In Ducati si gela

Se la Ducati Gp11.1 alla fine delle qualifiche fa come la vecchia Gp11 un problema evidentemente c’è. Abbiamo sempre avuto il sospetto nei giorni scorsi che l’aspettativa fosse troppo alta e che sarebbe stato folle pretendere quello che sentivamo al bar dove, guardando ad Assen, si ipotizzava una vittoria di Rossi di larga misura. Era assurdo, ovviamente. Ma è strano, anomalo, preoccupante anche quel che è successo oggi in qualifica. Rossi non riesce a guidare, non inserisce in curva, ha scarsa percorrenza, sta indietro col gas dove Simoncelli -per dire – entra aperto e cattivo.
Nel box i volti ti raccontano la delusione; di Ducati che ha fatto due mesi di straordinari, del team che lavora con fiducia, degli amici di Valentino e del pilota stesso che approda in conferenza stampa e senza giri di parole ti parla della propria amarezza in maniera spiazzante.
Non dice che è normale e che serve tempo. Dice invece : “Non guido, non riesco a guidare, non mando in temperatura la gomma anteriore, non la sento, non ho feeling, bisogna trovare qualcosa”, facendoci capire che l’aspettativa era altissima anche per lui e ridimensionando il nostro ottimismo.

C’è qualcosa da trovare, ma cosa? Se lo stanno chiedendo tutti, tutti quelli che anche ad occhio nudo vedono Rossi che non è “in” moto, ma “su” una moto. E se la sensazione di un (gran) pilota a disagio è così evidente può significare che ci sia una macroproblema, molto più che qualche dettaglio da sistemare. Un macroproblema che forse abbiamo tutti davanti agli occhi, ma non si individua.
Verrebbe da pensare alla mancanza di un telaio vero e proprio, ma è uno spettro da non considerare per due motivi: il primo è che in Ducati un deltabox non l’hanno mai fatto e non è detto che siano capaci di farlo, il secondo è che è troppo presto per resettare tutto un’altra volta come è stato fatto con la Gp11.
Dopo aver visto un Rossi non male nelle prime due libere e averlo visto incastrato nel momento in cui gli altri spingevano fino ad obbligarsi a montare la morbida davanti ( che non usa mai) per limitare un po’ i danni, è arrivata l’opinione di Loris Reggiani: “Sarebbe stato un miracolo se la Gp.11.1 avesse funzionato da subito perché il carattere di un motore 800 è certamente troppo diverso da quello del 1000 provato nei mesi scorsi per non mettere a disagio anche la ciclistica”. Si può anche prenderla per buona e aggiungerci che questa Ducati con Rossi sopra ha difficoltà (come la precedente) in condizioni di asfalto asciutto sì, ma freddo. E che col caldo potrebbe essere diverso. Potrebbe. Ma le corse non possono tener conto di quel che decide di fare la metereologia, ergo, il problema al momento rimane. Che le qualifiche di Assen siano state troppo fredde per le gomme a disposizione lo dimostra Stoner quando sfuria sulla pericolosità delle coperture Bridgestone in giornate come questa. Lo dimostra Capirossi all’ospedale e i tre ufficiali Honda in terra nel giro di due minuti e senza preavviso. Ma che la mancanza di feeling di Valentino derivi da quello è solo una speranza perchè è triste vedere lui così almeno quanto è bello vedere un’altra volta Simoncelli in pole apparentemente senza rivali. Rossi parlicchia appena con la sua moto, mentre Simoncelli ci si avvinghia e ci fa l’amore e Spies quasi.
Freddo o non freddo. Oggi invece in Ducati si gela.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

56 risposte a “In Ducati si gela

  1. Vorrei rivolgere una preghiera all’ingenier Preziosi:riveda al piu’ presto il suo progetto moto gp,perchè con questa moto non andra’ molto avanti,il telaio a motore portante non funziona,il forcellone posteriore in carbonio non funziona l’avantreno con le sospensioni made in Ducati non funziona.(metta quelle “color oro”!!)Ormai quest’anno è andato,ma se l’anno prossimo si parte dalla base di questa moto,il 2012 sara’ anche peggio di questo 2011 che secondo me è forse il peggiore da quando Ducati è entrata in Motogp.
    Secondo me una moto alla “Giapponese” col suo bel telaio (es Deltabox Yamaha)unita all’inventiva che noi Italiani sappiamo sempre aggiungere portera’ ad un grande risultato(vincente).
    cordiali saluti e alla prossima.

  2. buongiorno a tutti voi della redazione vado subito al dunque ,sono terribilmente deluso per la situazione ducati -rossi si dicono tante cose ma non si viene al nocciolo della matassa ,la mia opinione su questo problema e la segeunte io penso che abbiamo dato troppo scontato la bravura di rossi ,è molto evidente che rossi non sia in grado di pilotare la moto perchè ha guidato sempre moto “semplici “nel guidare ed ora che si trova tra le mani una moto “vera” si trova in grandi difficoltà ,aggiungo che è un gravissimo errore trasformare la ducati in una honda oppure in una yamaha mi riferisco al modo di guida ,sappiamo benissimo che la ducati si guida di forza ,quindi il problema è che deve essere il pilota ad adattarsi alla moto e non vicevera ,basta vedere che il suo compagnio di squadra gli sta davanti quando la stagione prima beccava 1,5 sec. da stoner .quindi la moto c’è ed potrebbe stare li davanti a tutti senza problemi ma deve essere guidata alla stoner e non alla valentino .Sspero che in quesito sia posto in trasmissione fuori giri per sentire il parere degli esperti .ciao a tutti e buona domenica

  3. BASTONER27VALEROSSI46, Sic, Stoner ,Lorenzo sn attualmente i 3 piloti più veloci in pista, solo Pedrosa aspettiamo che si riprende dall’infortunio. altri grandi manici o a loro livello nn ne vedo. il più concreto e formidabile rimane Stoner, basta dargli una gran moto come quest’ano e lui trova subito il setting e nn è troppo esigenze, e riesce ad andare fortissimo. gli altri hanno bisogno di più tempo per trovare le regolazione e andare quanto lui. piloti come stoner che oltre gran minici e veloci nel set up bisogna andare al passato e nn ne sarei sicuro di trovare qualcuno con caratteristiche come lui. purtroppo la scelta di volere strafare, la foga, la rivincita su stoner,e nn sl, hanno portato rossi a nn considerare che lui senza honda o yahama è andato, e che la desmo nn andrà mai come loro. e penso anche stiamo assistendo allo stesso periodo d’oro di vale con la rc212v. stoner e honda hanno formato un’accoppiata grande come quella vale con honda. le uniche scelte erano o ducati o suzuki, oppure doveva andare alla honda che lo voleva , ma lui invece ha snobbato e ora senza la moto competitiva il gioco è finito. da tifoso di vale queste sue scelte nn le ho condivise e mi dispiace dirlo ma anche col ritorno al 1000 niente cambierà. e i ducatisti anzicche pensare ai tempi di stoner, devono anche pensare che il loro progetto nn è vincente, e il livello tecnico è salito. o si adegua la ducati o rimane cosi. dall’inizio dell’anno a ora, tra la spalla e scelte sbagliate, nn ci hanno capito niente. ma fare una moto diversa durante la convalescenza e impegnarsi da quest’anno sulla 800 no? invece fare 2 cose nello stesso tempo e i risultati 0 e soldi e tempo buttati via. la foga non paga mai, e la verità è che facendo diventare la 1000 una 800 volvevo fare il gran colpo.. ma perchè nn si sà che cambiando il motore nello stesso telaio e soluzioni, la moto risponde diversamente??

  4. alfa 86 la tua analisi è giusta, anzi direi perfetta. però su vale ho dei dubbi, è stato a lungo il numero 1 e non si discute, ma in ducati non doveva andare poichè rifare la moto è 1 azzardo gigantesco, e spesso è 1 errore. poi aspettiamo l’anno prox x vedere se rossi sta attuando 1 programma serio di sviluppo o sta effettuando pagliacciate mediatiche. resta cmq il dubbio su ki sia attualmente il pilota + veloce e concreto…

  5. cmq credo ke attacacare guido meda sia fuori luogo xk certe sue telecronache sono fantastiche e le ho sul telefonino registrate, roba da professionsti.
    chi volesse fare paragoni tra il bravo guido e altri, segua le gare su ESPN classic, e vedrà che pena…

  6. BASTONER27VALEROSSI46, ciao. il 2007 è stato un grande anno, un gran moto e uno Stoner superlativo. dopo è iniziato il declino, Stoner non si è ripetuto, è caduto tante volte ma nn per lui. la ducati per anni è rimasta indietro e le scelte fatte prima nn stanno pagando ora. i giapponesi hanno migliorato le loro moto e sn avanti. ora Stoner in honda ha trovato un gran moto,e fà la differenza. rossi senza una moto come la rc212v o una m1, nn farà più niente. nn credo che Vale è diventato demotivato o nn sa guidare. il fatto è che la scelta di fare diventare la 1000 futura in una 800 nn porta frutti. l’anno prossimo serve un’altra moto, e in tutto questo come sarà la nuova moto? o butteranno altri soldi e tempo?la ducati da questa crisi tecnica nn ne esce. Stoner ha portato la ducati al vertice compensando le sue carenze grazie al suo stile di guida e alla sua squadra nel saperla mettere a punto e trovare un setting buono. ora invece brancolano nel buio.

  7. La domanda resta: è stato stoner a valorizzare la ducati o la ducati a valorizzare stoner? risposta: è opera di stoner, xk la ducati a quanto pare non sta valorizzando Rossi.
    seconda domanda: xk Rossi,che secondo alcuni è ancora il + forte, non riesce a valorizzare la ducati cm fece stoner, con 23 vittorie in 4 anni?

  8. @GUIDO MEDA . Salve Meda , le volevo dire che ne pensava della scelte ducati di continuare col motore portante, cosi come con quella del telaio che sn diversi rispetto a quando la desmo 1000. come mai la ducati non ha mai pensato a un deltabox?e se i problemi che da anni affligono la ducati derivano dal motore portante(visto che tutti parlano di poco feeling con l’anteriore e poche soluzioni per risolvere questo problema) perchè la ducati insiste?non è che in questi anni queste strade prese nello sviluppo per competere con honda sn state sbagliate e i risultati si vedono ora?cosi spiegherebbero le tante cadute di stoner ma anche tanti bravi piloti che non ne venivano a capo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *