La rivoluzione rossa

E’ una rivoluzione rossa. Aldo Costa, direttore tecnico, figura di assoluto riferimento nella Ferrari che corre, esce dalla scena agonistica. Restano invariati il dipartimento motori (Marmorini) e quello connesso alla produzione (Lanzone), cambia la struttura di progettazione pura, ora nelle mani dell’inglese Pat Fry, ingaggiato lo scorso inverno, proveniente dalla McLaren. Fry farà riferimento a Stefano Domenicali, l’uomo che ha deciso i dettagli di questa ristrutturazione, chiesta un mese fa dal presidente Montezemolo. Continua a leggere