Ducati su ghiaccio

Con la carenza di test invernali (che produce a sua volta una rella cronica di notizie in ambito motociclistico) ogni spunto è buono per un clamoroso costrutto, a piacere. In ambiti diversi da quello della presentazione dei piloti Ducati a Campiglio la questione si era già resa nota.

In pratica il presidente della Ducati Del Torchio dalle Dolomiti dice che non gli dispiacerebbe, un giorno, prima o poi, “vincere qualche mondiale con un pilota italiano in sella anche per amplificare l’ambizione di essere ambasciatori del made in Italy”. Roba grossa. Va da sé che l’italiano più qualificato per il ruolo e con il contratto a scadenza più ravvicinata sia Rossi, il quale peraltro qualche piccolo segnale alla Ducati l’aveva pure lanciato. Continua a leggere