Contromano su Stoner

Sarà che mi piace andare contromano e controcorrente, sarà che andando alle corse due cose credo di avere imparato a capirle, ma insomma non sono d’accordo con chi pensa e divulga il ragionamento per cui Casey Stoner avrebbe imboccato una brutta china. Mi vien proprio da ragionare al contrario. La statistica non è dalla parte del ducatista, è vero: una caduta (di posteriore) per chiudere il 2009 sommata alla caduta del Qatar (di anteriore) e a quella delle prove di Jerez (di anteriore) più la gara mezza e mezza sono qualcosa più di piccoli indizi se uno vuole affrettare le sue conclusioni. Però, se è vero che in Qatar era straprimo e stava stradominando e si è beccato le critiche di mezzo mondo perché ha esagerato, non si può riservargli lo stesso trattamento ora che in Spagna la testa ce l’ha messa proprio tutta. Non è coerente.

Che Stoner debba fare qualcosa di simile ad un salto di qualità o un passo verso la maturazione tattica che consente di vincere i mondiali, credo che siamo tutti d’accordo.

Stravinse il 2007 perché era più forte, ma sostanzialmente non aveva a che fare con una concorrenza attrezzata al 100% per tenergli testa. Una volta che Rossi è tornato ai propri standard e una volta che si è aggiunto anche un gran Lorenzo non è che Stoner sia calato nel rendimento globale. Certo, ha dovuto arrendersi all’ineluttabilità di un malessere fisico che diventava anche nervoso e ha perso tempo per individuare la propria via per uscire dal problema. Ma quando è tornato è stato capace di vincere ancora, di andare sul podio e pure di stendersi esagerando. Le sue modalità? Le stesse di prima. Andare come un assatanato con la priorità di fare alla svelta tutto quanto. Consapevole dei rischi che il tutto comporta, ma incapace di fare diversamente. Si dice che piaccia anche per questo.

A Stoner è andata buca perché a Motegi non si è corso, altrochè. Là crediamo che avrebbe dominato, arrivando alla Spagna con una carica ed una riserva di informazioni che gli avrebbero consentito forse di fare meglio ad Jerez. Ma ad Jerez non è che sia stato uno Stoner diverso dal solito. E’ sempre stata una pista indigesta, dove prima di fare il buon terzo dello scorso anno, il podio l’aveva sempre visto soltanto col binocolo e neanche tanto bene. In Qatar insomma si è giocato (male) uno di quelli jolly che ogni pilota ha nella sua stagione, in Spagna ha fatto il solito. Dunque? Dunque lo bocciano i punti in classifica, ma è presto per bocciarlo con i giudizi. Qui si pensa che a Le Mans Stoner rischi di essere di nuovo un uomo da battere, che da Le Mans ricominci la sua corsa al titolo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

118 risposte a “Contromano su Stoner

  1. Ciao Guido

    Fa un po’ effetto leggerti che difendi Stoner a spada tratta. Pur condividendo le tue speranze/previsioni, quest’anno sono un po’ piu’ scettico.
    Non per il pilota ma per il comportamento della moto. Sembra quasi che questa Ducati risenta piu’ delle altre il decadimento delle gomme da un certo giro in poi. Velocissima per alcune tornate e poi comincia a scivolare. Praticamente cio’ che accadde nel finale del 2008.
    Certo scivolano un po’ tutte ma a Stoner scappa davanti con una certa facilita’ anche quando non sta spingendo.

    E allora le vie d’uscita sono due: o si stende o deve andare piu’ piano e non e’ piu’ lo Stoner che conosciamo.
    Spero che sia piu’ colpa di Jerez che del binomio moto-pilota, ma bisognera’ aspettare altre piste per averne la conferma.

  2. si, 148. Infatti dicevo che come potenza sono piu` o meno li`. Il fatto e` che gia adesso l`elettronica taglia potenza nelle marce basse (un po` come le mappature delle moto stradali),con 290 cv dovrebbe tagliare anche in sesta, senno se la metterebbero per cappello a 300 all`ora…credo che per una moto, soprattutto cosi` leggera, queste potenze siano piu` che sufficienti, e infatti son piu` o meno quelle delle 1000, appena una trentina in piu` delle vecchie 500…immaginati un po` che bestie dovevano essere quest`ultime, col filo del gas…

  3. @robycbr: lo avevi gia` scritto tempo fa… ma non ci credo, in verita`io ho sempre sentito parlare di roba intorno a 220 cv, che per 140kg, insomma e` un bell`andare…

  4. @rombotti: veramente le Motogp ho scoperto che hanno circa 290 cv!!! Se ci pensi, ha un rapport CV/L pari a quello delle F1!!!

  5. ophela_sin, robycbr, etc non ho capito cosa non vi torna del mio commento.
    Tutti gli ingegneri vorrebbero Rossi come pilota … mi sembra ovvio (non ho mai detto il contrario)

  6. Quoto Robycbr, su tutti e tre i post, ma soprattutto sul primo, vale a dire l`ipotetica uniformita` di prestazioni fra sbk e GP paventata da Skyslacker. 200 cc in meno, piu` o meno gli stessi cv, quattro secondi al giro di differenza (fra i primi, fra gli ultimi sono 6-7).

  7. @deva: ma se ti sta tanto antipatico Rossi, perché non lo ignori invece di accampare assurdità per convincere gli altri a seguirti. Stai addirittura dicendo che tutte lescenette di Rossi sono state realizzate con lo scopo di attirare l’opinione pubblica e farsi seguire dal circus mediatico e di advertising del mondiale. Infatti immagino avesse pianificato tutto da quando aveva 16 anni. Dai Deva, te l’ho già detto, un minimo di serietà

  8. @A_gogo: ad onor del vero anche Burgess ha dichiarato che seguirebbe Rossi ovunque e che è il miglior pilota con cui abbia lavorato. Non ci vedo nulla di male a trovarsi bene con un team o con una persona. Resta il fatto che reputo al momento Stoner più forte, o meglio, più spregiudicato (Rossi il primo anno che è arrivato in 500 faceva il giro veloce e poi si sdraiava, pur avendo la moto migliore del lotto; poi ha iniziato a girare con la testa un pò più sulle spalle, ma insomma, è normale farsi prendere la mano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *