Contromano su Stoner

Sarà che mi piace andare contromano e controcorrente, sarà che andando alle corse due cose credo di avere imparato a capirle, ma insomma non sono d’accordo con chi pensa e divulga il ragionamento per cui Casey Stoner avrebbe imboccato una brutta china. Mi vien proprio da ragionare al contrario. La statistica non è dalla parte del ducatista, è vero: una caduta (di posteriore) per chiudere il 2009 sommata alla caduta del Qatar (di anteriore) e a quella delle prove di Jerez (di anteriore) più la gara mezza e mezza sono qualcosa più di piccoli indizi se uno vuole affrettare le sue conclusioni. Però, se è vero che in Qatar era straprimo e stava stradominando e si è beccato le critiche di mezzo mondo perché ha esagerato, non si può riservargli lo stesso trattamento ora che in Spagna la testa ce l’ha messa proprio tutta. Non è coerente. Continua a leggere