Paradossalmente Jerez

Nicky Hayden, bello stabile, davanti sempre, in zone non più visitate da tempo. Davanti a Stoner sulla linea di arrivo. E’ un tema che qualche riflessione la induce. Perché il risultato dell’americano e quello di Kallio sono la prova provata di quello che i piloti (ma anche Guareschi e Preziosi) dicono da tempo: la Desmosedici del 2010 è la miglior Ducati sin qui prodotta, o meglio la più guidabile. Il paradosso è che Stoner, il pilota di punta, è anche l’unico che al momento non ne ha beneficiato in nessuna maniera.

Certo, va fatta la “tara Jerez”, perché qui lui non è mai andato forte in gara. Però in prova un po’ di ritmo l’aveva. Fa come prima insomma: se la moto è a posto vola, se esagera si stende, se la moto non è a posto fa una cosina un po’ anonima. Undici punti in classifica non sono granchè per uno come lui.

L’approccio con la Spagna poteva essere diverso se si fosse corso in Giappone, dove facilmente Stoner avrebbe vinto e facilmente avrebbe preso con sé un po’ di quella fiducia che gli sta mancando e che lo ha indotto inconsciamente (è solo un ipotesi) a non strafare in Spagna per evitare una guaio tipo Qatar. La Ducati migliora, Stoner no. E’ un paradosso.

Mascella volitiva, mussoliniano nell’espressione e cagnottesco nel tuffo, Jorge Lorenzo è stato straordinario in sella a quella moto che è una creatura di quel Rossi costretto a guardare due spagnoli da dietro. E’ già di per sé un paradosso che Rossi arrivi dietro a qualcuno ad Jerez, ma il livello ora è altissimo e un’imperfezione fisica (la spalla) unita ad imperfezioni palesi di messa a punto mettono anche lui nella condizione di non riuscire a mettere una pezza con il solo talento. E’ paradossale, ma è il bello di questo mondiale da strafighi dove Lorenzo è leader in classifica e sembra sostituire Stoner nel ruolo del… problema per tutti.

E’ paradossale che dopo una gara in testa Pedrosa si veda battuto in extremis da Lorenzo. E’ paradossale che trovando un podio dopo mille lamentele il muso rimanga lungo. Insistiamo: il rapporto tra lui e la Honda è al capolinea. E’ stato bello invece vederlo fare a spallate con Lorenzo senza la timidezza in staccata che riserva invece a Rossi.

Paradossale, infine, ma leale, l’abbraccio tra il vincitore e lo sconfitto. I due non si tollerano, nemmeno a stento, ma alla fine di uno sforzo così estremo e così pericoloso si sentono parte dello stesso cuore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

175 risposte a “Paradossalmente Jerez

  1. @cisu: ho provato a mandartela, ma ho un problemino con la mia casella. Oggi non ce la faccio a risolverlo, in due/tre giorni pero` si.A presto

  2. Rombotti…è una giornata oraganizzata da (ironia della sorte) Ducati Pisa e uno degli orgaanizzatori è amicodi mio fratello, penso non ci siano problemi per girare se non hai prenotato, ma se vuoi posso darti notizie più attendibili e mi mandi una mail al mio indirizzo..magari ci scambiamo anche i cell.
    La giornata si svolge con 2 turni la mattina e 2 il pomeriggio, di 2 ore ciascuno, del tipo, primo turno dalle 9 alle 11 e dalle 14 alle 16, il secondo dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 18.
    penso di girare in tutti e due i turni..ma no sò ancora se con mio fratello giraimo con 2 moto o solo con la mia, ma è un dettaglio irrilevante! il prezzo non lo ricordo, ma penso si aggiri sui 200€
    La mia mail ..csì ci possiamo sentire per telefono :
    ci.su@hotmail.it

  3. Tranquillo Sirrobert, perdona l’incomoprensione, non volevo essere polemico nei tuoi confronti, è che il clima a volte è strano sul blog e non è facile capire. Era per ribadire un mio pensiero.
    Anzi, per me, se non eccede i limiti della decenza, anche un commentatore ha diritto di tifare un non italiano, o quantomeno a manifestare il proprio entusiasmo quando un campione procura emozioni forti con il proprio talento, non possono essrci limitazioni. Penso al tennis o al pattinaggio su ghiaccio, dove ci sono alcuni mostri non italiani, ad esempio. Buona giornata tutti!!!!

  4. Cisuuuuu… allora cambia tutto… io mi porto dietro la mia motina, la mia tutina…e magari mi fai strada al Mugello, per un paio di giri, poi vai per la tua strada…chiaramente… facciamo uno e mezzo ok…Tu hai gia` i turni? come posso procurarmeli?

  5. Ti ringrazio della gentilezza e dell’invito Cisur, io metto tutto in agenda (sperando che non si pianti sto smartphone! 🙂 ) e se riesco ad organizzare un’uscita vengo molto molto volentieri e …aspetto anche gli altri, eh!!!! Forza che noi siamo malati sani!!!

    ps. giusto in merito a questo, non comprendendo il criptico sirrobert, ahimé, riguardo il tifo lorenzo spagna ecc ecc, sento di dover ribadire che a me, come a tanti altri che magari pure tifano Rossi, Stoner o Ducati ecc, un pazzo come Lorenzo, specie quando fa cose come nelle prime due gare, piace e mi fa saltare sul divano! A me fa piacere anche quando De Punjet, tra gli altri, combina qualcosa, poveraccio!!! Che mi frega della nazionalità, sto qui a divertirmi: e poi, tanto per dire, sapete quanti in Spagna tifano per il nostro Vale nazionale? Nonostante i loro “faziosi” giornalisti (ehm, avete presente cosa dissero e dicono di Simoncelli???)…e non solo in Spagna, naturalmente!!! e vabbè….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *