Seb stra-leader, Lewis show

Diciamoci la verità. Il mondiale era già finito una settimana fa a Barcellona. Certo, qualcuno sperava di spostare a Monaco la pietra tombale messa da Vettel sulla stagione 2011. Ma si trattava di pura illusione.

Seb ha sfruttato il fattore C, nel senso che la bandiera rossa a 6 giri dalla fine gli ha permesso di non arrivare sulle tele e rischiare così di essere passato da Alonso e Button. Eppure ci sentiamo di dire che Vettel ha meritato lo stesso di vincere, perché alla vigilia erano in tanti a menarla con il livellamento dei valori su questo tracciato.

Tanto per gradire Sebastian ha messo lì pole e vittoria nello spazio di 25 ore e spiccioli di minuti. Soffermarsi solo sulla superiorità tecnica della Red Bull non è giusto. A Monaco Sebastian ci ha messo del suo.

Poi come si può discutere un pilota che ha vinto 5 gare su 6 e viaggia con gli stessi numeri in qualifica? Tutto ciò mentre il suo compagno di squadra naviga quasi stordito a centro gruppo. Insomma siamo già ai titoli di coda.

Con la McLaren sotto il sedere, Hamilton era l’unico in grado di spostare la fine un po’ più in là. Ma Lewis è stato penalizzato ancora una volta dalle allucinanti scelte strategiche della squadra e successivamente martellato dalla direzione di gara. La Formula 1 è alla continua ricerca di stratagemmi per alzare il livello dello spettacolo poi, quando un pilota ha le palle per cercare il sorpasso anche a Montecarlo, scatta la ghigliottina perché entra in contatto con gli avversari. Come se Hamilton fosse un kamikaze privo di neuroni, piuttosto che un pilota che si guadagna lo stipendio dando spettacolo sull’asfalto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

31 risposte a “Seb stra-leader, Lewis show

  1. @Braga88
    infatti non doveva essere penalizzato nenmeno lui!
    Cmq hamilton non tira le sportellate a nessuno, sono gli altir come Massa che lo chiudono! Hamilton quando deve essere sorpassato di certo non stringe nessuno, vedi il sorpasso che ha subito da schumacher al primo giro sempre su quel tornantino! Hamilton si è allargato per dargli lo pazio guadagnato da schumacher! Massa non lo ha fatto!.
    E poi sono solo i ferraristi che si lamentano della sua guida, nessun altro lo fa! che piagnioni! XD

  2. Ma se non è nemmeno riuscito a superare Webber, dubito che lo potesse fare su Vettel, a meno di buttarlo fuori come Massa e Maldonado.
    A buttare fuori gli avversari sono bravi tutti.

  3. Hamilton ha talento ma mi sembra che stia diventando come Montoya.Nessuno si ricorda o menziona il sorpasso subito da Algersuari, al giro 12 o 15 mi sembra, al tornantino, uguale a quello su Massa di Hamilton?hanno dato il drive trough al pilota che l’ha fatto su Algersuari nn vedo xkè ad Hamilton nn doveva essere data la penalità o bisogna fare le differenze?le regole sono uguali per tutti!Cmq metteteci Hamilton stesso o Alonso al posto di Webber sulla RedBull e vediamo se esiste ancora questo strapotere “meritato” di Vettel!!!

  4. FORZA LEWIS!!! SEI IL MIGLIORE!!! scommetto che Hamilton sarebbe riuscito nel sorpasso contro vettel al posto di alonso! tutti quelli che lo criticano non capiscono niente! fanno dei paragoni che non stanno ne in cielo ne in terra!!! lasciamo perdere i “soliti” ferraristi piagnioni che si amentano sempre di tutto…

  5. Hamilton non è un kamikaze,semplicemente se gli altri non si levano da mezzo lui li sbatte fuori pista…per vedere lo spettacolo che fa lui basta guardare i gran premi americani di autoscontro nelle arene…..si deve dare una calmata e basta,altro che spettacolo….

  6. Hanno ragione quelli della Pirelli a chiedere che sia modificata questa regola, dato, che s’è visto come la ripartenza della gara non abbia regalato nulla in più di quello che era già successo… Avrei voluto vedere lo stratega Vettel guidare altri 10 giri con i due dietro che giravano 2″ più veloci di lui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *