Senna e Senna

Cari malinconici degli anni che furono – convinti che il passato sia nettamente meglio del presente – mettetevi comodi. Perchè l’ultima conferma della tesi arriva dalla Formula 1. Dove c’era un Senna in nero Lotus Renault che scuoteva gli animi, dove c’è la versione odierna che, con tutto il rispetto, non scuote proprio niente. Sarà lui, Bruno, a prendere il posto dello spento Heidfeld, domenica a Spa. Lui che però si chiamerebbe Bruno Lalli, se non avesse ben pensato di acciuffare il cognome di mamma Viviane (la sorella di Ayrton).

Lui che però, del talento dello zio, neanche l’ombra, un po’ come del carisma, della personalità: insomma un tarocco. Che infatti di un altro tarocco si metterà alla guida, già che questo nero e oro non ha niente a che fare con il nero e oro di quei tempi. Quello portato 25 anni esatti fa da Ayrton al secondo posto di Spa dietro a Mansell. L’allora 26enne Ayrton, che proprio non ha niente a che fare con il 28enne Lalli carico di sponsor, a parte dei tratti traditori che ci fanno pensare allo zio guardando il nipote. E che ai malinconici confermano quanto il presente, dal passato, sia inevitabilmente battuto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

31 risposte a “Senna e Senna

  1. l’avevo letto su un forum tedesco di aansasioppti di rose, pare che mescolando acqua e latte in proporzione 1:10 e poi spruzzando questa broda sulle rose l’oidio sparisca. Probabilmente funziona solo Germania perche9 qui non ha funzionato

  2. preferisco un Bruno Senna che se la tenta subito che un Alonso e un Massa con una supermacchina cosìarrendevoli
    ciao a tutti

  3. Bruno Senna (Lalli) 1:51.121
    Vitali Petrov 1:52.303

    Mi sa che quello carico di sponsor è il russo che corre coi soldi del governo e non un brasiliano che ha un cognome pesante…ma per 10 anni non è salito nemmeno su go kart….andare nel 2004 in Formula Bmw e ritrovarsi nello stesso anno a Macao in Formula 3,8º tempo in qualifica, 2ºin gara su 33 partecipanti.
    Nel 2008 arrivò secondo in Gp2 dietro Pantano…che qualche anno prima aveva corso in F1.
    Lo scorso anno era su un catorcio che il primo test l’ha effettuato nelle libere di Melbuorne.

    Mi meraviglio come un giornalista come lei queste cose non le tiene in considerazione ed entra a far parte del partito dei “prevenuti”…. E’ vero non avrà il carisma, la personalità, la forza la bravura e il talento dello zio….ma fu proprio Ayrton che nel 93 disse “Se pensate che io sia bravo, aspettate di vedere mio nipote Bruno ” adesso Bruno ha avuto questa grande chance è in qualifica l’ha sfruttata bene su una pista come Spa, da tutti considerata una delle piu belle e impegnative del circus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *