Sotto processo

Marco Simoncelli è stato convocato dalla direzione gara del motomondiale. A Barcellona dovrà presentarsi davanti al quartetto che governa il buon andamento dei gran premi. Argomento: riparlare  di quello che è avvenuto a Le Mans, la manovra di sorpasso su Pedrosa che ha prodotto la caduta dello spagnolo e la frattura alla spalla. Mamma mia, quanto zelo, quanta preoccupazione perché tutto funzioni bene!

C’è però un piccolo particolare. Se tale manovra merita accurata discussione, perché la medesima non è stata fatta a caldo, la sera stessa del GP di Francia? Perché tutta quella
fretta di scappare a Parigi per prendere il primo volo, in modo da godersi la serata della domenica sul sofà di casa? Fatta così, la cosa desta sospetti. Sembra proprio che Marco debba diventare il capro espiatorio, il cattivone da bollare per mettersi la coscienza a posto. E se si vuole andare un po’ più in là con il pensare male, si sente allora puzza di bruciato, di intimidazione al ragazzo proprio quando si va a Barcellona, casa Lorenzo, casa Pedrosa, casa Repsol

Già una volta, due anni fa, Marco trovò lungo la pista di Montmelò striscioni del genere “Simoncelli porco” dopo l’ammonizione subita al Mugello per un contatto con Bautista. Adesso, con un clima che va peggiorando, aspettiamoci roba simile, rafforzata dalla tirata d’orecchie che il Sic si prenderà. Poi si vedrà se lui farà il “bravo”, come vorrebbero “loro”, oppure se farà il suo mestiere. Aggiungendo, speriamo noi, un po’ di furbizia e lucidità. Perché polso e gas sono già in quantità sufficiente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

24 risposte a “Sotto processo

  1. X SEMIBRADI..
    TI FAREI UN MONUMENTO, RARAMENTE HO LETTO UN COMMENTO TANTO INTELLIGENTE, CONSAPEVOLE, PERTINENTE, COMPETENTE !
    FANTASTICO DAVVERO, TU SI CHE NE CAPISCI !

    GENTE COME LORENZO E ALTRI ROVINERANNO LA VERA ESSENZA DI QST SPORT.
    CHE VADANO A CORRERE CON I TRENI SULLE ROTAIE, IN TUTTA SICUREZZA.

  2. Rossi-Sic che se le danno di santa ragione in pista come ai tempi con Loris, Max o Melandri… MAGARI!!!!!!!
    Anche xché vorrebbe dire che Vale è tornato là davanti dove gli compete, e poi vinca il migliore! 23 + 1 vittorie e 2 titoli, secondo me è comunque davanti ai rivali dato che sono tutti lì principalmente per il titolo…

  3. io resto in attesa del primo vero corpo a corpo tutto italiano ROSSI SIMONCELLI poi vedremo come si divideranno i tifosi e i giornalisti…a proposito di Rossi fossi in lui costruirei un monumento a Sic visto che nessuno parla delle sue prestazioni con la Ducati (23+1 vittorie negli ultimi 4 anni) decisamente insufficienti!!!

  4. Sterile polemica che continua a trascinarsi, ecco qual che è questo argomento!

    1° Come ha detto anche Ezpeleta il motocicliscmo è uno sport estremo dove ci sia augura non succeda mai nulla ai piloti, ma allo stesso tempo uno sport al limite dove i contatti purtroppo sono da mettere in conto, e se non fatti con cattiveria devono passare come normali avvenimenti di gara.

    2° Io ero all’estero e non ho sentito il commento Mediaset anche se mi è stato riferito che in un primo tempo si sia data tutta la copla a Sic, finalmente un articolo di ‘ripensamento’ anche se a parecchia distanza di tempo da parte di un membro dello staff in pista.

    3° A chi non sopporta più la cronaca Mediaset chiedo perché continuate a frequentare il loro sito e vedere le gare sul canale nazionale, ci sono tante altre alternative che vi lascerebbero liberi da tali cronache e allo stesso tempo lascelebbero noi che non le disprezziamo liberi dai vostri commenti!

    4° Mi auguro con tutto il quore che al Mugello per una volta il tifo stile ‘calcistico’ italiano sia assente e noi italiani ci si comporti superiormente rispetto agli spagnoli senza maltrattare, fischiare, insultare o minacciare i piloti come stà succedendo ai nostri in Spagna.

    5° ma non ultimo, Uncini and company potevano risparmiarsi la insulsa penalizzazione del Sic in Francia, dopodiché avrebbero potuto almeno essere uomini ed indire una conferenza stampa a fine GP per chiarirne le motivazioni, ed infine a distanza di 3 settimane avrebbero potuto almeno tacere anzi che fare un richiamo verbale ufficiale solo per proteggere le loro erronee decisioni francesi!
    Ma poi propio Uncini viene a fare ste boiate che è stato lui per primo un pilota di GP e sà bene quanto l’agonismo sia forte in gara e il motociclismo sia l’essenza di tale sentimento?!?!?!?

  5. Scusate, faccio un p.s. al mio precedente intervento: ma non sarà che tutto questo polverone intorno a Simoncelli viene in realtà sollevato per colpire Rossi, insuperabile nei testa a testa?

  6. Caro Simoncelli, ti riporto alcune considerazioni in tua difesa che ho postato su altri forum di motociclismo: sei una grande speranza e ti auguro tutto il meglio.
    Motociclista da sempre, e ormai alle soglie della vecchiaia, ringrazio la sorte di avermi dato la possibilità di vedere e amare il Rossi di Welcom 2004 (una delle corse più esaltanti della storia del motociclismo), il Rossi di Laguna Seca, il Rossi della “spallata” a Gibernau (che poi era una spallata, con rimbalzo, di Gibernau a Rossi), il Rossi dell’ultima curva di Valencia, il Rossi che vuole la vittoria e rischia l’inosabile anche se per il titolo gli basta il secondo posto. E potrei citarne cento altre.
    Invece amo molto molto meno il Rossi che si accontenta del terzo posto senza combattere (e poi ci prende per i fondelli con la storiella dell’ultimo giro).
    Quando ero giovane amavo assai di più, e non ero il solo, l’impetuoso Mike Hailwood del “ragioniere” Agostini (per rendere l’idea ai più giovani, Senna invece di Prost, anche se Prost ha vinto di più…). E chiedete un po’ agli appassionati di F1 se amano di più il 7 volte campione Schumacher o Villenuve, quello vero, il leggendario “27 rosso”, che non ha vinto nessun campionato……
    Ora, abbiamo la fortuna di avere un Simoncelli che potrebbe diventare un’altra leggenda del motociclismo: teniamocelo caro e non cerchiamo di castrarlo.
    Capisco che “politicamente” l’innocuo, e pertanto comodo, Pedrosa deve essere difeso dai “rossisti a prescindere” (talvolta più o meno ben camuffati da osservatori obbiettivi), additandolo come esempio di “buon avversario” in contrapposizione ai “cattivi” Lorenzo e soprattutto Stoner, tuttavia: HO VISTO, e rivisto più volte, il sorpasso di Simoncelli su Pedrosa: ho visto Simoncelli che supera all’esterno Pedrosa, e Pedrosa che, sorpreso dalla situazione e incapace di controllarla, lo sfiora e va in terra. Chi ha le ruote davanti ha ragione, specialmente se ce le ha tutte e due.
    D’altra parte, i sorpassi nella MotoGP, specie nelle prime posizioni, avvengono sempre fra campioni che guidano super-moto praticamente uguali, con prestazioni dell’insieme uomo/macchina che differiscono di qualche decimo di secondo al giro.
    Consideriamo che a 100 km/h la moto viaggia a circa 28 metri al secondo, cioè fa circa 2.8 metri in un decimo. Se sei dietro incollato per sorpassare l’avversario devi prendergli almeno 8/10 metri, se sei affiancato almeno 4/5 metri, il che equivale, a quella velocità, a guadagnargli in quella sola occasione almeno dai 3 agli 1.5 decimi. Perciò, salvo errori dell’uno o dell’altro, i sorpassi fra i primi in MotoGP avvengono con entrambi i contendenti talmente vicini al limite della moto e dell’uomo che basta un nonnulla, un’inezia, perché qualcuno vada in terra: e per sorpassare devi non solo andare più veloce dell’avversario, ma anche cercare di rallentarlo impedendogli di seguire la sua traiettoria ideale. Dunque, se non rischi, non sorpassi. Se i sorpassi dovessero avvenire solo in condizioni di sicurezza, semplicemente non avverrebbero mai.
    In conclusione: il sorpasso, che è il sale e la quintessenza del motociclismo, è sempre e comunque rischioso e pertanto foriero di incidenti; ma è soprattutto lì che si vedono tutta l’abilità, il coraggio, gli attributi del pilota. E se qualcuno va in terra, fa parte del gioco: quando si corre si fa alle corse.
    E allora, Simoncelli: RIMANI CATTIVO!

  7. Ci tengo a precisare che Loris Reggiani è stato il primo, durante la telecronaca a criticare il sorpasso di Sic su Dani. Poi a FuoriGiri, Nico Cereghini ha ribadito che un tale sorpasso all’esterno equivale a fare lo sgambetto all’avversario. Mediaset non è stata di parte!!

    Dalle dichiarazioni mi pare che in realtà Sic non abbia capito la lezione, dunque è questione di tempo e prima o poi un sorpasso simile si ripeterà. Sottolineo che Rossi non ha mai fatto tali sorpassi all’esterno così grautiti!!!!!!!

  8. sic entro quest’anno darà la paga a tutti…credo che la Ducati ufficiale non debba farsi scappare la ghiotta occasione…………………….può assicurarsi il pilotà forse più veloce al mondo(non più forte) capace di guidare ”alla stoner”..secondo me la bestia ducati sotto le mani di sic diventerebbe un agnellino…con i suoi 90 kg non avrebbe paura certo delle reazioni della ducati…..aprite gli occhi in Ducati

  9. Perché tutta quella fretta di scappare a Parigi per prendere il primo volo, in modo da godersi la serata della domenica sul sofà di casa? FORSE per scappare da “voi” ???!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *