Alonso come Kimi?

Leggendo i vostri commenti al pezzo sulla vittoria di Alonso noto la tendenza alla comparazione con la vittoria al debutto di Raikkonen (Australia 2007). Sulla questione è il caso di fare una immediata ammissione connessa alla realtà: allora, di fronte a quel magnifico esordio di Kimi, usammo un po’ tutti gli stessi toni che stiamo usando ora per Alonso. Fu, quello come questo, un esordio magnifico, carico di promesse ed entusiasmi. Le differenze, forse, riguardano non tanto le due prestazioni dei piloti nei weekend di gara (entrambe ottime) quanto ciò che accadde ed è accaduto prima, durante i due inverni, e soprattutto, ciò che accadde e accadrà dopo.

Stiamo parlando di due vetture diverse così come diverse sono le macchine a disposizione degli avversari: chiunque di voi conosca ed abbia rispetto per le complicanze di questo sport, sa benissimo che stiamo parlando di comparazioni impossibili. Piuttosto servirà osservare Alonso e Massa da oggi in avanti, magari ricordando cosa accadde alla coppia Raikkonen-Massa nel 2007. Lo dico per tirare il freno sugli entusiasmi, da un lato, e per evitare che ANCHE questo articolo venga frainteso dai numerosissimi ultrà raikkoniani. Serve evitare di considerare Alonso un fenomeno per la gara in Barhain, così come andava fatto con Kimi dopo quel gran premio di Australia.

Per dare una valutazione assoluta su Alonso ferrarista è presto, anche se le sue modalità di trattamento della pratica a mio avviso offrono, come già detto maggiori garanzie rispetto all’atteggiamento di Raikkonen. E  difficile gestire una posizione di vertice. Rispetto agli avversari, rispetto agli equilibri interni, rispetto a se stessi. Quindi, vedremo, smettendola di comparare almeno per un po’.

Ps
Chi pensa che Massa abbia ricevuto ordini di lasciar passare Alonso in Bahrain vive sulla luna. Beato lui.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

63 risposte a “Alonso come Kimi?

  1. X jochen_rindt
    ottimo, come al solito…
    Aggiungo (questa è una mia opinione, non ti metto in bocca parole che non hai detto) che allora Alonso e la Renault avevano ragione su tutto il fronte e la Ferrari di Todt torto. Ridicola la storia del Mass-dumper, ridicola soprattuto la retrocessione in griglia di Monza.

  2. Quoto Cincuxeddu che scriveva:
    ” @USER NON IN USO: il pilota deve onorare la squadra e lo sport e per questo deve essere un esempio per tutti…Meglio un pilota che non vince ma corre con onore, che uno che vince tutte le gare ma macchiato di simili offese…per le vittorie dimenticate tutto…fate pena!”

    Allora, un pilota non firma un patto di sangue, ma un semplice contratto. Se non lo rispetta, e’ la squadra a decidere eventuali provvedimenti punitivi. Punto. La moralita’ – e piu’ ancora l’onore – o quant’altro lasciali fuori da quello che possiamo vedere tu o io attraverso i media. Ti puoi fare un’idea sulla persona, ma tant’e’. E comunque non basta per costruirsi un supereroe infallibile che esiste, appunto, solo nei fumetti.
    E scusate se non sono romantico.

    Poi la parte sul “…meglio non vincente ma con onore…” e’ patetica.
    Dici “per le vittorie dimenticate tutto”: perche’, non si dovrebbe? Parli di “macchie” come fossero omicidi o chissa’ cosa, va la’! Parliamo di F1, non di reati mandati in prescrizione…

    Un saluto!!

  3. Non capisco perchè la beatificazione di Alonso debba comportare per forza l’infangamento di Kimi…In fondo i suoi numeri e la sua storia dovrebbero essere tali da giusticare da soli la sua presunta supremazia su Kimi.Insomma si è detto e fatto tanto per togliere Kimi dalla Ferrari (lui ha fatto pure il favore di togliersi dalla f1)e si continua a citarlo e a metterlo sempre e sistematicamente in mezzo.Non c’è un’articolo o una discussione dove non c’è il suo nome….Ma state a vedere che alla fine dei conti proprio il cerebroleso finnico è più importante di quanto si vuol far credere e che il valoroso “Don Chisciotte de La Mancia” senta più la competizione con lui che con “altri”…..??!!Il fantasma di Kimi continua ad aleggiare….

  4. X cincuxeddu.
    No amico, non c’è niente da scusarsi, i piloti quando rilasciano i loro commenti, si esprimono in base alla domanda del giornalista, per poi magari cambiare versione con un’altro giornalista.
    A me onestamente non mi importa molto di quello che dichiarò nel passato, importante è che porti la ROSSA al successo.
    Sono sicuro che in FERRARI sapevano già queste cose, ma con i milioni messi a disposizione dalla SANTANDER, si possa sorvolare certe dichiarazioni di Alonso.
    Ero sicuro che avresti risposto, di non cambiare squadra, noi veri tifosi siamo così, si soffre e si gioisce insieme, fino alla fine. Ciao.

  5. X cincuxeddu.
    No amico, non c’è niente da scusarsi, i piloti quando rilasciano i loro commenti, si esprimono in base alla domanda del giornalista, per poi magari cambiare versione con un’altro giornalista.
    A me onestamente non mi importa molto di quello che dichiarò nel passato, importante è che porti la ROSSA al successo.
    Sono sicuro che in FERRARI sapevano già queste cose, ma con i milioni messi a disposizine dalla SANTANDER, si possa sorvolare certe dichiarazioni di Alonso.
    Ero sicuro che avresti risposto, di non cambiare squadra, noi veri tifosi siamo così, si soffre e si gioisce insieme, fino alla fine. Ciao.

  6. Ragazzi qui se continuiamo su questa falsa riga rischiamo di cadere nel ridicolo.. Raikkonen ha secondo me scritto una pagina importantissima nella storia della Ferrari per il semplice fatto di essere stato il primo, dai tempi di Scheckter, ad aver vinto il Primo Mondiale in Ferrari. In sostanza il titolo 2007 è un titolo Ferrari al 100% (e di Raikkonen, ovvio!). I titoli dell’era Schumacher resteranno nella storia come quelli del trinomio Todt-Brawn-Schumacher e lo dimostrano le dichiarazioni dei simpaticissimi ex quali Berger e Lauda (la Ferrari data in mano agli italiani non vincerà mai), che non perdono mai occasione per tenere la bocca chiusa.. Continuare sulla falsa riga dell’Alonso Messia e del Raikkonen Brocco è un qualcosa che io percepisco riduttivo, anzi offensivo, soprattutto nei confronti degli Ingegneri e Meccanici ITALIANI che hanno messo nelle condizioni questi piloti di vincere. Alonso è un Signor Pilota, secondo solo ad Hamilton nella mia personale graduatoria, non starà simpatico a tutti ma chi se ne frega. In un periodo in cui tutti dicono tutto e il contrario di tutto nel giro di poche ore stiamo ancora ad attaccarci a delle frasi dette quattro anni fa quando era in lotta per il titolo con Schumacher? Quindi se veramente siamo ferraristi, auguriamoci di vedere il nostro Team vincere MERITATAMENTE il titolo e lasciamo il passato al passato. Se Alonso vincerà il titolo, la Ferrari dei Domenicali, dei Costa vincerà il titolo! E di tutti noi tifosi!

  7. Caro wrcccr, le mie argomantazioni sono state espresse in poco più di una riga (riporto testualmente “Non voglio scendere nel particolare di una discussione assolutamente inutile, vale a dire quella di Alonso vs Raikkonen…”), ritengo che il questionare su chi sia meglio di chi sia un esercizio puramente accademico, nonchè soggettivo (come lo è tifare per una squadra di calcio piuttosto di un’altra). Mi dispiace soltanto che molti scrivono soltanto per muovere le dita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *