Fernando, fenomeno raro

Quando ha debuttato in Formula 1 aveva 19 anni, i capelli corti e una faccia che sembrava troppo grande sul suo fisico da ragazzino. Oggi Nando ha fatto festa spegnendo 30 candeline con una chioma fluente, muscoli scolpiti dagli allenamenti e la consapevolezza di essere un uomo fortunato.

Una fortuna condivisa pure da chi ha che fare quotidianamente con lui , soprattutto quando da affrontare ci sono sentieri che danno l’impressione di non avere una via d’uscita.

Dalla maledetta domenica di Abu Dhabi all’estate della rinascita rossa, Alonso ha subito i problemi di una macchina che non offriva il minimo segnale di miglioramento.

Nel frattempo non abbiamo mai sentito una voce critica nei confronti della squadra da parte sua. Insomma si vince e si perde assieme. Al momento della svolta Nando non si è attribuito alcun merito individuale, mettendo ancora una volta la squadra, nel suo complesso, al centro di tutto.

Raramente è capitato nello sport dei motori di avere a che fare con un pilota del genere, uno che racconta di aver imparato qualcosa perfino da un compagno di squadra mediocre come Nelsinho Piquet. Paradossalmente però è proprio questo tipo di approccio a rendere centrale la figura del pilota, nel senso di Alonso. Una situazione che non si è mai verificata nemmeno ai tempi di Schumacher.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

18 risposte a “Fernando, fenomeno raro

  1. scusa rossonerisiamnoi, ma stiamo parlando di Alonso o sbaglio?!?! ti pare abbia elogiato qualcuno per rafforzare lo scredito nei confronti di Alonso?!?! se qualcun altro deve essere ridimensionato penso possa essere oggetto di altra discussione: non ripariamoci dietro a un dito…

  2. Certo perché gli altri non sbagliano mai, Vettel se non ha una macchima che da 1 sec al giro agli avversari va in grosse difficoltà, mentre ginetto oggi al testacoda ci ha aggiunto pure un’errata scelta di gomme
    E ridimensionare questi 2 no?

  3. @bay-82
    Ricorda: se non si vince è per demerito della scuderia; se si vince è per merito di Alonso.:)
    Non ci sono più i ferraristi…ora è moda essere Alonsisti!!

  4. talmente fenomenale da sbagliare completamente sia nelle qualifiche (2 errori in 2 tentativi) che in gara (sono stati più i lunghi o i testacoda??). Ma quando vi decidete a ridimensionarlo?!?!?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *