Schumi fa paura!

Eccolo! Che felicità. Primo perché il tormentone è finito; secondo perché in griglia in Bahrain ci sarà Schumi e la cosa, inutile negarlo, è una vera figata. Ci metteranno un po’ i ferraristi a farsene una ragione, ci metterà molto Montezemolo, ma gli amanti del genere hanno solo di che essere contenti. Perché, come già detto qui, è Jordan che torna a giocare, è un giro di giostra ricevuto in regalo quando proprio non te lo aspetti. E poi c’è un e poi: che Schumi, adesso fa paura a molti. Fa paura non solo per un virgolettato come “Non sono qui per divertirmi” (!!!) ma anche per tutto ciò che circonda il gran rientro. Continua a leggere

Montezemolo e i due Schumi

Il presidente Montezemolo, a denti stretti, conserva il suo Schumacher. Quello che ha promesso e ripromesso fedeltà al rosso, quello che ha dato e ha avuto moltissimo dalla Ferrari. Uno Schumacher assai diverso da quello che si appresta a firmare per Mercedes.  Il ricorso ad uno sdoppiamento di identità serve a Montezemolo, e forse ad altri ferraristi, per evitare commenti amari e qualche reazione nervosa al cospetto di una virata che può apparire come un tradimento.

Continua a leggere

Schumi, un bel tormentone

Ha stracciato la pazienza di chiunque, diciamolo pure, ma ciò non toglie che sarebbe mooolto interessante, inutile nasconderlo. Schumi che rientra? Tormentone che, appunto, ci sta strapazzando l’inverno, ma che fa venire l’acquolina solo a pensarci.

A quella vecchia volpe di Mr E. (per i meno intimi: Bernie Ecclestone) non sembra vero di sganciare l’ennesima dichiarazione sibillina, sussurrando al Times che no, non si tratta solo di voci e, dovesse concretizzarsi, la cosa sarebbe davvero magica. Continua a leggere