Muri e puri

Il muro nel box sta diventando una soluzione per tutti. Varato da Rossi divide lui medesimo da Lorenzo, divide Pedrosa da Dovizioso, divide persino Edwards da Spies prototipi del romantico volemose bene all’americana. Macchè, muro anche lì… L’esasperazione delle corse che qui ad Jerez è già al suo picco massimo, ha avuto un effetto apparentemente deplorevole –accettate la provocazione – ma molto leale nella realtà dei fatti.


 

Non era sleale il rapporto tra Stoner e Melandri in Ducati, semplicemente era nullo; tra loro il muro non c’era ma era anche peggio che averlo. Cosa si dicono Capirossi e Bautista? Mai niente. Melandri e Simoncelli? Il giorno e la notte, tipo che se tra loro un muro ci fosse sarebbero molto più contenti. Il mondiale è così tirato a questo livello che non si possono fare sconti a nessuno. La squadra è solo quella tra il pilota e i suoi uomini. Accade tra forti, tra contendenti spietati per posti di supremazia. Il box singolo è ora una bolla di atmosfera, una camera blindata di idee e iniziative da svelare in pista, in autonomia e con assunzione di responsabilità personali per i fatti della gara…

Jerez in particolare è la pista che accorcia e mortifica i distacchi. Jerez è la pista dove soffre Casey Stoner che in prova ci è ri-caduto, alle prese con un broglio di equilibri che gli sta suggerendo di non essere aggressivo puro, ma forsennatamente attento. Se è la maturazione che si vuole da lui questa può essere una strada e come tale va rispettata.

Jerez è la pista dove Rossi in teoria parte da favorito storico, ma un filo acciaccato e un filo instabile col posteriore che scivola è di nuovo costretto a giocare tutto su warm up e gara per limitare un danno che al momento è piccolo ma certo e lo pone in svantaggio rispetto a Lorenzo. Jerez è la pista che i catalani indipendentisti come Lorenzo e Pedrosa riescono a considerare “quella di casa”. A Pedrosa della popolarità frega poco, a Lorenzo moltissimo, vorrebbe assorbirla tutta per sé, a danno del compagno Rossi, a danno di Pedrosa qui e soprattutto. Ecco perché va in pista con una ferocia che viene sì dalla moto, ma in buona parte anche dall’anima. Favorito vero insieme a Pedrosa che è velocissimo, ma scontento cronico della moto; come per mantenere una protezione che allontani la pressione da sé stesso e la mantenga su Honda . Sigla la pole nel giorno in cui la Repsol, dubbiosa, ricontratta il proprio legame con Hrc. E’ una bella spinta per la trattativa, un regalo ai giapponesi che fanno gli occhi dolci a Dovizioso. Ma una vittoria  qui a Camomillo serve più per rilanciare il valore sul mercato che per convincerlo a rimanere.

In quest’ottica globale, cosa può fare un muro se non dire la verità?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

48 risposte a “Muri e puri

  1. Pingback: Ways To Make Money

  2. bravo signor Meda bell’articolo!mi piace quando ci raccontate quello che non si vede dalla tv..in fin dei conti è pur sempre competizione..

  3. no no..si sono dati appuntamento per una lotta del genere, per un posto sul podio però! Melandri ha chiesto a Sic: a quando l’ appuntamento per Sdraiaci a vicenda?? ahahaha

  4. grande cisur1. Non ho seguito le interviste, se vivi all`estero e riesci a trovare uno streaming per vedere il motomondiale stai sicuro che a mmeta` del giro di ricognizione staccano tutto. 100 euro di motogp.com in hd, ma le interviste di orsacchiotto le ho perse.Melandri ha detto qualcosa su Sic?

  5. Divertenti interviste 🙂
    Hayden con 3 o 4 parole spiega come si passa da faticare per raccogliere qualcosa a star davanti a Stoner: un nuovo team manager. Melandri e Agostini spiegano cosa passa tra una scusa e un altra e una testa e un altra ancora. Lorenzo e Pedrosa invece dimostrano cosa signifi aver una carica interiore e ottime motivazioni. Rossi invece ha dimostarto cosa signifi raccogliere il massimo da ogni situazione, e se non molli,rallentando di quei 3, 4 decimi dopo il sorpasso di Lorenzo..forse puoi puntare ad un primo o secondo posto..
    Piccole precisazioni: Sic ha una HRC ufficiale, Macio no. Spies ha una M1 ufficiale, Edwards no. Cenerentola ha 3 sorellastre

  6. ok, ora è una certezza, non solo credi alle favolette ma anche alla “propaganda”!
    mitico rombotti…..
    😀 😀 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *