Il Natale di Nico Rosberg

Schumacher, come certo sapete, ci sta provando. Rientro con Mercedes, eccetera, eccetera. Sulla questione il dibattito viaggia a razzo: da una parte c’è chi pensa che Schumi possa riprendere a vincere come se niente fosse stato; dall’altra c’è chi vede soprattutto guai per l’anziano Michael.Al ritorno di Schumacher pensa certamente il suo possibile o probabile compagno, Nico Rosberg, perché se davvero l’ operazione-ritorno dovesse andare in porto, a lui toccherebbe un ruolo decisivo. Caso 1: Schumi batte Rosberg. Non bellissimo per il biondino figlio d’arte ma nemmeno un disastro ferroviario, trattandosi di Schumacher. Caso 2: Rosberg batte Schumi. Qui la questione si farebbe spessa ed è su questa ipotesi che Nico cova e spera.  Nemmeno delirando troppo visto che stiamo parlando di un giovane molto, molto veloce, allenato e affamato, alle prese con una svolta decisiva per la propria carriera.

Piuttosto, il problema, per Schumacher, sarebbe davvero serio. Ed è questa eventualità a spaventare chi ha ammirato Michael, il suo talento prodigioso, il suo certissimo incedere. Il rischio che faccia cattiva figura, oggettivamente, esiste e questo rischio non ha alcun prezzo, dato il passato e un curriculum immacolato. Ora, trattandosi di personaggio non bisognoso di denaro, non bisognoso di gloria, viene da pensare che Schumi senta semplicemente la mancanza di un terreno dove praticare ciò che sa e che lo diverte. Il che va benissimo, rappresenta una potenziale nuova e magnifica avventura. Ma anche qualche rischio certo. Soprattutto pensando ad alternative che Schumacher non è riuscito a trovare in questi anni e che dovrà comunque trovare prima o poi.

Il suo problema, insomma, resta, resterà. Sperando che nel frattempo riesca a svolgere ciò che sa fare, forse l’unica cosa che sa fare, così come lo svolse a suo tempo. Sapendo che il suo tempo in pista, in un modo o nell’altro, ha una data di scadenza di fronte alla quale prendere decisioni e direzioni diverse.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

57 risposte a “Il Natale di Nico Rosberg

  1. penso che rosberg sia un bravo pilota e spero che l’arrivo di schumacher gli possa servire per migliorare e iniziare a stare in posizioni che merita

  2. Cari miei…se io ventenne, avessi un schumacher vicino, ne sarei ben contento….la vicinanza di schumacher, se è intelligente, potrebbe essere una svolta decisiva per la sua carriera, per quello che potrebbe imparare avendo un campione del suo calibro….!!!
    sia chiaro che io non ho mai sopportato shumacher, ma sulla sua professionalità penso non ci siano dubbi…!!!

  3. Rubens Barrichello sulla Brawn , alla faccia del nonnetto ( oppure bollito ) , mi sembra che schiaffi ne ha tirati un po’ a tutti, adesso ci si siede un altro “vecchietto” ma siete proprio sicuri che fara’ brutte figure ???????? Siete sicuri che Brawn non sia capace di aver migliorato la sua macchina gia’ molto performante ? Tutti tranquilli la mercedes ci mette denrto un motore bomba per Schumi, contateci.

  4. Fulgenzio: come volevasi dimostrare con buona pace dei terruzzi di questo mondo !!!!! Santander n avrebbe sganciato un soldo se la ferrari nn ingaggiava raccomaNando Alonso !!!
    Per quel che cncerne il ritorno di schumy, per me che amo questo sport sarebbe davvero interessante rivedere schumy al volante !!! e pur se dovesse prendere paga per l’inattività di 3 anni o altro, sicuramente ci sarebbe da divertirsi…perchè per me schumy sarebbe il migliore anche nel prenderle…magari n ci pensa due volte a sbattere fuori certi presunti campioni !!! viva lo spettacolo !!!!

  5. @Simona
    Personalmente penso che la “superiorità” di un pilota rispetto ad un qualsiasi altro sia estremamente relativa.
    Innanzi tutto dovrebbero in primis essere entrambi nello stesso team per avere a disposizione gli stessi mezzi;
    poi dovrebbero avere “realmente” gli stessi mezzi;
    dovrebbero avere tecnici di pista e strateghi equivalenti;
    ma sopratutto NON devono esserci ordini di scuderia.

    Purtroppo situazioni analoghe a quanto ho appena ipotizzato se ne verificano raramente nei top teams e, al momento, mi vengono in mente le coppie Williams-Honda Piquet-Mansell, McLaren-Honda Prost-Senna, Ferrari Mansell-Berger, Williams Renault(’91 non ’92) Mansell-Patrese, McLaren Mercedes Hakkinen-Coulthard, McLaren Mercedes Alonso-Hamilton, Williams BMW R.Schumacher-Montoya.
    Top drivers che si sono misurati ad armi pari.
    Ho fatto riferimento ai top teams in quanto nei bassi ranghi è un pochino più facile avere pari trattamento.
    Ovvio che da metà campionato in poi si tireranno le somme per puntare sul meglio piazzato della coppia ma, purtroppo, troppo spesso, si inizia il campionato con uno dei due piloti che per contratto “deve” far passare l’altro….
    Peccato.
    Ciao

  6. Rosberg merita una chance , molto più del tanto osannato Kubica .

    Schumacher prima di darlo per finito IO aspetterei la pista .

    Ah già , non ha più la tuta rossa quindi …

    Certo che è sfortunato l’Ayrton Senna di Santander , va alla Ferrari e una leggenda vivente torna nel mondiale e oscura il trasferimento dell’anno .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *