Campioncini del mondo

E’ abbastanza curioso ciò che è accaduto a Le Mans. Mi riferisco a Simoncelli che accontenta con una puntualità sconcertante chi lo accusava a vuoto. A parte Pedrosa, la vera e unica vittima di quella manovra scellerata, non è il caso di metterla giù dura. Mi riferisco a Lorenzo, mi riferisco a Stoner. Il primo ha fatto comunque la figura del pisquano. Cosa voleva dire? Contro chi vuole andare? Cosa significa questa crociata che puzza di frustrazione lontano tre chilometri? E’ il campione del mondo: bene, che si comporti da campione del mondo, dai. Magari evitando di fare il mafioso, proprio lui, pronto com’è a dare del mafioso agli altri.

Poi Stoner. Tutti a dire, che figo, che bravo. Vero, se pensiamo alla corsa. Però quel pugno rifilato a De Puniet è stato trattato come una cosetta, da troppa gente, a cominciare dalla direzione corsa. Una multa, sì, sì. Per un gesto, senza precedenti, intenzionale, assurdo e gravissimo. Come è messo con i nervi il ragazzo australe? Molto bene, a vederlo vincere. Molto male per il resto, intendendo il pugno e le parole, troppe, sparate fuori in tempi recenti.

Insomma, siamo un po’ sotto la media, se intendiamo il Mondiale come un posto popolato da campioni all’altezza del curriculum, dello stipendio. Il fatto è che la MotoGP è malata di provincialismo. Prima delle multe e delle decisioni di chi gestisce una corsa, ci sono le squadre. Nello specifico, la Yamaha e la Honda. Che forse potrebbero dare un segno, trattandosi di grandi aziende. Un segno di equilibro e di rigore, piuttosto che sguazzare dentro polemiche sterili come se fossero spettatori interessati solo a tutelare i propri piloti. Anche quando i propri piloti si comportano come se le regole, quelle che contano, quelle che determinano la qualità delle persone, non esistessero affatto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

47 risposte a “Campioncini del mondo

  1. TERRUZZI 6 IL MIGLIORE ( DICI QUELLO KE PENSI E FAI BENE ) NN DARE RETTA A QUESTI IGNORANTI ANTIALONSO E ANTIROSSI VOGLIONO SOLO VEDERLI FINITI…VERGOGNATEVI TIFATE ALMENO PER IL TRICOLORE ….IGNORANTI…

  2. ma nn vedete ke quando ci sono questi sorpassi l’adrenalina anke di ki sta a casa sale a mille….questo è uno sport ke nasce maskio nel senso ke è duro ed è bello proprio per questo…mi dispiace sentire da gente ke hanno manico come stoner e lorenzo ke si devono regolamentare i sorpassi andassero a giocare a bocce…ma forse anke la troverebbero scuse…rossi è un fenomeno perke’ ci ha abituato proprio a questo …sorpassi fuori dal comune ke nn sono da tutti e spero ke questo sport restera’ cosi’…se vedete la formula 1 sta facendo di tutto per dare + pepe alle gare perke’ sono noiose e voi ke fate volete fAR diventare cosi’ anke le moto…DA SUICIDIO

  3. Non stiamo sbagliando tutto? Stiamo parlando di gare di moto, dove i piloti corrono cercando di arrivare davanti a tutti. Dove ogni decimo sprecato è un decimo perso, difficilissimo da recuperare.
    Personalmente penso, che il motociclismo è uno sport pericoloso per antonomasia, dove la sicurezza va tutelata senza ombra di dubbio, ma questa allo stesso tempo, non deve essere un alibi per ogni episodio al limite della correttezza.
    Analiticamente parlando credo che le scelte degl’ultimi anni in materia di elettronica, monogomma, tagli di budget…hanno di certo portato a una limitazione del talento. Dove sono le moto indomabili? Dove sono i piloti che dovevano dosare il gas, invece di alzare la moto e spalancare il più possibile? E’ ovvio che così facendo si arriva alle manovre al limite del regolamento, che altro può fare un pilota carico di adrenalina e di voglia di vincere se a decidera la gara non è per la maggior parte il tuo talento, ma è la moto che guidi?
    Spero che con le 1000cc il discorso possa cambiare.

  4. Terruzzi, mi stupisce che un giornlista esperto come Lei faccia tali dichiarazioni! ma che differenza passa tra quel pugnetto (e non un PUGNO), e i gestacci che in un picco di rabbia si scambiano i vari piloti a seguito di manovre subite, errate e pericolose, che possono mettere a rischio l’incolumità dei piloti stessi? Ma finitela voi giornalisti di voler creare per forza dei casi, di voler dipingere i piloti come vi pare, per far parlare e magari vendere due copie in più! Stoner ha rischiato, ed era il secondo episodio che subiva….. l’altro abbastanza simile il giorno prima! De puniet ha fatto una manovra sbagliata e assolutamente imprevedibile! si era girato, lo aveva visto arrivare velocissimo e si è spostato dove un secondo prima aveva lasciato spazio!! Chiunque si sarebbe arrabbiato sul momento, ma poi subito dopo i due piloti hanno risolto civilmente la cosa.
    Ricordo che questo modo di trattare le cose non giova al nostro sport! Stimato Sig. Terruzzi, egregi giornalisti del settore, non fate in modo che il motociclismo assomigli al calcio, con quei fanatismi di cui non andare certo fieri!!!

  5. penso invece che i vari Lorenzo, Stoner, Dovizioso ed altri non abbiano fatto nulla di male, perchè loro “sanno” come guida Simoncelli e sanno che con le sue scorrettezze di guida può creare gravi pericoli in pista, già in 250 l’ha dimostrato ed ora con Pedrosa l’ha clamorosamente confermato!!! (come hanno anche giustamente ammesso sia Reggiani che Cereghini ex-piloti durante la cronaca e fuorigiri).
    Riguardo a Casey, il gesto del pugno è sbagliato e va condannato, però questo Casey che risponde per le rime e guerreggia su tutti i fronti a me piace di più! ora è un uomo liberato!! 🙂 perchè ha finalmente tolto i panni del bravo ragazzo che in silenzio “subiva” cazzotti sia in pista che fuori per far posto a un uomo che non fa più sconti a nessuno e lotta su tutti i fronti a viso aperto!!! mitico n.27!!! 🙂

  6. E vero.. il fatto e che stanno gestendo dei ragazzetti un evento cosi importante..che, trovando in loro dei limiti, cercano di evitarli in queste maniere….il problema e che nessuno li sta fermando in quetsa crocciata farneticante…io dico ben venga la siccurezza…. ma senza esagerare nelle richietste…se continua cosi ci ritroviamo che si svolgera con partenze ritardate di 10 seccondi per accontentare stoner cosi girera finalmente solo e si eviterebbero anche i sorpassi per il N1…
    E a noi rimarra l’amaro in bocca riccordando come si correva qualche anno fa….

  7. Vedo nel circus del motomondiale una pericolosa deriva verso la mediocrita’.Da sempre questo significa abbassare il livello per una millantata voglia di “giustizia sociale” e di omologazione che non da’ poi i risultati sperati, in nessun campo. Prima è passato il monogomma, poi e’ venuta la moto2 con il monomotore, ora parlano di regolamentare i sorpassi e verra’ il “monorotaia”. Saremo costretti a rispolverare i DVD (quelli per fortuna non ce li toglie nessuno) se vorremo ancora vedere i duelli veri che hanno costruito i miti nelle diverse generazioni. A dispetto dei detrattori, ValeRossi e i suoi antagonisti hanno fatto vedere le ultime grandi corse fatte di sudore, sangue, cuore e cervello.Quelle che, senza soluzione di continuità, hanno consacrato i “grandi” in ogni epoca. Forse VR46 potrebbe essere l’ultimo di questa serie, se il mondo delle corse, piegato all’elettronica e agli interessi di mercato, vorra’ fornire ai telespettatori anche i risultati più “utili” alla bisogna del momento.

  8. Ragazzi, vi segnalo un’iniziativa importantissima volta a sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo alla sicurezza per i motociclisti: l’evento si chiama “CONTRO I GUARD RAIL ASSASSINI… METTIAMOCI I CUSCINI!” (www.facebook.com/event.php?eid=209900625709149) ed è pianificato per domenica 10/07/2011. Tutti coloro i quali vorranno sostenere l’iniziativa dovranno portare un cuscino e posizionarlo ai piedi di uno dei tanti guard rail privi delle protezioni salva vita per i motociclisti. Ogni partecipante scatterà delle foto o girerà un video per documentare la propria adesione all’evento e pubblicherà il tutto su Facebook. C’è bisogno che anche i media facciano il possibile per dare evidenza dell’iniziativa, occorre sensibilizzare l’opinione pubblica e sollecitare le amministrazioni affinché mettano in sicurezza i guard rail sulle nostre strade.

    Aiutateci per favore.
    Grazie mille,
    Fabrizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *