Solo Loris…

C’è sempre stata una gran delicatezza nella sua furia. Ci sono occhi buoni, vispi e furbi nel suo sguardo. C’è una gran sensibilità per il prossimo nel suo individualismo. C’è l’annuncio del ritiro, ora, per Loris Capirossi. Non è solo una pagina che gira. È qualcosa di molto più grande. Tra sei gare saremo un po’ più vecchi e un po’ più soli in questo paddock che è stato il suo paese per 20 anni. Loris in 20 anni ha bucato almeno tre ere, viaggiando dal motociclismo semplice e rustico fino a questo, più ricco ed esasperato. Vinceva il suo primo mondiale, a 17 anni, che molti dei piloti di oggi non erano neppure nati.Altri, come Valentino, lo guardavano e lo invidiavano guardandolo in tv. È stato un esempio per davvero, senza che ci sia necessità di scivolare nella retorica: per come ha vinto, per come ha sbagliato, per come si è rimesso, per quanto si è fatto male senza lamentarsi, per come è sempre tornato in sella a combattere. Sempre al massimo, anche nonostante i mezzi. Non c’è traccia in lui di ciò che sarebbe potuto diventare: un uomo viziato e presuntuoso.

Loris Capirossi è vero e semplice, astuto e incrollabile. Esperto fino a conoscere ogni dinamica di questo suo mondo. Esperto fino a poter parlare chiaro, anche durissimo quando è servito, con quella credibilità che si costruisce solo nel tempo solo un uomo intelligente. Non c’è un meccanico, di quelli suoi attuali, che ti dica che Loris oggi si tira indietro, che abbia un atteggiamento sbagliato per le dinamiche del box. Un professionista perfetto, uno dei migliori del gruppo, un motociclista che è diventato marito e padre e che ha capito quando è arrivato il momento di dire basta. Mai facile.

Che, come molti prima di  lui, ha pianto raccontandocelo, regalando anche a noi un maledetto  stranguglione di commozione. Noi che ci siamo messi in fila per abbracciarlo, perchè ad ognuno di noi ha dato qualcosa. La notizia non ha ancora un corpo, è solo un’emozione, di quelle di cui Loris ci ha nutrito e si è nutrito in questi 20 anni. Fate silenzio voi che oo avete conosciuto solo nell’ultima parte della sua carriera. Un silenzio rispettoso. Sta comincia l’era del dopo, del senza Capirossi. E non importa che ora vinca o perda, che le sue vittorie restino 29 invece che 30 e i suoi podi restino 99 invece che 100. Un uomo così non si misura coi numeri. Si ringrazia e basta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

45 risposte a “Solo Loris…

  1. ayrtonforever –
    non fare polemiche sterili e inutili , tu pensala come ti pare e tranquillo che non voglio far cambiareopinione ne a te ne ad altri….Capirossi è stato un gran pilota , ribadisco gli auguro ogni bene per la sua famiglia e li sarà il padre migliore del mondo….in motogp è stato un parassita senza coraggio ….non sulla moto è !! ma la lingua la ha usata solo per….va bene va ciao

  2. ho ancora negli occhi il suo primo titolo mondiale… ha regalato emozioni fortissime ed un coraggio che solo pochi hanno. grazie di tutto campione

  3. ha regalato molto al motociclismo, alla ducati e tifosi. nn ha avuto troppo fortuna e sopratutto un mezzo competitivo. il passaggio alle 800 nn è stato buono per lui. un gran pilota e campione rimane

  4. Proprio non capisco perchè Capirossi lascia proprio. Quando nel 2012 arriverà una 1000 competitiva e facile da guidare, Loris si pentirà di grosso.
    LORIS, RIPENSACI!

  5. Murano35 : ti potrei dire l’esatto contrario : quando tutti passavano in 500, e si scornavano con gli allora mitici americani & C…, Biaggi se ne stava in 250 per fare il campione…contro i ragazzini e Don Nessuno.
    Poi i fatti hanno dato a Cesare quel che e’ di Cesare = Dopo che qualcuno gli avra’ fatto capire a Max che era solo ridicolo, e’ passato alla 500. Risultato = inesistente in 500.Batoste da tutti.

  6. Quando vinceva il suo primo mondiale il 90% degli scriventi non sapeva neanche che esistesse il motociclismo (mi viene da dire: compreso Meda che per fortuna ha tagliato la barba) e una carriera così lunga non si può ridurre alla valutazione degli ultimi 3/4 anni. Indubbiamente uno dei maggiori esempi di coraggio e passione. Non è detto che per essere apprezzati bisogna per forza essere contro la Dorna a tutti i costi.

  7. A me personalmente mancherà,i signori murano35 e skyslacker avrebbero dovuto conoscerlo prima di aprire bocca…di Loris nel paddock rimarrà il ricordo di un grande pilota ma soprattutto di una bella persona con una bella famiglia…Mi permetto di dire una cosa anche a icon of sin…evasore fiscale?MA TU COSA NE SAI?…discorsi da bar…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *