Paradossalmente Jerez

Nicky Hayden, bello stabile, davanti sempre, in zone non più visitate da tempo. Davanti a Stoner sulla linea di arrivo. E’ un tema che qualche riflessione la induce. Perché il risultato dell’americano e quello di Kallio sono la prova provata di quello che i piloti (ma anche Guareschi e Preziosi) dicono da tempo: la Desmosedici del 2010 è la miglior Ducati sin qui prodotta, o meglio la più guidabile. Il paradosso è che Stoner, il pilota di punta, è anche l’unico che al momento non ne ha beneficiato in nessuna maniera.

Certo, va fatta la “tara Jerez”, perché qui lui non è mai andato forte in gara. Però in prova un po’ di ritmo l’aveva. Fa come prima insomma: se la moto è a posto vola, se esagera si stende, se la moto non è a posto fa una cosina un po’ anonima. Undici punti in classifica non sono granchè per uno come lui. Continua a leggere