premi. Parecchi sono convinti che tratti con Mercedes per tornare a correre nel 2010. In aggiunta c’è Schumi. Il quale alimenta il tam tam non riuscendo a tirare il freno, non mostrando di voler veramente chiudere la propria carriera. La domanda che possiamo porre qui, ora, è però la seguente: conviene un ritorno in Formula 1 a Schumacher? E’ difficile rispondere affermativamente, per una serie di ragioni oggettive. Intanto è passato molto, forse troppo tempo dai giorni in cui Michael guidava costantemente per battersi e vincere. Continua a leggere

Vale e Kimi: di tutto, di più

Mi domando, ci domandiamo, se ha senso trasformare una colonna di opinioni su questo sito in un blog. Provo a spiegare, sperando per una volta di essere preso per quello che dico e non per ciò che NON mi sogno di dire. Rossi: credo che chiunque ami le moto gli debba qualcosa. Spettatore, appassionato o giornalista che sia. Poi ci sono i dettagli di una stagione e i dualismi, le parole. Tutta materia discutibile, a patto di non delirare con fantasie distorte dal tifo. Nella competizione tra Rossi e Lorenzo quest’anno, non hanno pesato fattori misteriosi o scandalosi. Continua a leggere

Lorenzo, basta così

Jorge Lorenzo

Al suo posto, di solito parlano gli altri. Il suo manager, ad esempio, un provocatore nato. Di quelli che attaccano a fronte di presunte (e inventate) aggressioni. Il giochetto non è nuovo. Questo signor Marcos Hirsch andò in bestia perchè il vertice della Yamaha al cospetto del nono titolo di Valentino (il quarto vinto con Yamaha) fece i complimenti a Valentino esprimendo gratitudine e amore. Come se non fosse normale, lecito e sacrosanto gratificare Rossi in quel modo. Continua a leggere