Sempre appeso a un filo

Una sola cosa possono augurarsi in Ducati dove Casey Stoner lo conoscono bene: che Stoner, insieme ad una moto micidiale e perfetta non abbia trovato anche l’equilibrio nel gestirsi. Perchè la nuova edizione del Crazy Stoner marchiato Honda è terribilmente efficace, ma non ha ancora affrontato la prima gara e non ha ancora dato prova di saper gestire i vantaggi che ha nel talento in modo compatibile con la sicurezza. La sicurezza che vale la vittoria. È sempre estremo, esaltante, matto duro, ma di quei matti che piacciono al popolo dei motori.

A chi ha amato Villeneuve, a chi ha delirato per Schwantz che nonostante tutto vinse un mondiale solo, che contò però più di altrui filotti con meno personalità. È senza dubbio l’uomo del venerdì e del sabato, è quello che ti fa gridare all’extraterrestre nei primi minuti di ogni turno. Questo l’abbiamo imparato, abbiamo imparato  che lui arriva prima dove gli altri arrivano dopo, ma -attenzione- spesso ci arrivano lo stesso. Dare un secondo a tutti nei turni di libere è esaltante, ma può servire a poco se poi Pedrosa si avvicina nell’imminenza della gara.

Possono servire a poco se Pedrosa in gara parte a missile e se devi prendere dei rischi per contenerlo. Questo è il vero esame a cui Stoner è sottoposto: Pedrosa, più calmo, freddo e razionale di lui, meno esaltante, più sfortunato. Scopriremo se Crazy Stoner ha capito che tre decimi di vantaggio al giro possono bastare e non è necessario avere per forza un secondo e mezzo con tutto ciò che può comportare, perché è la sua storia ad insegnarcelo. Lo scorso anno in Qatar cadde quando poteva essere proprietario della gara araba per la quarta volta consecutiva e non fu un caso isolato, anzi. Ora Casey si sente forte, nuovo, nei test è caduto poco, ci sta tutto affinchè sia una gran stagione la sua.

Torna a dare a Rossi dello scorretto rimestando su episodi discutibili di un passato lontano. A quel Rossi così lontano da lui, al momento, da non essere un problema provocarlo. Un rischio non calcolato sulla lunga distanza, quando Rossi dovesse venir fuori, perchè calcolare non è da Stoner. Se una parte di questa lezione che gli viene dal passato Crazy Stoner l’ha capita, allora son cavoli amari per tutti, ma per davvero.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page