Chi mente, paghi

La Ferrari ha voluto ricostruire, tabulati alla mano, secondo per secondo, la storia delle comunicazioni tra muretto rosso e direzione corsa durante il Gran Premio di Gran Bretagna, domenica. Questa ricostruzione smentisce di fatto ciò che il direttore di gara, Charlie Whiting ha affermato nei giorni scorsi e chiarisce la dinamica di un atteggiamento che pare oggettivamente vessatorio nei confronti di Alonso e della Ferrari. Gli equilibri politici sono molto delicati così come le parole utilizzate dagli uomini di Maranello, molto attenti a non scatenare reazioni ulteriori. La Ferrari ha scelto una linea morbida, evita la polemica diretta.

Ma dopo le affermazioni di Whiting – affermazioni che facevano apparire la stessa Ferrari come responsabile per non aver obbligato Alonso a cedere subito la posizione a Kubica – ha messo sul tavolo i fatti. I fatti, appunto, chiariscono almeno un paio di cose. La prima: i tempi e i modi delle comunicazioni della direzione corsa giustificano il comportamento della squadra italiana. La seconda: in queste condizioni appare assurda la penalizzazione inflitta ad Alonso. La terza: Whiting ha mentito raccontando l’accaduto.

Forse alla Fia tutto ciò basta e avanza. Ammesso che la Fia voglia davvero migliorare le cose, accertare le responsabilità, muoversi di conseguenza. Non per tutelare la Ferrari o per penalizzare chissachi. Per dimostrare di essere all’altezza dei propri compiti, per fissare vere regole e farle rispettare provando finalmente ad immettere un filo di credibilità in un sistema che la credibilità ha perduto da un pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *