Con giudizio

Ora fan presto certi ducatisti, fan presto a protestare. Da due o tre giorni il terreno è fertile. Prima erano i sostenitori di una moto, di una marca, di una moto italiana opposti a quelli di un pilota italiano, ma di risonanza mondiale. Le due entità lottavano con cattiveria. Era un’anomalia certa e tutta italiana  per il motomondiale dove il pilota ha sempre avuto più credito e significato di ciò che guida. Il confronto, a volte violento, pareva essersi sedato nel momento in cui la moto e il pilota in questione hanno cominciato ad agire nello stesso box. Ma senza vittoria non ci si unisce.

Stoner che era uno strumento per far andare forte la Ducati battendo Rossi, ora per parte del desmopueblo è un rimpianto. Perchè la moto era difficile anche per lui ma ci ha vinto molto, perchè sotto le ruote di Rossi è passato il peggior weekend della carriera. Quello che anche in lui ha certamente sollevato dei dubbi, che forse li ha sollevati nella Ducati. Per il Rossi di Silverstone è stata scomodata la parola crisi. Ci sta. Ma passerà? Pensiamo di sì, nonostante il giudizio nel breve non possa che essere impietoso, perchè a Silverstone è stato uno schifo sul fronte Ducati in generale.

Va concesso insomma che a Silverstone Ducati possa avere un problema più che altrove,  perchè anche lo scorso anno Stoner, che sulla Ducati non si discuteva, prese paga da Hayden. Se andiamo indietro di una settimana troviamo Rossi che guidava invece che andare a spasso. Se andiamo indietro di tre era sul podio. Indietro di un anno ecco Stoner che il primo podio lo faceva alla gara sette. Il che non significa che i due siano uguali. Non significa che Rossi con Ducati sia un matrimonio destinato a riuscire come riuscì l’altro. 

Analizziamo la crisi con buonsenso e raccogliamo elementi  perchè il giudizio sia completo. Non bocciamo una moto che peggiora invece che migliorare, non condanniamo secco uno dei migliori piloti della storia. Non per un caso, non coi pretesti, non col pregiudizio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

210 risposte a “Con giudizio

  1. Bene direi che in questo caso l’organizzazione del motomondiale non ha fatto il suo lavoro:
    – non si puo far girare una moto (DUCATI) nuova su una pista come il mugello con asfalto nuovo di fatto favorendo la casa stessa con ovviamente i parametri derivanti dal cambio di manto stradale
    – non si puo concedere un cambio totale di moto con campionato in corso, una revisione si ma non proprio una moto nuova di zecca.
    Comunque la si veda la DUCATI che si è ritirata ufficialmente dalla SBK per costi di bilancio, che non si preoccupa di rifare una moto da capo,non ci sta facendo una bella figura. I soldi da dove vengono? Vogliono per caso evitare di fare figuracce in casa FENOMENO?
    Io mi auguro che per la lealtà sportiva questo non inneschi poi da parte degli altri costruttori una corsa al cambio di MOTO anche da parte loro, alla faccia del contenimento dei costi. Sarebbe una china pericolosa dove l’unica colpa è dell’organizzazione del motomondiale.
    W LO SPORT

  2. ribadisco il concetto che non era la moto sbagliata ma il pilota a fare il passo del gambero…. E’ così evidente, battuto da Hayden ed in qualifica pure da Abrham, De Puniet e Barbera con le moto clienti!!!

    Con la GP16 11.1 non cambierà nulla, continuerà a far pena gp dopo gp.

  3. credo che ormai i miei commenti non verranno più inseriti, ma io insisto!
    di rossi ce ne è uno e se ha vinto 9 (NOVE) mondiali, non è certo un caso! per caso o fortuna ne puoi vincere al massimo uno, ma il talento, la bravura (certo ci vuole anche un pizzico di fortuna) non sono un caso!
    se ne vedranno ancora delle belle ! forza vale (e forza meda!)

  4. Alquanto allucinante leggere che alcune persone “godono” veder perdere un pilota.
    Io godo solo con la mia donna, tanto per definire la parola. Ma di certo non mi esalto tanto per un pilota che “perde”. Perdendo che cosa poi? Si sapeva dall’inizio del anno che come era messo Rossi, ci sarebbe stato da soffrire. La Ducati vinceva con Stoner? Bene bravo, ma quanti mondiali ha vinto con questa Moto alla fine dei conti? Un unico Mondiale! Perchè si, Casey bravo per carità, ma se la moto è ostica da guidare lo si deve anche a lui non credete?

  5. Non concordo sul fatto che la ducati sia una moto che peggiora invece che migliorare e sul fatto che Stoner lo scorso anno a silverstone le buscava da Hayden (qualche d’uno ha dimenticato del problema tecnico)mi sembra cercare il pelo nell’uovo x addolcire la brutta prestazione di Rossi.La Ducati e’ una grande famiglia con ottimi tecnici.Non merita dopo tutto quello che sta facendo x far felice Rossi di essere criticata.Se vogliamo sparare a zero sulla moto facciamolo anche sul pilota,cronisti mediaset inclusi!!

  6. E’ TUTTO INUTILE!!! E’ INUTILE KE CRITIKATE GIUDO MEDA!!!! E’ UN TELECRONISTA SPETTACOLARE,DIREI PROPRIO KE A LIVELLO DI TELECRONISTI SPORTIVI ITALIANI CI SONO AL VERTICE BRUNO PIZZUL E GIUSTO LUI, GUIDO MEDA!!!! GUIDO NON CAMBIARE MAI IL TUO MODO DI FAR TELECRONACA. 6 TROPPO FORTE E CI FAI COMPENETRARE COME SE FOSSIMO NOI SULLE MOTO, CHE CARDIOPALMA!!!! TUTTI SUL DIVANOOOOOOO 😛

  7. Vorrei far notare che le prove che la ducati stà facendo al mugello a
    mio parere non sono del tutto lecite;mi spiego meglio:
    Non ritengo giusto che si vada a provare in un circuito dove tra 15 giorni
    si correrà la gara,ROSSI e HAYDEN stanno comunque avendo un vantaggio
    rispetto agli avversari,stanno facendo delle sessioni aggiuntive rispetto
    alle 4 classiche dei granpremi.
    Mettetela come volete,ma se io giro in pista,seppur già conosciuta,ne
    traggo comunque beneficio,oltretutto mi risulta che ci sia un asfalto
    nuovo,quindi un parametro diverso che i piloti ducati hanno già assimi
    lato rispetto agli altri.
    Questo non è certo colpa della DUCATI,ma dell’organizazione del motomondiale che lo permette,a mio parere i test vanno fatti dove si è già corso nella stagione corrente.
    Capisco che hanno girato con la 1000,che è una moto diversa,capisco che
    sono fiscale,ma,se onesti,non si può negare che i test nelle piste dove
    si correrà a breve un pò di vantaggio lo danno.
    Quindi,le squadre sono libere di utilizare gli 8 giorni concessi nel 2011
    ma in piste dove si è già corso,e non ritengo valido la scusa che ogni
    casa costrutrice ha la sua pista di riferimento.
    Una cosa sia chiara per tutti:per VALENTINO ROSSI il MUGELLO rappresenta
    quest’anno la prova d’esame,qui non ci sono scuse,è pronto al 100%,è la
    pista dove ha sempre vinto,dopo questa gara il giudizio nei suoi confronti
    avrà una rilevanza notevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *