Nella testa di Alonso

Nella testa di Alonso c’è di scattare al via, scappare dai casini della prima variante, stappare sul podio di Monza che è una navicella sopra il tifo. C’è l’idea di dare una svolta alla stagione vincendo qui, dove se vinci con la Rossa viene giù lo stadio. Una svolta che l’altra Rossa deve contribuire a mettere in pista, perché è a Massa che tocca coprire il capitano, tenendo dietro quelli davanti nel mondiale.


Nella testa di Alonso c’era un ottimismo estremo da dichiarare a ogni microfono. Ora si espone meno, e spinge se possibile di più. È bastato un sabato monzese per riconquistare chi iniziava a dubitare, per rinsaldare un rapporto coi tifosi sfilacciato da qualche errore non da Alonso. Nella testa di Alonso c’era la Ferrari da anni, ora c’è quello che gli vedi dallo sguardo: la cattiveria tipica di chi non considera neanche di arrivare secondo. Di chi ha il dovere di vincere incastonato nell’indole, lo spirito agonistico a livelli patologici.

Nella testa di Alonso, da domani alle due, non ci sarà spazio che per le 11 curve del parco da percorrere 53 volte senza nessuno davanti. Il tutto per piombare nella testa di Hamilton e non uscirci più fino a fine mondiale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

15 risposte a “Nella testa di Alonso

  1. sono contenta che abbia vinto la ferrari
    purtroppo alonso non è un pilota che mi fa impazzire
    cè intorno a lui troppa esaltazione quando vince e poca voglia di criticarlo
    quando sbaglia.

  2. GODOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

  3. @ wrcccr: come se fosse una cosa normale…
    Alonso è stato superiore, è inutile stare lì a trovare scuse: non c’erano scuse per la debacle di Fernando a Spa, non ci sono scuse adesso per la brutta prestazione di Hamilton…

  4. @ wrcccr Ha sbagliato assetto. Dici poco?
    Oggi Alonso è stato nettamente superiore a Hamilton. Tanto di cappello e chiudiamo bottega. Una prova di forza allucinante.
    Non sono ferrarista (nella volata mondiale tengo a Webber), ma domani spero che a Monza ci sia un grande spettacolo Ferrari. Lo merita la F1.

  5. CI SIAMO!!! IL NAPOLI DI NOTTE E’ SEMPRE PIU’ LUMINOSO. LUCI ACCESE ,SERATA TIEPIDA ERBA RASATA E SOFFICE COME PIACE A LAVEZZI. PROPIO LUI CON IL BARI TORNERA’ AL GOAL*** E TUTTI A REGALARE VIAGGI GRATIS AL POCHO PERCHE? HA VIAGGIATO PER ORE E ORE E’ SEGNA …RAGAZZI LASCIATELO VIAGGIARE SEMPRE!!! E’ UNA PREVISIONE !!! PRENDETELA COSI UN MIO AMICO CARO MI HA DETTO CHE HA SOGNATO CHE IL NAPOLI VINCEVA 2 A O IO GLI HO RISPOSTO 2 A1 ..VOI CHE DITE? SCHERZI A PARTE LA PARTITA E’ TOSTA BISOGNA CORRERE PIU’ DI LORO E SOPRATUTTO NON FARSI DISTRARRE DALLA COPPA. VEDI MILAN VEDI ROMA E VEDI ANCHE INTER CHE HA VINTO PER “MAZZO” .OCCHIO NAPOLI I VIAGGI QUEST’ANNO CONTANO PARECCHIO . PER FORTUNA OPPURE NO .IL TEMPO LO DIRA’. MARIO DA ROMA SCOPRI IL TERNO DELLA FESTA DI MARADONA A NAPOLI DA GIOCARE CON 1 EURO VINCERAI 4000 VAI SU http://WWW.ACACOLACURCI.COM E LO SCOPRIRAI

  6. @ wrcccr: infatti oggi l’inglese si è beccato 6 decimi… 😛
    Molti di voi non conoscono la stoia sportiva di Fernando, e parlano a vanvera…

  7. sempre la stessa vergogna….c era la ferrari da anni anche quando dichiarava che la mclaren era il miglio team del mondo ??? tranquillo che hamilton lo sbriciola quando vuole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *