Tutti rossi!

Su tutto il podio del Giappone c’è il meglio dell’Italia. La Ducati è pazzesca, vince con Stoner che ritrova Stoner, e si gode la certezza di una moto buona per ora e per il futuro.

Dovizioso, a dispetto di uno Stoner imprendibile, dà tutto, compreso un consiglio alla Honda che è quello di trattarlo bene.

Rossi è vivo e vegeto. Non che avessimo dei dubbi, non noi almeno, ma finalmente lo abbiamo rivisto alle prese con ciò che sa fare meglio, sarebbe a dire il corpo a corpo.

Anche se stiamo parlando di un terzo posto il significato è altissimo e pregnante. Tutti… rossi insomma, mentre Lorenzo è incazzato nero.

Lui e Valentino han firmato un minuto di lotta che vale il biglietto di tutte le gare della stagione messe insieme. “Lorenzo voleva un duello corpo a corpo con me l’ultimo giro – dice RossiEcco, è accontentato“. In effetti In quel tipo di attività Rossi è ancora imbattibile a quanto sembra.

Due occasioni avute da Lorenzo (la prima era lo scorso anno a Barcellona) sono finite nella stessa maniera, con Valentino davanti, e prima di lui ci erano passati Biaggi, Gibernau, Stoner e Pedrosa.

È il passato di Rossi, fatto di queste cose, ad aver inebetito di ammirazione popolazioni intere, mentre il presente gli si rivolta contro con gare dove ormai è più importante fare il tempo che combattere così.

Difatti in questi casi le nuove generazioni non gradiscono, patiscono e subiscono, non accettano. Il motociclismo di adesso o quello di qualche tempo fa con le battaglie al limite? Bisogna scegliere, solo scegliere quello che si preferisce.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

2 risposte a “Tutti rossi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *