L’ossessione di Vettel

Prendi una squadra giovane e brillante nella comunicazione, metti un genio come Adrian Newey a progettare la macchina, tieni un pilota d’esperienza senza troppe pretese come Mark Webber e punti su un predestinato come Sebastian Vettel.

Era la fotografia dell’ambiente ideale, del team perfetto. Era, già perché ora i dati di realtà con i quali abbiamo a che fare sono altri e a fornirli al mondo sono state le sequenze dell’entrata killer di Vettel  a Istanbul.

Sebastian è giovane, è ambizioso, non ha ancora smaltito la rabbia per un mondiale buttato via da lui e dalla squadra nel 2009. Per Vettel questa DEVE ESSERE (il maiuscolo serve a sottolineare l’imperativo nella mente del pilota) la stagione del titolo mondiale, l’anno del passaggio da promessa a campione vero.

Ma quando una buona intenzione si trasforma in ossessione il risultato rischia di diventare quello di Istanbul, cioè un disastro. Chi ha tolto tranquillità a Vettel?

La risposta al quesito ha il nome e il volto di Mark Webber, uno che da potenziale e navigato gregario ha scoperto all’improvviso di avere i numeri buoni per giocarsela con il predestinato. La macchina è ottima, la squadra glielo permette, quindi è logico che Webber faccia di tutto per mettere assieme pole position e vittorie in serie.

Una trasformazione quella del pilota australiano che ha rotto gli equilibri perfetti all’interno della “squadra ideale“, che ha fatto perdere la testa a Vettel. Mettere assieme i cocci adesso sarà la missione più complicata per i vertici della Red Bull, che sul fronte tecnico devono già fare i conti con la crescita della McLaren.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

79 risposte a “L’ossessione di Vettel

  1. Cara Signora, di mestiere ginioalrsta A questo punto un vero professionista, come lei ritiene di essere, dopo il “sospetto” e pilotato terrorismo giornalistico (mi riferisco a commenti letti sul suo blog), ha l’OBBLIGO di informare dettagliatamente e chiaramente tutti i suoi lettori e non!! (Il 60% dei quali ha sospeso, inutilmente spaventati, immediatamente il consumo del “latte crudo non pastorizzato” a causa della sua inutile “sparata” dannosa a tantissimi e utilissima a pochi. Era sufficiente che gli enti preposti avessero fatto ripristinare sulle macchine la scritta che loro stessi hanno fatto TOGLIERE tre mesi fa: “da consumarsi previo bollitura”).…informarli sulle severe normative e sulle capillari e meticolose tecniche di controllo e analisi del latte destinato ad essere venduto come “crudo”; informarli dei vari passaggi a partire dal controllo delle vacche, al controllo del latte in fase di mungitura, alle analisi periodiche ravvicinate del latte appena munto, alle analisi sistematiche del latte nei distributori e ai controlli assidui che le USL “serie”* effettuano con preavviso di poche ore.*mi riferisco alle USL di Rimini e Cesena poiche9 relative alla mia area di interesse e approfitto per fare loro i complimenti per la seriete0 e la peculiarite0 del loro lavoro!N.B. se altre USL non fanno bene il loro mestiere, i provvedimenti da prendere sono altri.Io non sarf2 un ginioalrsta, ma secondo me, questo e8 il modo di “informare la gente” diversamente e8 “sparare a zero per fare notizia in maniera sbrigativa”.Mi scuso ma mi sono fatto di lei un parere molto negativo.Mi scuso ancora ma un libero professionista deve fare molta attenzione nello svolgere il proprio lavoro e soprattutto con esso non deve danneggiare ingiustamente la povera gente che lavora anche 16-17 ore al giorno per produrre un prodotto sano e di alta qualite0 nel rispetto delle norme. Lanciotti Roberto– libero professionista – perito agrario -consumatore di latte crudo

  2. C’è un pilota ad esempio che è sicuramente al livello dei migliori e che è sacrificato al dio calzolaio! E’ Nico Rosberg! se avesse una Red Bull o una Mclaren sarebbe lì con gli altri a giocarsi il mondiale invece deve pilotare una mercedes settata su schumy che non potrà competere con i migliori per le illogiche politiche di Ross Brawn!

  3. Purtroppo i media fanno un cattivo lavoro quando esaltano un successo ampliandone a dismisura i meriti come fanno altrettanto con le sconfitte e i demeriti! Button e Webber sono piloti molto sottovalutati mentre Alonso e Vettel sono molto sopravvalutati. Tutto questo dai giornalisti. Questo non significa che non ci siano differenze tra le 2 coppie di piloti solo che la differenza non è così grande come la si vuole far credere!

  4. 1-La colpa era tutta di vettel 2-Bravissimo Hamilton che in quell giro si era preso un po di distanza da vettel intuendo quello che stava per sucedere 3-Chi dice che le red bull avevano la gara in tasca devono rivedere la gara perche al momento dell incidente delle red bull la distanza da webber a Button era di 2.4 sec 4-Mi dispiace per le Ferrari aver tenuto Massa (campione dell mondo nel magior numero di testacoda in una gara)e aver buttato fuori Raikonen bah non ho parole.

  5. No,sono ancora qui a cadere dalle risate.Sia per le cose che scrivono quelli di mediaset cioè quelli che lavorano per il mondo della f1(terruzzi,mengo docet)siaper le cappellate che fa il tuo nando. 😀
    Fantastico si è nascosto fino alla fine e per non deluderci ha fatto un sorpasso da maestro!Rovinando la gara di uno che stava facendo “la gara della vita”. 😀

  6. kingmarzio alonso è stato preso perche sapeva indirizzare gli ingegneri sullo sviluppo della macchina(I DATI DI FATTO STANNO SMENTENDO TUTTO QUESTO) !! e poi negli ultimi 5 anni la ferrari ha vinto un solo mondiale ed è stato kimi a trionfare e voi anzicche farli una statua lo smerdate di brutto !!! cosi è la vita

  7. alonso chi? ah! quello che le prende dai compagni di squadra debuttanti in f1? però ha battutto piquet jr che è un discreto fenomeno…..

    però secondo terruzzi (di cui non si hanno più notizie) è bravo a parlare con i tecnici ( e si vede…….)

  8. e stavolta budel e continuano a non farsi sentire nè terruzzi e mengo……

    con alonso è arrivato il salto di qualità !!!!

    quello fra vettel e webber è un normale incidente di gara,questa è la vera formula 1 ! molto più onesto questo di un sorpasso in corsia box!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *