I nervi di Stoner

Gara due del motomondiale. A Jerez, pista tradizionalmente favorevole a Rossi. Al contrario di quella del Qatar, tradizionalmente amica di Stoner. Stanno qui i termini della prima, precoce rincorsa del pilota australiano, chiamato ad un pareggio dei conti da posizione sfavorevole. Numericamente sfavorevole ma anche, solo teoricamente sfavorevole. Intanto la sua Ducati non è la stessa di sempre, pare molto più adatta alle curve dell’Andalusia. In secondo luogo proprio il Qatar ha mostrato(ancora una volta di più (per l’ennesima volta) che le tradizioni, appunto, valgono come il due di picche con briscola fiori.

Quindi esistono oggettivamente le condizioni per ridurre lo svantaggio. Esistono le condizioni tecniche. Ci mancherebbe non esistessero le condizioni psicologiche. Un terreno sul quale Stoner è obbligato a giocare nonostante un carattere quasi opposto a quello di Rossi. Ma, crediamo, il Mondiale 2010 su questo fronte più che su quello dei motori, delle sospensioni, eccetera eccetera, verrà combattuto. Valentino, in questo senso, ha costruito molti dei suoi successi, ha vinto moltissime sfide e, dopo le complicanze dello scorso anno, Casey sa benissimo che avrà bisogno di energie nervose eccellenti per sguazzare in un testa a testa lungo una intera stagione.

Un confronto dentro il quale Lorenzo, soprattutto, ha intenzione di intromettersi usando proprio la sua tenuta nervosa, magari scegliendo un profilo diverso rispetto al passato. Non conta dunque soltanto battersi per la vetta della classifica: conta evitare di diventare il terzo di tre. Una posizione, dati i protagonisti in campo, vista come un fallimento insopportabile.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

103 risposte a “I nervi di Stoner

  1. …azzz brutta la situazione…ma la soddisfazione di non cadere in ghiaia e` bella. Io, come ti dicevo sono un abitue` del lungo. Conosco perfettamente tutti i tipi di ghiaia dei circuiti che frequento, e quella che mi piace meno e` l`ondulata di vallelunga. Comunque il piu` grosso spavento l`ho avuto…da fermo: finisco il giro di ricognizione. Era una gara per 1000 biciclindrici e 750 quadricilindrici. Covavo grosse ambizioni. Mi posiziono in griglia, al dodicesimo posto su 42 partenti.Ultimo della terza fila con il muretto alla mia sinistra. Mi fermo. mi do` una toccatina beneaugurante, segno della croce, si accende il semaforo, metto la prima e…si spegne la moto! Provo a riaccenderla e non parte. A quel punto alzo la mano destra e… le spalle (per accorciare il collo). Si spegne il rosso e mi sento sfilare accanto trenta moto, aspettando il crash, pronto a saltare via. Appena sono passati tutti riprovo ad accenderla, un colpo e in moto.Da li` partii con una furiosa rimonta che si concluse al penultimo giro con un dritto a 160 all`ora nel tentativo di difendere l`11a piazza, e dello spavento me ne ero gia` scordato… quelli in strada, invece, vorrei rimuoverli ma non mi riesce. In un paio di circostanze, per qualche centimetro…lo sento ancora nello stomaco…infatti adesso, in strada, mi muovo con un pegaso del 94.La macchina, pero`, non ce l`ho… grazie cisu, piacere di conoscerti.

  2. lo scorso anno, in Febbraio, capitai all’ uscita box al fianco di una 125 Gp del team Semprucci, che stava provando, penso per l’ europeo. Riuscivo a girare nel complesso con lui, sui tempi piuttosto alti per lui, ottimi per me( sempre sotto i 2 e 10), essendo la pista lenta a causa della nebbia fitta che aveva raffreddto parecchio l’ asfalto e costretto noi ad aspetare le 11 circa prima di poter girare. dopo 5 o 6 giri su quel ritmo, alla Savelli prdo il posteriore , pazializzo un pò troppo e la moto riprende grip, sbalsandomi leggermente dalla sella e dalle pedane..riaterro e perdo l’ appoggio del piede detro dalla pendana.. scivolo io, ma la moto rimane in piedi e cade solo in via di fuga. Rientro da solo e vedo che i danni sono lievissimi e riparabili. rientro neanche dopo mezz’ ora, mi mi sento un pò legato. facci n alto paio di seri di 8-10 giri, ma nulla, tutti sul 2 e 12 2 e 13,e mia figlia con mia moglie iniziano a prendermi in giro per quanto son lento. Mi fanno proprio incavolare, e decido, prim di ricaricare la moto e trnare a casa d fare qualche giro serio per smentirle….mi lacio e dopo 2 giri sono tornato sul 2 e 9 e mi preparo a fare il tempo pima di uscire e sbattergi il trasponder in faccia…esco benissimo dalla bucine..esco quasi uori dal cordolo in uscita.. mi sciaccio sul serbatoio snocciolo tutte le marcie..passo sotto il cartelo dei 200 sempre aperto, cme sempre tolgo gas una 30ina di metro prima di iniziare a staccare ai 150 metri..e sorpresona..la leva del freno è libera.. non frena.. penso: srano. non ho sbacchettato, non possono essersi allontanate le pastiglie dai dischi..propvo a pompare..nulla , la leva è propio libera..non funziona, e non posso che iniziare a scalare e frenare col posteriore..neanche ho tolto una marcia che entro in ghiaia, penso di esser entrato sui 200 e passa..convinto di cadere e distruggere le mie ossa oltre alla moto..ma per puro miracolo riesco a scalare e frenare col posteriore e frrmarmi a 2 metri dale gomme, e solo perchè la via di fuga della San Donato è infinita. Uno spavento infinito..una tramarella mi assale una volta fermo, anche perchè realizzo che è la prima volta che entro in ghiaia “forte” e non cado.. la volta precedente alla casanova entrai sui 140 e mi fraturai il polso.
    Il buffo della storia è stata poi lo scoprire il danno: il perno del freno, un particolare che costa 35 centesimi..
    Comunque Rombotti, pensa che io in media.. da marzo a ottobre i miei 3 o 4 voletti me li faccio tutti, e dal 1998 ad oggi in pista ho riportto fraturre,un polso, 2 costole e una clavicola.. ma di spaventi veri e propri non ne ricordo..in 7 incidenti per strada invece mi sono fatturato l’ impossibile ecco perchè è una decina di anni che per strada vado solo in auto e basta!

  3. @Rombotti…mi tenti e come! Brno è una delle piste in cui prima o poi dovrò girare! Come ti ho detto però se ne potrà parlare solo dal 2011 in poi. Sul discorso gomme invece, come ti avevo detto, l’ unica possibilità che uno ha è quella di provarle personalmene, vedi infatti il post d robycbr..ehehehhe(comunque insisto, le dunlop hanno una forma più appuntita.. le pirelli più rotonda:-), e comunque non è che le butti giù meglio..ma piuttosto a me danno l’ impressione di agevolare la fase di ingresso e inserimento, ma poca comunicatività con l’ anteriore nella percorrenze lunghe, e solo se le paragono alle pirelli ).
    Se poi dobbiamo parlare di gare e leggere che con un eventuale prossima pole Ducati si capisce che il mezzo è al top e il pilota dovrà per forza concretizzare..bhè, prefeisco continuare disquisire sulle carcasse e sulle sensazionidelle NOSTRE gomme!…
    Buona qualifica e buon GP a tutti!

  4. onelap
    non credo che la pole voglia dire gara, la pole e’ per il pilota piu’ veloce e basta… la gara del qatar dimostra che anche se non sei il piu’ veloce puoi vincere… rotola rotola…

  5. Poche balle se la Ducati fa la pole anche a Jerez quest’ anno non devono esistere scuse per Stoner deve vincere punto e basta!!!! secondo me non vincerà mai più un mondiale in motogp non ha la testa per farlo e poi anche oggi si è sdraiato….io insisto con la mia teoria per allungarsi la carriera deve andare al posto di Haga se resta lì scoppia mentalmente e fa la fine fast freddie ( anche se per motivi diversi)…

  6. Io l`avevo detto che Hayden poteva stare piu` vicino a Stoner a Jerez.La Ducati quest anno e` proprio buona. Per domenica pero`, per ora, vedo molto bene Lorenzo.E` messo meglio di Valentino, e` spagnolo e si parla poco di lui. Credo che ci sara` ancora un arrivo serrato con quattro-cinque piloti.

  7. quoto Rombotti… a tutti quasi puo’ capitare di vincerne uno, ma due? tre? quattro? cinque? sei? sette? otto? Nove? ……

  8. due yamaha una honda una ducati… la yamaha paga in velocita’, la honda va che’ e’ un razzo, e la Ducati? sta in mezzo… gli equilibri sono cambiati, ma sara’ sempre il pilota a metterci quelllo che manca per vincere… Ducatisti smettete di tifare stoner solo perche’ sta su una ducati…
    Vale in Ducati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *