SuperSeb, provate a prenderlo

I baskettofili avranno presente Larry Bird che vince una gara di tiri da tre alzando al cielo l’indice destro, mentre l’ultimo pallone (quello a spicchi) è ancora in aria. Lui si gira verso il pubblico fa segno di aver vinto e dietro alle sue spalle gli spicchi fanno pluf nella retina!

Ecco, un gesto di estrema figaggine che la gran parte della popolazione maschile (e non solo i baskettari) gli invidieranno a vita. Un gesto di manifesta superiorità che è come quello di Vettel che scende dalla macchina, si togli il casco, si beve un caffè e sfoglia un giornale, mentre gli altri ancora si affannano a rincorrere in pista un tempo, il suo, che non beccheranno mai.

Il punto? Che SuperSeb è in uno stato di grazia da fare paura.

Guida una macchina supersonica e ba vene, ma ha un’aura attorno che è lì a indicare il campione del mondo. Vi sarà capitato che vi gira tutto alla grande. Che fate dei gol a calcetto come mai in tutta la stagione. Che entrate in un bar e la bionda guarda proprio voi. Quello.

Il ragazzo ha i bioritmi impennati e devi proprio cannare strategia (Cina) per non farlo vincere. Se ne facciano una ragione gli altri, ma è così. Ricorda qualcuno. Con lo stesso passaporto e un’aura durata qualche annetto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

4 risposte a “SuperSeb, provate a prenderlo

  1. Si vettel è forte Come pilota ma lo vorrei tanto vedere alla guida di una mercedes per esempio se faceva tanto il supereroe

  2. La gara e’ un ‘altra storia….tutta legata alle gomme….e se sbaglia la patenza cmq sia ci divertiremo….Non e’ cosi scontato che possa vincere(la Cina insegna)!!

  3. E vero Ronny, il ragazzo è bravo, molto bravo!

    Però non penso che sia paragonabile a nonno Schumi, perchè in questa F1 la macchina (per l’esattezza l’aerodinamica) è più importante del pilota!

    Penso proprio che la F1 dovrebbe essere ricerca estrema della performance, in tutte le sue componenti, invece che essere soltanto un mero esercizio di studio di aerodinamica!
    Purtotroppo nella FIA ha vinto la linea di chi pensa che sia meglio standardizzare tutto, piuttosto che cercare l’evoluzione fino all’estremo. E per cosa? Per spendere meno? Se in federazione facessero 2 conticini scoprirebbero che ormai adesso una scuderia paga di più per una galleria del vento efficente, che, come si faceva un tempo, lo sviluppo delle varie parti meccaniche della macchina!
    Quelli erano bei tempi, dove ogni scuderia poteva portare idee geniali sulla proprio monoposto! Mi ricordo ancora le famose sospensiono “intelligenti” della Williams di inizi anni ’90! Idee geniali, frutto di ricerca, che poi avevano anche uno sbocco commerciale nei veicoli stradali… non il kers moderno che per caricarlo un’utilitaria dovrebbe, come minimo, rischiare di schiantarsi ad ogni curva!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *