Il lato debole

Anche questa Red Bull così ben fatta, talmente ben fatta sul fronte aereodinamico da risultare imprendibile senza utlizzare il kers, ha un punto debole: il kers. Come dimostrato dall’inconveniente accaduto sulla macchina di Webber durante le qualifiche malesi. Un inconveniente taciuto ma grave al punto da costringere i meccanici ad un delicato lavoro attorno alla macchina con il consueto corredo di guanti e mascherine speciali. Dunque, su questo minuscolo tallone d’Achille dovrà lavorare chi insegue, a cominciare dalla McLaren che qui ha ridotto il distacco in qualifica (non altrettanto, crediamo, accadrà in gara), per finire alla Ferrari, attualmente molto lontana proprio in termini di efficienza aereodinamica. Non sarà un lavoretto facile perchè servirà qualche colpo netto di timone in luogo dei consueti ritocchi, perchè servirà concepire una evoluzione azzardata con il rischio di prendere una cantonata. I tempi, in questo senso sono ridottissimi visto che a Ferrari ha fissato la data della svolta per l’8 maggio, giorno in cui si disputa il Gran Premio di Turchia. Quindi, meno di un mese, con in mazzo la gara cinese di domenica prossima che probabilmente incrementerà frustrazioni e tensioni. Ma in un anno come questo, con un avversario che pare adesso irraggiungibile, serviranno nervi saldisimi. Per buttarsi su una strada nuova in fase di progetto, per perseguirla poi in pista. Il che rappresenta un nodo proprio per la Ferrari. Una squadra pressata dall’interno e dall’esterno come nessun altra.
La speranza è che Stefano Domenicali per un verso e Fernando Alonso per un altro, costuituiscano un argine compatto e capace di contenere i nervosismi e, in contemporanea, rilanciare gli entusiasmi. Solo così chi disegna e sperimenta, può dare proprio a Domenicali e Alonso, risposte adeguate. Se, al contrario, avremo a che fare con polemiche, delusioni, discussioni sul passato, avremo a che fare con una fase talmente distruttiva da annulare anche quanto c’è di ottimo in questa Ferrari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

2 risposte a “Il lato debole

  1. la redbull non ha bisogno del kers perche’ e’ talmente efficiente che con un carico inferiore degli altri ha delle velocita’ in uscita di curva notevolmente piu alte di ferrari . si veda nel tratto misto cosa riescono a fare ,dico in uscita di curva perche’ e da la che comincia il “lancio” per il rettilineo.tra l’altro togliendo il kers si possono distribuire meglio i pesi e consumare meno le gomme.il loro vantaggio tecnico permettera’ un controllo accurato del kers e sistemato quello addio possibilita’ per tutti di tenere il passo di vettel.spero tanto di sbagliarmi ma credo che vettel nel primo gp non ha spinto al massimo percio’ il vero potenziale non si e’ ancora visto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *