Vettel da paura

Vettel che abbassa la pole dell’anno scorso di 1 secondo, che rifila un giro
scarso al resto del gruppo, che sfiora i muretti, che ha l’occhio pallato,
avrebbe dovuto vincere il mondiale il mese scorso! Perchè, inutile girarci
attorno: il ragazzo è in uno stato di grazia da far paura e va bene che
guida un razzo, ma sto razzo bisogna pur guidarlo, come dimostra bene il pilota
più treste del mondo e del momento: il povero Webber.
Sebastian è – sempre più – un fascio di nervi e lo vedi dalle piccole cose, oltre che dalle grandi. Come entra in pit lane ad esempio, durante le libere: veloce e secco nelle manovre che sembra una lama. Un colpo di gas prima di spegnere la blu e lasciarla tra le mani dei meccanici che la spingono nel box. Come dire: ora spengo va bene, ma non vedo l’ora di riaccendere e buttarmi in pista.

Perchè lui e lei, il piccolo Seb e Kinky Kylie (nomignolo dato dallo stesso Vettel alla RB 2011, per chi se lo fosse perso), se guardi bene non sai dove finisca l’una e inizi l’altro. Perfetti. Tecnicamente e cromaticamente. Che non buchi lo schermo l’avevamo già scritto qui, un po’ di tempo fa, ma sulle altre doti, quelle indispensabili per il mestiere, niente da dire e prosit.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

12 risposte a “Vettel da paura

  1. kimi1983…. velocità pura come Raikkonen non ce n’è, è maturato molto ma la differenza con la scorsa stagione è che questa vettura è disegnata piu su di lui quindi agevolato su Webber…….

  2. Vettel è il talento più puro della F1 attuale assieme ad Hamilton.E’ diventato una macchina, martella giri su giri senza sbagliare niente.La differenza tra lui e Alonso è che il secondo è più mediatico, infatti quando non fa una bella gara è colpa della Ferrari mentre quando fa un buon risultato è perchè lui fa la differenza!E’ sempre stato sopravalutato!Vettel come velocità pura mi ricorda molto Kimi!Credo che anche il prossimo anno per il mondiale non ci sarà storia!Povera Ferrari, l’unica soluzione è ingaggiare Hamilton e mandare via Alonso.

  3. @Ronny Mengo, ciao. ti volevo chiedere: è reale che la michelin ritorno in f.1. e magari assistiamo alla sfida michelin-pirelli?penso che sarebbe bello questa competizione, cosi come il fatto di avere ottime gomme e in base alla caretteristiche delle singole monoposto

  4. un ottimo pilota ,e uno dei migliori di sempre. nn serve solo la migliora macchina per vincere ma anche un grande rendimento e talento. e lui li possiede. vettel e red bull hanno meritato il mondiale

  5. ottimo articolo,finalmete si elogia il pilota attuale più forte del mondiale,tutti a dire guida un razzo ma perchè schumacher non aveva la macchina migliore? quando vibnceva schumacher il merito era suo,vettel anche con la toro rosso andava velocissimo vincendo anche qualche gara,
    oggi vettel e superiore guida la miglior macchina ma ci mette anche del molto del suo basta ricordare il sorpasso ad alonso a monza,non sbaglia mai migliora giro dopo giro,che deve fare di più? sono sicuo che se avrebbe la ferrari non dico che arebbe vinto il titolo ma meglio i alonso che e bravo solo a parlare,massa non lo considero proprio perchè non capisco come mai corre in f1 e uno dei piloti più scarsi

  6. in Italia è sempre cosi, quando vince qualcuno che non fa parte di “nosotros” come direbbe TOTO giu a ipotesi e interpretazioni improponibili! è un grande pilota con ampi margini di miglioramento ha solo 24 anni ed è gia 2 volte campione del mondo(manca poco) è velocissimo e sbaglia poco!! Se facesse quello che sta facendo in REDBULL con la FERRARI sarebbe gia diventato l’idolo di tutti, il pilota piu forte di tutti i tempi!!

  7. grazie a nome di tutti gli appassionati degli sport motoristici come me, i commentatori e giornalisti devono essere il meno faziosi possibile, ok il tifo ma un minimo di oggettività non guasta, a tal proposito ancora commenti al limite del ridicolo di capelli, non si può sentire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *