Ducati, via al gioco duro

Una metà va in vacanza, per l’altra inizia il gioco duro. La prima metà è Valentino Rossi, la seconda è la Ducati. Il monte delle informazioni ora è completo. Valentino resta la migliore delle Ducati al traguardo, anche se arrivare davanti a Hayden a 30 secondi dai primi, come è successo anche a Laguna Seca,  ovviamente non basta, nè a lui nè alla casa.
Soffre l’avantreno al punto che in qualsiasi pista si vada a correre, lunga o corta che sia, il distacco dai primi è di circa un secondo al giro. È tornato il capotecnico Jeremy Burgess a mettere calma, ad arginare il rischio di confusione e scoramento del suo pilota,  a spingere per un lavoro sereno con ciò che si ha a disposizione. In attesa che arrivi qualcosa di nuovo, che non sarà subito.

L’obiettivo, realistico, per la seconda metà della stagione è quello di poter arrivare a combattere al livello di Dovizioso. Togliere insomma mezzo secondo agendo sui particolari, mentre per l’altro mezzo gli interventi andranno fatti sulla sostanza e riguarderanno  facilmente il 2012. Non prima.

Negli ultimi due mesi in Ducati hanno finalmente capito cosa non va, hanno capito che ciò che per Stoner era un problema relativo, per tutti gli altri piloti del mondo è un problema tremendamente reale. A nessuno piace più una moto selvaggia e inguidabile, anche se un’ala estrema potrebbe considerarli dei pregi. Il fatto è che con la Ducati selvaggia e inguidabile non si vince più e non è questo lo scopo dell’ingaggio di Rossi.

La palla passa così dalle sensazioni di Valentino ai pc degli ingegneri; in Ducati sono in gamba, studiano, e gira e rigira si finisce sempre per pensare che puntino ad un telaio più tradizionale. Sbocco probabile, ma non certo. Ducati sulla realizzazione di telai classici non ha esperienza, è vero, ma non aveva neppure esperienza di Motogp quando debuttò nel 2003 andando sul podio. Quindi, credere nel miracolo rimane ancora l’opzione migliore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

306 risposte a “Ducati, via al gioco duro

  1. Gatsu3671,se per “sviluppare la moto” intendi farla progredire progressivamente di anno in anno,ti accorgerai che questo in Ducati non è accaduto.Non mi azzardo a dire di chi sia la responsabilità,ma,mentre Honda e Yamaha hanno fatto grandi passi avanti,la Ducati è indietreggiata sempre di più.Mi auguro che riusciranno a tornare competitivi (che significa,almeno,lottare per il podio).Vogliamo pensare che Rossi è diventato un incapace (molti espertoni già lo fanno)?La tua conclusione è molto “gustosa”,ma c’è tanto da fare…Incrociamo le dita!

  2. buona sera a tutti
    scusa se ti contraddico PITTORE59, ma a quello che si sente dire dallo stesso Rossi, la DUCATI si sta muovendo nella direzione da lui indicata e quindi non puoi dire che la DUCATI non dia il 200% di quello che può dare, anzi io direi che stanno facendo di tutto per portare Rossi il più vicino possibile agli avversari e poi ricordati che è Rossi con DUCATI ad aver deciso di cambiare ogni cosa che hanno modificato compreso la moto.
    Poi aggiungo una cosa personale anche se sono un tifoso di Rossi dico che quest’anno non può che fargli bene tornare sulla terra e poggiare i piedi, per spiccare nuovamente il volo dopo aver capito quanto altri piloti prima di lui hanno dovuto patire per comprendere e sviluppare una moto scorbutica come la DUCATI degli anni passati e di quest’anno (vedi CAPIREX, STONER,HAYDEN E NATURALMENTE LO STESSO ROSSI)ma se guardiamo bene solo uno in effetti è riuscito a domare la rossa di borgo panigale, anche se con grande fatica.
    E ti ricordo che Rossi ne parlava come di uno che se messo alle strette cadeva sempre, ma a quanto pare invece era l’unico a riuscire a starci in sella alla DUCATI e quindi adesso dovremo pensare che Rossi non è più capace di guidare?!
    Ma non diciamo cavolate e continuiamo a TIFARE ROSSI E DUCATI e diamo tempo ad entrambe x trovare il punto d’incontro che porterà entrambe a vincere ancora, ricordandoti che IL DOTTORE ha sempre vinto il mondiale al secondo tentativo con tutte le moto che ha guidato!!!!!
    CIRI CIAO GENTEEEEEEE

  3. Vale se non ti danno retta fai una cosa prendi tutti i tuoi coccini e trasferisciti armi e bagagli alla Suzuki sono sicuro che sarebbe una grande sfidaa!! loro si che ti ascolterebbero e sicuramente farebbero meno paragoni e piu’ fatti !! mica come alla ducati che per fare 3 boccole hanno impiegato 11 gare! loro non lo sanno ma se non cambiano mentalita’ un altro mondiale gp lo vinceranno nel 3000 !!! forza VALE !!

  4. La Ducati deve ascoltare Valentino non puo’ ripeter l’ errore che ha fatto con Capirex e Melandri ! alla Ducati non possono vivere di ricordi Stoner non c’è piu’ !| e anche lui ha vinto un mondiale grazie alle gomme fatte solo x la desmo 16 e a tanta fortuna !! forza Vale !!!

  5. Secondo me qualche buon risultato lo potrebbe tirare fuori dal cilindro. Perchè Vale e Vale!!!! Ci ha abituati a queste rimonte!!!!! VALE FOREVER!!!!

  6. ciao!!nn vedo l’ora ke inizi la gara a brno…spero di vedere rossi sul podio…e sn sicura ke farà un’ottima gara!!!forzaaa valeeee siamo tutti con teee:)

  7. Quando il gioco si fa duro,i duri si attaccano a Sic…Ma non diciamolo a nessuno!Comunque un miglioramento,piccolo,c’è stato.Buon lavoro Ducati!

  8. @peraps-ontheroad.
    E’ fiato sprecato con solognocca non è la prima volta che manda questo messaggio e gli è stato già risposto.
    Adesso vediamo se ha capito una volta per tutte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *