Giganti e pigmei

Il Mondiale è cominciato. Per capire che mondiale avremo e avranno i protagonisti servirà un tempo lungo, soprattutto a noi che osserviamo senza riuscire a capire uno sport molto complesso, reso ancora più criptico dalle nuove regole. Qualcosa, intanto, si vede. Da una parte abbiamo macchine curatissime e molto costose; dall’altra vetture misteriose, raffazzonate, alcune delle quali per nulla pronte. Da una parte abbiamo un mazzo di talenti conclamati; dall’altra un tot di ragazzini senza curriculum.

Nell’anno di Schumi – bis e di Alonso; di Hamilton e Button (4 campioni del mondo), incalzati da gente tosta come Massa e Kubica; Rosberg e Vettel, troviamo in pista una quantità di pilotini ingaggiati non tanto per questioni di età e investimenti conseguenti ma perché portatori di denari via sponsor. E’ già successo, intendiamoci, ma non si tratta di un buon segno. Non a caso parecchie squadre sembrano oberate più dai debiti o dai costi che non da un’ansia da prestazione. Vedremo.

Vedremo se il 2010 servirà a produrre certezze, a chi corre e a chi guarda, dopo i danni a 360 gradi prodotti dal 2009. Di certo la frattura tra Ecclestone e i costruttori resta; di certo servirà un atteggiamento diverso da parte della Federazione, la cui nuova filosofia non pare affatto delineata. Intanto, una considerazione a margine: fa dispiacere, davanti a questo panorama, l’assenza di Raikkonen. So benissimo quanti tifosi conta Kimi tra i lettori di questo blog. Mi domando e domando: quanto paga e pagherà l’atteggiamento scelto dal pilota finlandese? Chiuso il rapporto con la Ferrari e dato il bisogno di piloti di qualità, sarebbe bastato forse mettersi in discussione, non pensare ai soldi (visto lo stipendio percepito comunque da Maranello) e ritentare, ripartire, riprovarci, stare in pista. Per lui e per chi lo ammira. Per chil soprattutto, attendeva una reazione degna di un fresco campione del mondo.

E’ una considerazione, stop. Chi ha voglia di scovare macchinazioni e congiure; chi non aspettava altro per rilanciare la polemica può astenersi. Il risultato è questo: Raikkonen manca e la scelta è stata sua. Beh, peccato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

163 risposte a “Giganti e pigmei

  1. Per me è incredibile vedere come alcune persone dopo la seconda parte del 2009 mettano ancora in dubbio le qualità di guida di Kimi Raikkonen.
    Parliamoci chiaro in tre anni ha vinto un mondiale piloti(al primo anno con una nuova squadra non accadeva da Prost con la Williams nel ’93) e due costruttori e nel 2009 si è fatto carico della Ferrari intera pur sapendo che sarebbe andato via(C’è anche da dire che nella storia di questo sport molti grandi del passato hanno avuto un calo dopo il primo titolo).
    Da tifoso Ferrari sono triste che sia andato via ma allo stesso tempo felice(ipocritamente)che non partecipi al prossimo mondiale perchè con un auto adeguata avrebbe sicuramente fatto rimpiangere la scelta dei vertici del cavallino.
    Secondo me meritava un’altra possibilità me purtroppo la F1 delle multinazionali di tabacco e delle aziende di credito non può permettersi questo lusso.
    FORZA FERRARI!

  2. @ bay e Kingmarzio
    in effetti anch’io nel 2007 mi aspettavo un Kimi più veloce di Felipe.Quando poi ho notato che non era così ho dovuto rivalutare la situazione.

  3. @ Kingmarzio
    Felice anche io di parlare con te.
    Spero che tutti gli utenti facciano come noi, è brutto leggere parolacce e offese gratuite solo perchè la si pensa diversamente sulla F1.
    Ciao!

  4. @ Kingmarzio
    E’ una questione di equilibri interni quella che volevo sollevare io.
    Dire che Raikkonen non ha subito campagne mediatiche avverse però è un errore storico e dire che non si è “allevato” i giornalisti è una cosa che con lo sport non c’entra nulla.
    La Ferrari da quando ha scelto Alonso per il 2010 (fine 2007-inizi 2008, fonte Luca Colajanni) ha puntato su Massa; liberissima di farlo.
    Per questo motivo Massa ha fatto più punti di Raikkonen.
    Non è detto che Kimi avrebbe fatto meglio, non ho la sfera di cristallo ma guardando alle sue prestazioni fino a metà 2008 secondo me avrebbe vinto il mondiale.
    Cosi non è stato, pazienza.
    Il suo stipendio (45 mln) è figlio di un contratto firmato nel 2006, quando si spendeva e spandeva, ora prenderebbe si e no la metà, infatti Alonso (che è pagato da Santander) prende intorno ai 25 ed è più pagato di Hamilton (18) che ha un contratto con mclaren che ogni anno sale.
    Gli altri prendono molto meno perchè hanno contratti post-crisi economica.
    Ovvio che Kimi non valga il doppio di Hamilton.
    E poi guadagnare di più non significa essere matematicamente i migliori.
    Se guardi la classifica dei più pagati del 2008 Rosberg guadagnava più di Massa e Button più di Kubica.
    Senza parlare delle decine di milioni di euro che Button ha spillato alla Honda negli anni scorsi per arrivare intorno alla decima posizione.
    Dal mio punto di vista, sono stati polli quelli della ferrari a strapagare Kimi cosi tanto, ed infatti il motivo per cui l’anno cacciato è stato proprio economico.
    Come detto da Zanarini (manager di Fisico) ad Autosprint, “l’operazione Alonso-Ferrari-Santander non si sarebbe mai fatta se fosse venuto a mancare uno tra Alonso e Santander”.
    E infatti i responsabili Ferrari hanno sempre sottolineato come il licenziamento di Kimi non è figlio di prestazioni carenti ma di mancanza di carisma e dialogo con squadra e tecnici.
    Infine Helmut Marko della Red Bull ha confermato tra le righe che nel 2011 Kimi tornerà in F1 con loro.

  5. X Bay82
    Be’, Clay Regazzoni disse che Schumy aveva consigliato Raikkonen a Montezemolo per preservare i suoi record.
    Battute a parte, ammesso che ci sia stata questa campagna mediatica, non dirmi che ha coltivato i suoi rapporti con la stampa? Cosa si aspettava?
    Sul finire di stagione Kimi ha fatto una marea di punti ma il metro di paragone erano Badoer e Fisichella. Rimango convinto che Massa avrebbe fatto altrettanto, o forse più ancora come nella prima parte di stagione prima dell’Ungheria.
    Non ho una graduatoria dove metterlo 5°, 6°, 7° non ha importanza: era il più pagato e ci si aspettava che fosse 1°. Così non è stato, tutto qui.

  6. X Giovanni
    ho solo risp a tono al tuo “documentati”… vedo che però sei ancora polemico con quel “le tante sviste che ti permetti tu”. Potresti essere più preciso e dirmi quali sarebbero? Verifichiamo pure…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *