Uno contro uno

E’ un Germania-Spagna, poche storie. Prima del via di gara 2 possiamo dire che è già uno contro uno, psicologico e pratico, tra Vettel e Alonso. Il piccolo Seb è una furia, grazie a una Red Bull che vola, tanto da permettergli addirittura un errorino sul cordolo nel giro buono. Furia confermata da Webber, errorino personale compreso anche qui.

Alonso è Alonso e questo terzo posto è una candidatura con varie sfaccettature.

Una: è lui a offrirsi volontario per il duello con la miglior macchina in pista (la blu). Due: è un secondo, pesantissimo, segnale dato nel box e, soprattutto, al compagno di tuta. Dietro anche il sabato e non di poco (sette decimi), senza scuse di carichi di benzina o strategie varie.

Quindi, con tutto il rispetto per Webber, ci aspettiamo e ci auguriamo il primo vero confronto Vettel-Alonso senza guai tecnici. Anche se il patriottismo potrebbe far pensare altro, ben venga un testa a testa senza candele che saltano (Red Bull in Bahrain).

Ben venga, per vedere come se la cava Seb con un toro che sbuffa negli specchi, per vedere come se la cava Fernando con una macchina più veloce della Rossa, in qualifica di sicuro, in gara molto probabilmete.

Il resto fa da sfondo: Schumi ancora dietro a Rosberg. Hamilton annebbiato tanto da vedersi davanti Button: conta meno rispetto al duello 2010. Che promette divertimento a maggior ragione in queste prime gare, dove il pilota migliore (nel complesso) tra i due è sulla macchina peggiore tra le due. Per ora.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

8 risposte a “Uno contro uno

  1. Ragazzi, sono un grande estimatore di Alonso, ma è ovvio che Massa ha avuto un week-end storto… mica c’è tutta quella differenza, basta tornare indietro 15 giorni per avere la controprova. Tra l’altro in gara si è avuta la conferma che non c’è alcun trattamento di favore per Fernando, quindi calma…

  2. Ribadisco che bisognerebbe chiedere scusa a Button per tutte quello che è stato scritto due settimane fa.
    Magari non vincerà più un GP d’ora in poi, però oggi si è preso una bella rivincita.

  3. secondo me Massa è un buon secondo pilota e negli anni passati la Ferrari ha sbagliato a puntare su di lui … certo Raikonen ere più lunatico nei rendimenti, ma è uno che può vincere i mondiali, come Alonso, e come, forse, Vettel
    ma domani non si decide niente… anche se ai giornalisti serve dire qualcosa. 🙂

    e con lo stesso metro di paragone si potrebbero aprire dibatti su queste qualifiche … ma sarebbero validi solo fino a domani … quando ne dovremmo fare altri.

    una situazione più chiara si avrà tra qualche gara, al momento gli stessi piloti stanno ancora conoscendo la propria macchina: non dimentichiamoci che si prova pochissimo 🙂

  4. @bay-82
    non posso che quotare, e sono sicuro che siamo in tantissimi a pensarla cosi, ma che ci vuoi fare, the show-business-spot mast go on !
    e poi in base a che cosa la f10 sarebbe inferiore alla RB ? la contro prova sarebbe kimi che con questa f10 darebbe almeno un secondo netto di paga a tutti, ma in assenza di questa contro prova becchiamoci la sentenza senza appello “f10 inferiore alla RB” 🙂

  5. prima di pensare male non potrebbe essere che Massa abbia avuto dei problemi come lui stesso ha ammesso dopo le qualifiche?

  6. SCUSA MENGO MA SE ALONSO AVEVA DETTO CHE IN BARHEIN AVREBBE SICURAMENTE ATTACCATO VETTEL,COME FAI A DIRE CHE LE VETTURE PIU VELOCI SONO QUELLE BLU ???? X ME RED BULL E FERRARI SONO ALLA PARI,LA DIFFERENZA LA FA SEBASTIAN IL MAGO VETTEL !!!

  7. Prima di giudicare Massa come galoppino di Alonso ricordiamoci che è la sua seconda gara dopo un botto tremendo che lascerebbe un solco anche nel pilota più coriaceo.
    E nella gara del rientro non è che ha fatto male (2° senza troppo distacco!!!)
    Forza Fernando, ma anche forza Felipe!!!

  8. Io ragazzi ho molti dubbi su questa involuzione di Massa.
    Fino all’anno scorso era un mago delle qualifiche…
    Comunque al di là di tutto ci starebbero un pò di scusa a Button per quello che gli è stato detto un paio di settimane fa no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *