Nel bene e nel male

La libidine di Rossi è nel podio, il primo con la Ducati, ovvio, anche perchè il primo di Stoner lo scorso anno con la stessa moto arrivò ad Assen, che era la settima gara, mentre questa è la quarta e Valentino è costantemente gravato dal confronto. Ma la libidine di questo podio è anche in un altro confronto vinto, quello con la ex, la Yamaha, che con Lorenzo di sopra in Francia arriva dietro, annaspa, scivola, scuote. La libidine è fare dei tempi in gara mai sognati in prova, anche se ad essere realisti come il re mancherebbe qualcosa tipo mezzo secondo al giro per fare come Stoner che non è poco. Anzi, è moltissimo, perchè al momento Stoner sarebbe da record anche in sella ad un phon, una spazzola, un calorifero. Altra libidine di Rossi è essere passato per il capo storico degli ultras- attaccabrighe del motociclismo di tutti i tempi e scoprire che Lorenzo entra duro su Dovi anche lui mettendo in scena un sorpasso proprio di quelli che lui, Lorenzo, stimagtizza, condanna e abolirebbe. Come fa Braccio di Ferro con gli spinaci, Rossi aspira tutto con la sua pipa e lo caccia nei bicipiti per il seguito. Nel mondiale dei pugni e degli sgarri non c’è posto per lui tanto che si deve misurare persino con una ovvia difficoltà a difendere l’amico Simoncelli. Additato e segnalato preventivamente giustifica a posteriori le ragioni degli accusatori. Quando Pedrosa è già dentro gli chiude l’uscio in faccia, lo stende; e Pedrosa, delicato come un Sevres, si spacca la clavicola tanto per cambiare. E tanto per cambiare si misura-incolpevole- con una stagione che non riesce mai, si fa tragica sul più bello , come al solito. In questa bagarre delle bagarre c’è il Dovi, ancora davanti a Rossi, che sembrerebbe il peggiore degli hondisti, ma senza Pedrosa e Simoncelli pare il secondo. Tra lezioni e risultati questo mondiale sembra il maiale nella concezione di ogni macellaio che si rispetti: non si butta via niente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

20 risposte a “Nel bene e nel male

  1. Ciao Guido,secondo me ROSSI se trova quel mezzo secondo riuscirebbe a stare con STONER.Apro una parentesi sull’argomento DOVIZIOSO:anche a lui servirebbe quel mezzo secondo,almeno per stare nei primi tre sia inqualifica che in gara,ma soprattutto in qualifica.Per me le due HONDA hanno qualche cosa di diverso.GUIDO per piacere mi potresti salutare PAOLONE,LORIS e ALBERTO.Se trovate un commento o un abuso con scritto q l’ho scritto IO,scusatemi ho sbagliato a scrivere.CORDIALI SALUTI.

  2. Ciao Guido,diciamocela tutta che ROSSI è in difficoltà,ma sono sicuro che con la fase calda della stagione,a partire dal gp di BARCELLONA, ROSSI,riuscirà a trovare quel mezzo secondo che gli manca per stare con STONER.Apro una parentesi sull’argomento DOVIZIOSO.Secondo me hai ragione che è l’ultimo degli hondisti,ma se riuscirebbe a trovare un mezzo secondo come a ROSSI sarebbe splendido.Per me le due honda di STONER e di DOVIZIOSO hanno qualche cosa di diverso.

  3. L’emozione indescrivibile di rivederlo sul podio, era troppo tempo che il cuore non batteva così forte, era troppo tempo che non stavo col fiato sospeso su una sedia zitta e in tensione fino a quando non ha superato il traguardo: TERZO, non è una vittoria ma un podio che è arrivato nel momento più giusto. Sono stati 4 interminabili giri per me che ” vivevo” la corsa. E’ vero che ogni volta che è in moto Valentino fa provare qualcosa di particolare ma questa è stata tutta un’altra storia.. Concedetemi un paragone da studente: è come dopo aver studiato intere settimane per un compito, lo fai. E lo fai bene, non benissimo, ci prendi un 8.
    Dai, Vale, forza 😉

  4. L`anno scorso non c`era la super-Honda.Nelle prime tre gare sul podio andarono le due Yamaha e una Honda, che nel disgraziato gp del Mugello dette la prima vera svolta alla rc212 mettendo Pedrosa in condizione di vincere, grazie ad un motorone che, dopo il Qatar, fu anche depotenziato per poterlo gestire meglio.Passi in avanti della Honda che permisero poi a Barcellona di sognare una vittoria al Dovi,poi finito nella sabbia ma fino a quel momento alla ruota di Lorenzo. I gran premi a seguire, su piste meno esigenti in fatto di motore,riportarono davanti la Yamaha, anche grazie ad una condizione psico-fisica perfetta di Lorenzo,grandissimo in alcune circostanze, tipo Silverstone.Della Ducati, fino a li`, poco o niente.I quarti posti di Hayden e le cadute di Stoner, e la sensazione che la Ducati fosse un mezzo secondo dietro alle Yamaha.
    La gara di LeMans di domenica scorsa ha parlato in maniera diversa.E` vero che sulla stessa pista,l`anno scorso, Stoner era stato velocissimo ed era assolutamente in lizza per la vittoria, ma fini` nella polvere al momento di risalire nella maniera piu` strana dell`anno, cioe` perdendo l`anteriore col gas aperto.Beh, la Ducati di Rossi, quest anno, ha fatto tutti i 28 giri, al limite, ingarellato dalla prima all`ultima curva ed e` arrivato davanti alla Yamaha e in scia alla super-Honda senza super-pilota,facendo un best lap a 6 decimi da quello di Stoner e uguale a quello di Lorenzo.Credo proprio che a Barcellona saranno le Ducati ad infastidire le Honda.Forse non la numero 27, forse la numero 26 non sara` in lotta causa clavicola (mi dispiace veramente tanto per Dani),forse la numero 58 non sara` piu` cosi` super (speriamo di no, ma Biaggi ne sa qualcosa…).Di certo c`e` che la numero 4 e` nel mirino di Rossi, e potrebbe essere un altro podio.

  5. Caro Meda
    Come sempre i tuoi articoli sono scritti col quore, che non vuol essere una critica ma un complimento da un appassionato che vive il motociclismo con amore, poi ovviamente possono piacere o meno, ma su questo non si può sindacare perchè ognuno ha le proprie idee.

    Sinceramente non concordo con l’affermazione “Stoner sarebbe da record anche in sella ad un phon, una spazzola, un calorifero”, non perchè non sia forrte, anzi, quando gli mettono la moto a posto è un missile terra-terra ed uno spettacolo da vedere, quanto per il fatto che al momento è il miglior interpetre (tolto forse SIC che però fà delle cappellate della madonna e butta via tutto) della Honda che un gran lavoratore come Dovi ed un talento come Pedrosa gli hanno preparato negli ulti 2 anni con gran fatica, ma in realtà non so se sarebbe lì davanti fin da subito se non si fosse trovato tale mezzo a disposizione!

    Per quanto riguarda il SIC sinceramente io guardando e riguardando le immagini dalle 3 visuali disponibili e valutando la dinamica a partire dalla curva precedente non addosserei a lui tutta la colpa di un sorpasso kamikaze, vero è che con un pò di malizia in più avrebbe desistito e contrattaccato alla curva dopo impostandola fin da quella incriminata, però c’è da dire che dalla curva prima Sic era uscito davanti, Pedrosa ha sfruttato il minor peso in rettilineo per attaccarlo, era quasi completamente davanti grazie ad una staccata ritardata quanto basta da aver messo in crisi la ciclistica del suo mezzo e non avergli permesso un ingresso pulito mentre dal canto suo il Sic preso dalla foga ha staccato forte e mollato presto per difendere la posizione ma al momento dell’inserimento i 2 erano quasi appaiati e lo spazio per girare se Pedrosa non avesse avuto problemi in insererimento suoi ce l’aveva.
    Nulla toglie che ci sia un gran dispiacere per Dani costretto ad un altro infortunio, ma senza quelle polemiche sterili alzate da un Lorenzo che si lamenta di tutto perchè per magia quest’anno non gli riesce più tutto così facilmente come l’anno passato, ed uno Stoner che da un pò di tempo a questa parte non perde mai l’occasione per lamentarsi a vuoto, la direzione gara quel contatto non l’avrebbe mai penalizzato e tutto sarebbe stato solo caratterizzato dal solito lamentarsi e complottare di Puig.

  6. 17/5/2011 subito andate a cercare di denigrare pedrosa x proteggere simoncelli xisuoi errori..esaltare vale x un misero terzo posto e se non fosse caduto dani eil drive through di simoncelli la menomazione di lorenzo sarebbe finito sesto ,anche se ducati migliorera’la honda non stara’ a guardare e quindi sara’ durissima……dimenticavo battuto ancora una volta da dovi.

  7. il confronto tra rossi 2011 e stoner 2010 è improponibile!! rossi è appena arrivato stoner era al 4 anno con la ducati e che per la prima volta aveva problemi seri.

    rossi ha fatto un ottimo podio però non ci dimentichiamo come è nato (due piloti si sono autoesclusi) e che ha perso per la seconda volta consecutiva un duello con un pilota medio come dovizioso!!!

  8. Marco tagliati i capelli perché mi sa che ti scaldano troppo la testa sotto il casco e perdi lucidità.
    quest’anno vai forte ma oltre al manico bisogna essere anche furbi, specialmente ieri visto che eri già sotto osservazione….

    Vai vale metti a posto il “cancello” ducati e fai vedere che il 1979 é una grande annata 🙂 🙂 🙂

  9. Gli articolo di Meda sono sempre unici!!! 🙂

    Stoner è talmente superiore (a prescindere da pista e da moto) che anche i suoi detrattori sono costretti ad ammetterlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *