Il lento declino di Kimi

“Triste Solitario y Final”. E’ il titolo di un bellissimo libro di Osvaldo Soriano che oggi torna utile per descrivere il lento declino di Kimi Raikkonen. Ci dispiace perché siamo alle prese con un talento puro, ma allo stesso tempo disordinato, discontinuo e poco duttile nella comunicazione.

Dopo il primo anno nel Mondiale Rally, foraggiato dalla Red Bull, Kimi ha iniziato questa stagione con un suo team. Di fatto ora Raikkonen paga la Citroen per la fronitura della DS3 e per l’assistenza in gara.

Poi è arrivata la notizia del possibile sbarco negli Stati Uniti, NASCAR la serie. Kimi in America c’è andato davvero. Ha già corso con i pick-up piazzandosi 15° al debutto, poi negli ultimi giorni ha provato una macchina con l’obiettivo di debuttare nella NATIONWIDE, una sorta di serie B del campionato principale.

La NASCAR ha cercato Kimi allora? No. Piuttosto è vero il contrario e mette un po’ di tristezza quanto emerge dalle parole di Kyle Busch, pilota e proprietario della macchina che ha provato Raikkonen.

Busch ha ammesso senza tanti giri di parole che l’ex campione del mondo di Formula 1 paga per correre. Ma c’è di più. L’accordo inziale prevedeva una cifra destinata a coprire 5 gare. Poi – aggiunge Busch – i soldi pattuiti non sono arrivati così Raikkonen si dovrà accontentare di 2 corse appena. “Triste solitario y final”… appunto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

54 risposte a “Il lento declino di Kimi

  1. Caro giornalista,
    consiglio anch’io due bellissimi libri:
    ” il lento declino di Massa ” e
    ” gli esiti Ferrari del 2010 e del 2011 “

  2. Questo è quello che dice Lei…… noi sappiamo solo che KIMI ci manca in F1 IL SUO TALENTO E’ UN VALORE AGGIUNTO IN F1.
    La metta come vuole. si sbrotoli scrivendo di Alonso.

  3. Budel e non solo, ogni occassione è buona per dire kimi di qua e kimi di là. sn usciti anche articoli del tipo che era svogliato o scarso impegno. tutti non hanno voluto ammettere e dire le cose come stanno. le ferrari tranne il 2007, non sn state cosi performanti e competitive sia nell’asciutto che nel bagnato. per nn parlare della storia di alonso che ti porta 5 o 6 decimi, o che sà comunicare con tecnici, attualmente nn si è visto niente. final mente qualcuno ha capito che costa non doveva più progettare le ferrari da f.1. alonso grazie al grande sponsor è arrivato in ferrari, ma voi ricordare a tutti che di sponsor un kimi guadagna quando un alonso o un altro pilota di formula 1

  4. in ferrari nn è stato assistito bene, tranne il 2007. tutto il mondo ha visto che dopo infortunio di massa, è tornato ai suoi livelli. come mai??perchè nn era trattato da prima guida e perchè avevano deciso di mandarlo via, quando la colpa era del porgettista. ci sn voluti altri anni ancora per capire che costa non è mai stato da ferrari, i problemi della ferrari che aveva kimi, li ha alonso e massa, quindi il punto sempre quello è : la macchina e gli sviluppi. chi vuole capire capisca

  5. un gran pilota, in sauber e mclaren ha fatto vedere la sua classe e quello che è. in ferrari tranne l’anno del mondiale poi non è stato continuo, ma non per lui, ma per la squadra e le macchine che gli hanno dato. in f.1. con una mclaren o red bull la sua la direbbe ancora

  6. su di kimi tante voci sbagliate giudizie puri. è sempre stato un gran pilota con la sauber, in mclaren con un pizzico di fortuna in più avrebbe vinto 2 mondiali(quelli che alonso vinse non per lui o la renault ma per la fragilità o sfortuna di kimi). in ferrari fino a quando c’era todt e una organizzazione ha vinto e ha fatto vedere di che pasta è fatto. poi che era svogliato o altre scuse sono solo dicerie. dico solo una cosa : nn ha avuto la stessa assistenza che aveva in mclaren, e le ferrari successive nn erano cosi competitive. quando è stato trattato da prima guida dopo infortunio di massa, è tornato ai suoi livelli. ognuno quello che vuole capire capisca, ma la verità è che per altri fattori hanno preferito mandarlo via

  7. Kimi ha fatto vedere cosa ha fatto in sauber, in mclaren (sfortunato ma sempre un grande pilota e 2° a nessuno, Alonso senza la sfortuna i 2 titoli non li avrebbe vinti). in ferrari seguito bene ha vinto il mondiale, negli anni successivi parliamoci chiaro non è stato seguito come prima. Alonso è arrivato con un grande sponsor, dopo che negli anni prima non lo volevano. Massa sappiamo come mai è li, finalmente Costa non progetterà più niente(meglio tardi che mai). e cmq un ritorno in f.1 con mclaren o red bull farebbe vedere di che pasta è fatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *